Resta in contatto

News

Mazzarri: “La Squadra è viva ma anche arrabbiata per la sconfitta immeritata a Genova”

A poco più di ventiquattr’ore dal fischio di inizio, il tecnico livornese ha esposto  i temi della sfida della Unipol Domus contro gli scaligeri

Cagliari-Hellas Verona, domani ore 15, è gara a dir poco fondamentale in casa rossoblù per la salvezza.  La sconfitta rimediata domenica col Genoa, ha complicato di nuovo la situazione. Alla vigilia della sfida ai veneti, il tecnico rossoblù Mazzarri che (dopo tanto tempo ha la rosa al completo) ha espresso il suo pensiero, toccato vari temi. Ecco quali:

CALENDARIO E TIFOSI. “Dobbiamo guardare noi, più che agli altri. Dobbiamo essere più propositivi. Col Sassuolo lo abbiamo fatto e siamo stati bravi, mentre da domenica brucia ancora la sconfitta rimediata col Genoa. Un ko immeritato. Domani affrontiamo la rivelazione Verona. Dobbiamo ripetere la partita aggressiva fatta contro il Sassuolo. Personalmente sono molto carico ma anche molto arrabbiato. Una rabbia che spero di aver trasmesso anche ai ragazzi. I nostri tifosi ci aiuteranno”. 

ASPETTI. “Non vedo tutta  fragilità, onestamente. C’è rammarico per le varie sconfitte. Ma abbiamo fatto la prestazione, non sono arrivati solo i punti. a La Spezia abbiamo fatto una brutta partita, mentre con Lazio e Udinese abbiamo fatto una partita ingenua. Siamo cascati in certe trappole e bisogna fare mea culpa. Domenica il Genoa non è mai stato pericoloso: io ho fatto i cambi per vincere, ma purtroppo è andato tutto storto compreso l’episodio arbitrale sbagliato. La squadra è viva. Domani spero che sia ancora più viva e spero che i risultati ci diano ragione”. 

NANDEZ. “Ha fatto 5 allenamenti con la squadra ed ha un minutaggio limitato. Potrà essere impiegato per il contributo che potrà dare, sperando che stia bene“. 

DIFFIDATI E RECUPERI. “In tanti ruoli l’uno vale l’altro, parlo degli attaccanti ma pure degli altri reparti: solo ora purtroppo stanno rientrando alcuni giocatori che ci sono mancati tutto l’anno, magari uno come Rog potrebbe fare una settantina di minuti. Ora posso fare scelte. Cambi? I tre slot sono un limite. Questo è un calcio che stanca, bisogna entrare nella mentalità che si giochino 90 minuti a questi ritmi. Anche chi non parte dall’inizio è comunque un titolarissimo, ma i ragazzi lo sanno”.

RISPETTO. “Non ho mai dato alibi ai giocatori, io parlo di rispetto: gli arbitri che stiano attenti, poi anche loro commettono errori come noi. Per ora però siamo tutti là, anche se noi abbiamo un vantaggio sugli altri che sono 3 punti. Ora stiamo tranquilli, fiduciosi nell’affrontare il Verona sperando che gli episodi ci diano ragione, perché ce lo meritiamo con la prestazione”. 

SCONTRI DIRETTI. “Ripeto, a La Spezia abbiamo sbagliato, così come a Udine. Nelle altre partite meritavamo di più, a partire da Genova. Il loro gol rocambolesco arrivato nel finale è frutto di diversi errori personali. Domani ci sarà un arbitro internazionale e siamo più tranquilli tutti, però gli episodi di Keita Baldè e Joao Pedro potevano portarci tre punti. Se ripenso alle sfide contro Venezia e Salernitana rivedo alcuni episodi sfortunati, ma è tutto l’anno che gira così. Certamente abbiamo le nostre colpe, con errori che costano punti ma arriveremo all’obiettivo. Questo è il mio pensiero“. 

STUDIARE. In Serie A, lo facciamo noi e ovviamente lo fanno i nostri avversari. In merito vi dico che Bellanova lo hanno capito. Col Milan gli andavano in due. Sarri mi aveva detto di essere preoccupato prima della partita della sua Lazio contro di noi, dopo aver visto la prestazione col Napoli. Questo è il calcio”.

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

34 Commenti
Subscribe
Notificami
guest
34 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

Difesa ballerina, serve tempo a Liverani o è necessario andare sul mercato?

Ultimo commento: "Speriamo che si svegli in fretta la nostra dirigenza se non la finiamo in serie c con la difesa che abbiamo sempre gli stessi errori non si coprano i..."

(SONDAGGIO) Quale modulo per il nuovo Cagliari?

Ultimo commento: "Il tridente con luvumbu a destra lapadula al centro e desogus o contini a sinistra ..... contini è un ragazzo che ha corsa e molto generoso ci..."

Il modulo del nuovo Cagliari, i lettori di CalcioCasteddu promuovono il 4-3-3

Ultimo commento: "GIULINI DAI UNA SPERANZA ALLA SQUADRA ED AI TIFOSI, LASCIA LA PROPRIETA'"

Fascia da capitano, Deiola non convince i lettori di CalcioCasteddu

Ultimo commento: "I rigori li sbaglia chi li tira. Di sicuro non li tira un cacasotto che ha trascorso il suo tempo in campo nascosto dietro l'avversario, sbagliando un..."

(SONDAGGIO) Lapadula la spalla giusta per Pavoletti?

Ultimo commento: "Se avevi Caceres e Godin non saresti retrocesso."
Advertisement

I Miti rossoblu

16 campionati in rossoblu per la bandiera del Cagliari

Daniele Conti

Il portiere del leggendario scudetto del 1969-70

Enrico Albertosi

Magic Box è stato il calciatore sardo più forte in assoluto

Gianfranco Zola

Il giocatore più importante di tutta la storia del Cagliari

Gigi Riva

"BONIMBA", UNO DEI PIÙ FORTI ATTACCANTI ROSSOBLU

Roberto Boninsegna

Altro da News