Resta in contatto

News

Anticipo Serie A: quattro gol e bel ritmo a Marassi nel 2-2 tra Sampdoria e Inter

Una spettacolare punizione di Dimarco regala il vantaggio ai nerazzurri raggiunti da Yoshida. Poi segnano anche Martinez e Augello

Il primo anticipo delle 12,30 della nuova stagione della Serie A finisce con un bel 2-2 tra Sampdoria e Inter. Pareggio tutto sommato giusto.

PRANZO A MARASSI. Come in altri stadi, anche l’impianto che ospita le gare casalinghe dei blucerchiati, ritrova i tifosi ovviamente (causa Pandemia) in numero minore rispetto al tutto esaurito. D’Aversa schiera titolare l’ultimo arrivato dal mercato estivo, ovvero Caputo. Dall’altra parte, out per infortunio Bastoni, Dimarco in campo dal 1’.  Pressing dei padroni di casa che cercano di non far ragionare i campioni d’Italia, che col passare dei minuti aumentano il raggio d’azione verso la porta avversaria, andando in vantaggio con un capolavoro su punizione (manata di Colley a Martinez) al 18’ di Dimarco che toglie le ragnatele dall’incrocio dei pali dove Audero, nonostante il gran salto, non ci può arrivare. La squadra di casa ha il merito di non scomporsi e, sugli sviluppi di un angolo e qualche ribattuta, pareggia al 34’ con Yoshida con impercettibile deviazione di Dzeko. All’intervallo la squadra di Simone Inzaghi va in vantaggio per 2-1, frutto del nuovo vantaggio (44’) firmato Martinez, il quale deve solo appoggiare in rete la palla servita da Barella.

Il secondo tempo si apre con la splendida rete di Augello al 2’, che lascia di sasso Handanovic con il sinistro al volo da puro mancino. Applausi per la sfera servita da Bereszynksi. Gara apertissima ad ogni risultato al Ferraris o Marassi, come preferite chiamare lo stadio. Dzeko (6’) Lautaro (8’) e soprattutto al minuto 11 Calhanoglu vicinissimi al 3-2. Non sta a guardare la Sampdoria, che al 13’ con Caputo sbaglia calciando male davanti alla porta. Al 36’ da segnalare un silent check del Var, dove c’è Nasca, per un presunto tocco di mano di Murru in area di rigore. Nulla di irregolare però e si prosegue. Negli oltre 7′ di recupero concesso da Orsato, non accade nulla di rilevante e la sfida si chiude 2-2

Lascia un commento
Subscribe
Notificami
guest
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement
Advertisement

I Miti rossoblu

16 campionati in rossoblu per la bandiera del Cagliari

Daniele Conti

Il portiere del leggendario scudetto del 1969-70

Enrico Albertosi

Magic Box è stato il calciatore sardo più forte in assoluto

Gianfranco Zola

Il giocatore più importante di tutta la storia del Cagliari

Gigi Riva

"BONIMBA", UNO DEI PIÙ FORTI ATTACCANTI ROSSOBLU

Roberto Boninsegna

Altro da News