Resta in contatto

News

Posticipo Serie A: uno Spezia a lungo in inferiorità numerica imbriglia la Roma fino al 98’ poi perde 1-0 su rigore

Assedio giallorosso alla porta di Provedel che nega almeno due gol agli ospiti con super interventi prima di capitolare

TRA SALVEZZA E ZONA EUROPA. Parte subito forte l’undici giallorosso, ad un passo da siglare con Mancini dopo 3’ (colpo di testa parato d’istinto da Provedel) e Pellegrini al 7’. Motta perde Sala, 12’, per un problema fisico e lo sostituisce con Maggiore. Anche l’ex Verde non è fortunato, al termine di un’azione personale al 16’. Un minuto dopo palo pieno di Pellegrini, poi deviazione difensiva provvidenziale, sul tiro di Abraham. Il quale non trova la siglatura un attimo dopo, con palla sul fondo di un non nulla. Continua a fare la gara la compagine ospite, che controlla l’offensiva dei liguri, i quali in modo deciso si rivedono dalle parti di Rui Patricio al 42’, quando Verde su punizione finisce fuori di pochissimo. I liguri vanno all’intervallo in dieci uomini, effetto del rosso (doppio giallo) decretato dall’arbitro Fabbri all’indirizzo di Amian al 45’.

Squadre di nuovo in campo con un cambio per parte: nella Roma fuori Mancini per Zaniolo, nello Spezia Ferrer subentra a Verde. I padroni di casa si salvano dalla marcatura avversaria tre volte in due minuti: prima (48’) manda fuori di poco in girata Abraham, quindi Erlic si oppone all’ultimo istante su Zaniolo e ancora al 50’ botta al volo di Cristante, sfera sul palo. Maggiore fa venire i brividi alla Roma (8’) dopo uno stop e tiro improvviso, quindi Veretout si divora la segnatura al 12’. La resistenza spezzina tiene anche al 25’ sulla battuta  di Pellegrini, respinta da Provedel. Che poi è super (30’) sulla conclusione potete da parte di Zaniolo. Nulla da fare neanche per Mkhitaryan (34’) col l’estremo difensore di casa che vede sfilare e uscire il pallone immobile.

Pellegrini sfiora il palo su punizione al 41′, ma la porta è stregata. Pazzesco finale, con la palla che non entra al 49′ con Zaniolo che colpisce due volte la traversa da posizione ravvicinata. Si accende una mischia col pallone di Abraham fermato in corner. Poi Fabbri va al Var per il calcio in faccia preso da Zaniolo da parte di Maggiore al 51′ . Rigore che al minuto 53′ Abraham sigla per la vittoria finale

14 Commenti
Subscribe
Notificami
guest
14 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

Capozucca, i lettori di CalcioCasteddu si dividono. La maggioranza però cambierebbe ds

Ultimo commento: "sono anni che lo dico, uno capace a prendere morti e strapagarli, e svendere giovani ....vai in pensioneeeee!!"

I lettori di CalcioCasteddu a maggioranza: Cerri merita un’altra chance

Ultimo commento: "ai sapientoni del calcio teorico indichiamo i seguenti dati reali: Cerri anni 26 presenze fra A e B 190 con 35 goal... Brunori anni 28 presenze fra..."

Fascia da capitano, Deiola non convince i lettori di CalcioCasteddu

Ultimo commento: "QUI VA TUTTO MALE.....BENEDIRE PURE I TIFOSI....."

I lettori di CalcioCasteddu divisi: Liverani non è l’uomo giusto per il nuovo Cagliari

Ultimo commento: "Brunori mi sarebbe piaciuto ma come al solito giocatori buoni rifiutano il cagliari,facciamo affari sbagliati,prendiamo giocatori oltre i trenta senza..."

SONDAGGIO – Cerri sulla via del ritorno a Cagliari: giusto dargli un’altra possibilità?

Ultimo commento: "E migliorato molto con i piedi...sa far salire la squadra..meglio cerri con lapadula..affianco"
Advertisement

I Miti rossoblu

16 campionati in rossoblu per la bandiera del Cagliari

Daniele Conti

Il portiere del leggendario scudetto del 1969-70

Enrico Albertosi

Magic Box è stato il calciatore sardo più forte in assoluto

Gianfranco Zola

Il giocatore più importante di tutta la storia del Cagliari

Gigi Riva

"BONIMBA", UNO DEI PIÙ FORTI ATTACCANTI ROSSOBLU

Roberto Boninsegna

Altro da News