Resta in contatto

News

Posticipi Serie A. Colpo della Salernitana: Hellas Verona ko in casa 2-1. L’Inter supera la Lazio a San Siro

Punteggio identico nelle gare giocate al Bentegodi e sul campo della capolista del campionato che risponde al Milan corsaro a Venezia

La Salernitana regala un sorriso al nuovo presidente Iervolino, che per il futuro sogna Gattuso in panchina e Sabatini ds si rifà sotto in classifica.

HELLAS VERONA-SALERNITANA 1-2. Attacca subito la compagine di casa, che pressano in modo asfissiante e tengono l’ultima della classe nella propria area. Al 5’ Simeone sfiora la rete, che non arriva per la deviazione di Veseli. Col passare di minuti l’undici di Colantuono inizia a guadagnare campo, e a guadagnarsi un rigore la 28’, concesso da Dionisi per fallo di Gunter su Gondo in area, che porta Djuric alla battuta vincente un minuto dopo. Prima dell’intervallo (45’) il già ammonito Kastanos anticipa Veloso, con una scivolata che poteva costare il cartellino rosso.

Nel secondo tempo l’Hellas aumenta la pressione pareggia al 18’ in modo fortunoso con Lazovic che profitta prima di battere un non certo perfetto Belec, sulla doppia scivolata contemporanea di Zortea e Veseli. Al 26’ sontuosa punizione di Kastanos, che manda in rete una palla assolutamente imprendibile per Silvestri. Ospiti di nuovo avanti al Bentegodi. Non mollano gli scaligeri, vicinissimi al secondo pareggio al 27’ con Lasagna. Cosa che capita al 34’ a Kalinic. 41’: errore di Djuric e salvataggio sulla linea di Gagliolo, che evita il 2-2. Espulso Ilic (44’) che lascia i suoi in dieci nel finale, compresi i ben 7’ di recupero concessi dall’arbitro.

INTER-LAZIO 2-1. Avvio combattuto, con le due contendenti che se la giocano a viso aperto. Annullata al 17’ per fuorigioco, la rete di Martinez. Padroni di casa in attacco, ma non precisi davanti a Strakosha. Che nulla può al 30’ su Bastoni che (dopo la respinta di Cataldi) aggancia il pallone, poi col sinistro sigla. Praticamente immediata la risposta biancoceleste, che pareggia con Immobile che beffa prima De Vrjii e poi Handanovic e poi al 35’ deposita il pallone a porta vuota. Quattro minuti dopo Pedro in contropiede, obbliga il portiere di casa ala smanaccia per evitare guai. Prima dell’intervallo (46’) Bastoni si vede deviare il tiro destinato in porta, deviato in corner.

Pimpante inizio secondo tempo. Immobile al primo minuto di testa, impegna in due tempi Handanovic. Successivamente (8’) gran palla di Felipe Anderson per Milinkovic-Savic, che sciupa una ghiotta occasione. Dall’altra parte, al 18’, opportunità per Sanchez, che però si trova l’opposizione coi pugni di Strakosha. Che prima (19’) dice no coi piedi a Dumfries, con successivo intervento di Luiz Felipe su Perisic, poi deve arrendersi tre minuti dopo quando sul cross di Bastoni sul colpo di testa di Škriniar, che anticipa Basic. Al 33’ Immobile segna il 2-2, ma netta posizione di fuorigioco del laziale. Infine al 46’, direttamente da angolo, Luis Alberto fallisce il pareggio.

Lascia un commento
Subscribe
Notificami
guest
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

SONDAGGIO – Cagliari in B: Giulini deve restare o sarebbe meglio un’altra proprietà?

Ultimo commento: "Ricorda però di non belare a voce troppo alta 😂"

Salvezza o meno i lettori di CalcioCasteddu vogliono una nuova guida tecnica

Ultimo commento: "Qui permettimi di rispondere; ma non ti sembra un po da miserabili disperati mettere 3 attaccanti contro una squadra di poveracci che meritano di..."

(SONDAGGIO) Ripartire da Agostini o cambiare ancora?

Ultimo commento: "Agostini ha preso una squadra praticamente condannata alla retrocessione. Ci voleva coraggio. Occorre un drastico cambiamento a partire dal presidente..."

(SONDAGGIO) Pereiro, fuoco di paglia o serve fiducia?

Ultimo commento: "È un giocatore che ogni tanto si sveglia del letargo e regala qualche prodezza, ma sono sicuro che un giocatore come Ragatzu avrebbe dato di più al..."

(SONDAGGIO) Cagliari-Sassuolo, ultima spiaggia per Mazzarri?

Ultimo commento: "Non credo che Mazzarri abbia molte colpe, visto che ha trovato una squadra inadeguata e anche impreparata, gli innesti di dicembre hanno portato..."
Advertisement

I Miti rossoblu

16 campionati in rossoblu per la bandiera del Cagliari

Daniele Conti

Il portiere del leggendario scudetto del 1969-70

Enrico Albertosi

Magic Box è stato il calciatore sardo più forte in assoluto

Gianfranco Zola

Il giocatore più importante di tutta la storia del Cagliari

Gigi Riva

"BONIMBA", UNO DEI PIÙ FORTI ATTACCANTI ROSSOBLU

Roberto Boninsegna

Altro da News