Resta in contatto

Euro 2020

L’Odissea di Spinazzola fatta di sofferenze e rivincite

La rottura del tendine d’Achille ha fermato l’ascesa di Spinazzola ad Euro2020. La sua storia

Da un eroe all’altro, da Achille a UlisseLeonardo Spinazzola che in quest’Europeo sembrava davvero inarrestabile non poteva che essere fermato come il Pelide, con un problema al tendine d’Achille. Dopo quattro partite e ottanta minuti in cui ha corso su e giù per la corsia sinistra come un maratoneta senza però perdere lucidità avvicinandosi all’area, l’Italia dovrà a fare meno di lui. Vederlo uscire in barella tra le lacrime sicuramente non è un’immagine per persone sensibili.

Ora lo aspettano almeno quattro mesi di duro lavoro per provare a tornare il prima possibile in campo. Lo rivedremo sorridere con quella leggerezza che ha mostrato quest’estate. Per arrivare a splendere in questa preziosissima vetrina ce ne ha messo di tempo l’Ulisse di Foligno, uno che ha viaggiato e ha saputo rialzarsi più volte. Cresciuto nelle giovanili della Juventus ha iniziato a girovagare perché i bianconeri in lui non hanno mai creduto davvero. Ecco quindi gli anni in B, dove si è messo alla prova. Empoli, Lanciano, Siena, Vicenza, Perugia.

Ha visto l’Italia in lungo e in largo senza scoraggiarsi quando la A sembrava non arrivare. L’Atalanta poi ha deciso di puntare su di lui e lo ha valorizzato, facendolo giocare anche in Europa League. A Bergamo è arrivato però anche il primo grande infortunio, per cui si è dovuto operare al legamento crociato. Centocinquantadue giorni di assenza e ventiquattro partite saltate. Il ritorno nella Torino bianconera, nonostante lì abbia vinto lo scudetto, non gli ha ridato le soddisfazioni che meritava. L’ultimo viaggio allora lo ha portato a Roma e come Romolo e Remo si è fatto allattare dalla Lupa fino a ricevere le attenzioni dell’Inter. I nerazzurri però due inverni fa all’ultimo hanno deciso di fare retromarcia perché non si fidavano delle sue condizioni fisiche.

È rimasto allora in giallorosso, senza perdersi d’animo per l’ennesimo accostamento ad una big, e ha saputo cogliere il treno azzurro guidato da Mancini. Un grande Europeo fino alla partita con il Belgio dove, dopo che il suo nome è stato scritto nei taccuini dei top club europei, si è rotto il tendine d’Achille.

3 Commenti
Subscribe
Notificami
guest
3 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

Difesa ballerina, serve tempo a Liverani o è necessario andare sul mercato?

Ultimo commento: "Bisognerebbe intervenire con competenza... perché intervenire come hanno sempre fatto negli ultimi non serve a niente (Godin, Caceres, Rugani, Lovato..."

(SONDAGGIO) Quale modulo per il nuovo Cagliari?

Ultimo commento: "p.s: io mi fido di te. Ma tu fidati di me: Viola vi farà tornare in serie A. Insieme a Liverani che alcuni stupidamente attaccano."

Il modulo del nuovo Cagliari, i lettori di CalcioCasteddu promuovono il 4-3-3

Ultimo commento: "GIULINI DAI UNA SPERANZA ALLA SQUADRA ED AI TIFOSI, LASCIA LA PROPRIETA'"

Fascia da capitano, Deiola non convince i lettori di CalcioCasteddu

Ultimo commento: "I rigori li sbaglia chi li tira. Di sicuro non li tira un cacasotto che ha trascorso il suo tempo in campo nascosto dietro l'avversario, sbagliando un..."

(SONDAGGIO) Lapadula la spalla giusta per Pavoletti?

Ultimo commento: "Se avevi Caceres e Godin non saresti retrocesso."
Advertisement

I Miti rossoblu

16 campionati in rossoblu per la bandiera del Cagliari

Daniele Conti

Il portiere del leggendario scudetto del 1969-70

Enrico Albertosi

Magic Box è stato il calciatore sardo più forte in assoluto

Gianfranco Zola

Il giocatore più importante di tutta la storia del Cagliari

Gigi Riva

"BONIMBA", UNO DEI PIÙ FORTI ATTACCANTI ROSSOBLU

Roberto Boninsegna

Altro da Euro 2020