Resta in contatto

News

Anticipo Serie A: lo Spezia punge l’Atalanta andando in vantaggio poi subisce un pesante 5-2

Al Gewiss Stadium ben sette reti nel confronto tra i bergamaschi e i liguri nella sfida allievo-mastro tra Gasperini e Thiago Motta

Continua il grande momento dell’Atalanta in campionato. Dopo la sofferta vittoria a Cagliari, i bergamaschi battono nettamente in rimonta 5-2, lo Spezia. Da notare che, nonostante una gara fondamentale, martedì in Champions martedì contro lo Young Boys, tanti i titolari per i bergamaschi in campo oggi pomeriggio.

ALLIEVO CONTRO MAESTRO, CAPITOLO DUE. Tredici anni fa al Genoa, Thiago Motta giocatore, Gasperini allenatore, oggi avversari in panchina. A sorpresa (11’) arriva il vantaggio siglato da NZola, che supera Musso con un comodo tiro in rete, dopo la traversa colpita da Verde con sfera toccata dal portiere argentino. Un gol che regala fiducia agli spezzini, ancora al tiro con Verde al quarto d’ora. Al 18’ giunge però il pareggio di Pasalic (botta di prima intenzione) sull’assist di Zappacosta e palla toccata da Zapata. Maehle vicino al 2-1 tre minuti dopo, poi Maggiore spreca tutto al 22’ e Amian (26’) è fondamentale su Zapata. Insiste la quarta della classe, che non segna però sia al 27’ con Zappacosta e due minuti dopo sul sinistro a giro di Koopmeiners. Tocco con la mano evidente di (33’) Sala sul tiro di Maehle, Maggioni al Var vede le immagini al rallenty e chiama alla visione anche Abisso. Il quale rientra in campo e indica il dischetto e ammonisce l’autore del fallo. Dagli undici metri Zapata si fa parare il tiro non battuto certo bene, da Provedel.

L’arbitro però, ancora su segnalazione Var, fa ribattere. Stavolta Zapata non sbaglia e decreta il ribaltamento del match. Al 41’ il colombiano, in contropiede micidiale, serve Pasalic che alza il piattone e segna il 3-1. Che Provedel, con una parata su Zapata, fa si che sia 4-1 al 44’. Pasalic colpisce il palo al 3’ del secondo tempo, poi al 13’ Hristov che impedisce a Pasalic di calciare in porta. Nulla da fare neanche per Zappacosta (17’) sulla sua conclusione potente, respinta con i pugni da Provedel. Musso (21’) si oppone al destro di controbalzo di Nzola. Djimsiti grazia il portiere avversario al 24’, mentre non ha fortuna neanche Zapata poco dopo (33’). Maggiore fa venire i brividi ai tifosi di casa al 3’, quando il suo destro a giro sfiora la rete. Il 4-1 Atalanta chiude i giochi con Pasalic, dimenticato da Hristov al 39’. Un minuto dopo Musso evita la seconda rete ospite, con una parata importante su Colley. Il finale è di 5-2, vista la seconda rete ospite di Nzola (doppietta personale) al 47′.

Lascia un commento
Subscribe
Notificami
guest
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

(SONDAGGIO) Lapadula e Pavoletti, staffetta o devono giocare insieme?

Ultimo commento: "Ne uno ne l' altro. Secondo me non deve giocare dall' inizio ne uno ne l' altro. farei giocare Pereiro come falso nove, Desogus e Luvumbo larghi. Poi..."

Poca affidabilità dietro, per i lettori di CalcioCasteddu servono rinforzi

Ultimo commento: "Se Briatore prendesse il Cagliari non sarebbe male… ci pensasse seriamente."

(SONDAGGIO) Quale modulo per il nuovo Cagliari?

Ultimo commento: "Allenatore non all'altezza ... come capita sempre del resto nelle scelte di Giulini"

Il modulo del nuovo Cagliari, i lettori di CalcioCasteddu promuovono il 4-3-3

Ultimo commento: "Giulini drogato, Capozucca il suo pusher"

Difesa ballerina, serve tempo a Liverani o è necessario andare sul mercato?

Ultimo commento: "Tu ti sei già abituato al mestolo di Giulio, continua a lucidarglielo per bene, mi raccomando."
Advertisement

I Miti rossoblu

16 campionati in rossoblu per la bandiera del Cagliari

Daniele Conti

Il portiere del leggendario scudetto del 1969-70

Enrico Albertosi

Magic Box è stato il calciatore sardo più forte in assoluto

Gianfranco Zola

Il giocatore più importante di tutta la storia del Cagliari

Gigi Riva

"BONIMBA", UNO DEI PIÙ FORTI ATTACCANTI ROSSOBLU

Roberto Boninsegna

Altro da News