Resta in contatto

Approfondimenti

Aritzo, l’alfabeto del ritiro rossoblù

Il mini-ritiro di Aritzo va in archivio: cosa resta di questi tre giorni al seguito del Cagliari di Semplici? Scopriamolo insieme

A come ALTARE. Il centrale, arrivato in rossoblù da poco, ha mostrato buona solidità fisica e compostezza. “Per me è un sogno essere qui”, ha dichiarato ieri. Si ritaglierà uno spazio?

B come BIANCU. Il centrocampista sardo, per l’ennesima volta aggregato al ritiro estivo, spera di aver convinto Semplici che ha speso parole positive su di lui. Futuro rossoblù in bilico: ancora.

C come CERRI. Il poderoso attaccante parmense, al centro di insistenti voci che lo vogliono lontano da Cagliari, non si è segnalato per avere il “piede caldo” sotto porta.

D come DALBERT. Titubante nelle prime battute, poi un pochino meglio. Da sottolineare la propensione al tackle, seppur da ripulire. Rimandato, per capire il suo peso per il Mister.

E come EVANESCENZA. Aggettivo che può essere accostato ad alcuni elementi, un po’ in ombra, su cui Semplici conta di fare affidamento. Tra questi il citato Dalbert e Walukiewicz.

F come FURIOSO. È il vai e vieni sul campo, diventato un must, di Leonardo Semplici al telefono prima degli allenamenti. Il Mister sarà preoccupato per la sua rosa?

G come GASTÓN. Pereiro, il suo sinistro e un ruolo da trequartista. Semplici ha sottolineato che si aspetta tanto da lui: “Deve essere il suo anno”. Se lo augurano anche i tifosi.

I come IRRIDUCIBILI. Nonostante le condizioni meteo non proprio favorevoli della prima metà del ritiro, non sono mai mancati i tifosi ad Aritzo: da applausi.

J come JOÃO PEDRO. Capelli rasati e biondi alla sommità, il brasiliano trotta sornione e scalda il destro per la stagione alle porte. Il Cagliari, davanti, gli chiederà ancora tanto.

K come KEVIN. Il nuovo arrivo Strootman è uomo di carattere e sostanza. Sinistro educato, personalità e qualche “strigliata” ai compagni sono doti gradite.

L come LEO. Pavoletti è ancora alle prese con qualche problemino fisico, necessita di altro tempo per recuperare la forma e soprattutto il killer instinct in area di rigore. Altruista.

M come MATE. Giovanni Simeone non se ne separa mai! Anche nelle pause degli allenamenti, è difficile vederlo senza il suo “compagno” tra le mani.

N come NÁNDEZ. La sua assenza si sente eccome, così come la presenza percepita come un qualcosa di lontano, ormai. La telenovela dell’estate rossoblù.

O come OBERT. Nota di merito al giovane difensore slovacco. Fisicamente c’è, non sbanda mai e soprattutto non si fa pregare per calciare in porta.

P come PERSONALITÀ. Cavuoti, uno della pattuglia green portata in ritiro da Semplici, è un ragazzo che sa il fatto suo. Lotta per una conferma in prima squadra.

Q come QUARANTA. Sono gli anni che, calcisticamente parlando e per l’approccio maturo a tutto ciò che lo circonda, dimostra Andrea Carboni. Un patrimonio da difendere.

R come RESPONSABILITÀ. Quella che sicuramente sente sulla pelle Luca Ceppitelli, circondato da compagni giovani in retroguardia. Chioccia del gruppo.

S come SESSIONI. La truppa rossoblù si è dedicata con piacere ai mini incontri con la tifoseria dopo ogni allenamento, soprattutto la sera, per autografi e foto ricordo.

T come TORELLO. Il più semplice e immediato modo per rompere il ghiaccio nelle sessioni e creare situazioni divertenti, cementare il gruppo.

U come UNICO. Domenico, piccolo tifoso rossoblù, è stato attivissimo nei momenti in cui la squadra (a fine allenamento) dedicava dei momenti all’incontro con i supporters.

V come VORTICI. Sono quelli, ormai storici, che possono avvolgere lo Stadio del Vento in alcuni tratti. Li conoscono bene addetti ai lavori e tifosi!

W come WALUKIEWICZ. Il giovane difensore polacco è un grande punto interrogativo. Le qualità ci sono, la consapevolezza pure. Ma a volte fa prendere dei grossi spaventi là dietro…

Z come ZERO. Come i gol subiti nel test contro l’Olbia di ieri. Diversi i tentativi contro Radunovic e Aresti, sempre sul pezzo.

Dal nostro inviato ad Aritzo Fabio Ornano

 

25 Commenti
Subscribe
Notificami
guest
25 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement
Advertisement

I Miti rossoblu

16 campionati in rossoblu per la bandiera del Cagliari

Daniele Conti

Il portiere del leggendario scudetto del 1969-70

Enrico Albertosi

Magic Box è stato il calciatore sardo più forte in assoluto

Gianfranco Zola

Il giocatore più importante di tutta la storia del Cagliari

Gigi Riva

"BONIMBA", UNO DEI PIÙ FORTI ATTACCANTI ROSSOBLU

Roberto Boninsegna

Altro da Approfondimenti