Resta in contatto

News

Aritzo, giorno 2: mattino a nascondino con il freddo

Il Cagliari di Leonardo Semplici ha aperto la seconda giornata ad Aritzo con la sessione mattutina: meteorologicamente parlando, allenamento… al freddo

La mattina fresca e ventosa, dopo una notte che ha visto pure un po’ di pioggia, ha accolto il Cagliari per la seconda seduta d’allenamento ad Aritzo. Cielo sempre nuvoloso, tale da non rendere giustizia allo sconfinato verde che circonda lo Stadio del Vento. L’allenamento non è ancora cominciato: inizia a piovere.

I primi ad iniziare la seduta sono Aresti e Cragno, mentre qualche coraggioso appassionato – vista la giornata – occupa qualche posto sugli spalti. Lo staff opta per il lavoro in palestra, in luogo di quello sul campo: terreno ritenuto troppo pesante dopo la pioggia notturna? Dopo un leggero riscaldamento, il gruppo ritorna sotto i gazebo vicino agli spogliatoi per svolgere alcuni esercizi.

Dalla truppa rossoblù si staccano Dalbert e Tripaldelli, scortati in auto lontano dalla struttura da un membro dello staff: per loro esercizi a parte da effettuare in albergo. Gli unici sull’erba dello Stadio del Vento restano il preparatore dei portieri Bressan con Aresti e Cragno: elastico in vita e prese con movimenti laterali. Radunovic non si è unito a loro.

Verso le 10:30 timidi segnali di ripresa del lavoro sul terreno di gioco. Pavoletti lascia la struttura. I suoi compagni ricominciano sotto la pioggia, scatti e frenate tra i paletti. Tra i primi Zappa, Lykogiannis e João Pedro. Il greco e Carboni utilizzano l’elastico per provare accelerazioni sul breve e qualche salto. Diversi giocatori si misurano sulla “crossbar challenge”, con esiti trascurabili. Solo alcuni riescono a colpire la traversa. L’impianto aritzese viene avvolto a tratti da vere e proprie raffiche di vento e pioggia, per una seduta… “da brivido”. Mesto arrivederci all’impianto, appuntamento al pomeriggio.

Dal nostro inviato ad Aritzo Fabio Ornano

5 Commenti
Subscribe
Notificami
guest
5 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement
Advertisement

I Miti rossoblu

16 campionati in rossoblu per la bandiera del Cagliari

Daniele Conti

Il portiere del leggendario scudetto del 1969-70

Enrico Albertosi

Magic Box è stato il calciatore sardo più forte in assoluto

Gianfranco Zola

Il giocatore più importante di tutta la storia del Cagliari

Gigi Riva

"BONIMBA", UNO DEI PIÙ FORTI ATTACCANTI ROSSOBLU

Roberto Boninsegna

Altro da News