Resta in contatto

Settore Giovanile

Primavera 1, Cagliari: è il momento delle vacanze. Agostini si gode i suoi ragazzi

Difficoltà, play-off non centrati ma anche soddisfazioni per Contini e compagni che hanno anche messo paura ad alcune big

La stagione del Cagliari Primavera si è chiusa ieri pomeriggio in terra Piemontese. Il 2-0 subito dalla Juventus, che va ai play-off, è stato certamente indolore per Boccia e compagni che, non dimenticato, ha visto Agostini prendere in mani il progetto (al posto di Canzi andato a guidare in Serie C l’Olbia) con un gruppo composto di molti ragazzi che per la prima volta si affacciavano a questa categoria, dopo le varie Under.

IL RESOCONTO FINALE. Nelle parole del tecnico la soddisfazione per quanto portato a casa con l’undicesimo posto fnale non manca di certo. Abbiamo disputato una stagione particolare, tutti conosciamo il modo in cui siamo partiti, le prime gare disputate con pochi giorni di lavoro, fino alla lunga sosta che ci ha tolto per un bel po’ ciò che più amiamo ma ci ha anche permesso di iniziare davvero a scrivere questo libro. Dopo la ripartenza penso si sia visto un Cagliari vero, concreto, una squadra solida, con valori importanti, di fatto mai succube di alcun avversario”.

“C’è un po’ di dispiacere per qualche punto perso per strada a causa dell’inesperienza, ma credo che osservando il nostro cammino nel complesso si vedano ampi margini di miglioramento, crescita esponenziale di tanti elementi, partite entusiasmanti, emozioni forti, un futuro che può essere importante. Sono soddisfatto, ma l’obiettivo è e sarà sempre quello di guardare più in alto ambendo ad un miglioramento di quanto fatto in precedenza”.

ORA VACANZE. Si è staccata la fine con l’undicesimo posto finale. Nelle 30 gare giocate il Cagliari ha trionfato 11 volte (fiore all’occhiello i successi contro l’Atalanta campione d’Italia, la Juventus e la Fiorentina al ritorno),7 pareggi e 12 sconfitte. Contro l’appena citata Fiorentina all’andata sicuramente il punto più basso. Dopo la pausa Agostini e la dirigenza programmeranno il futuro. Qualcuno verrà aggregato a Peio nel ritiro della prima squadra, qualcun altro invece andrà all’Olbia in prestito, ma in tanti faranno parte dell’ossatura della prossima stagione. Ovviamente ancora nella Primavera 1.

6 Commenti
Subscribe
Notificami
guest
6 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Trap
Trap
1 mese fa

Rispetto per Agostini ma non preparato per guidare la Primavera .

beppe
beppe
1 mese fa
Reply to  Trap

io invece ho la sensazione che la squadra abbia opportunamente giocato secondo le caratteristiche dei suoi calciatori. Squadra pratica senza tiki taka ma in grado di fare un fraseggio letale in ripartenza. Io direi bravo Agostini.
A te cosa non convince? … giusto per capire meglio il tuo punto di vista …

Adriano
Adriano
1 mese fa

A parte Contini e Boccia il resto mi sembra l’armata Brancaleone. Delpupo un treno senza freni, sempre ad investire l’avversario. Desogus uno sciatore con troppa sciolina sotto i piedi, sterza e cade. Non c’è mai un passaggio preciso, 4 su 5 sbagliati. Per stoppare un pallone minimo tre tocchi. Gol sbagliati ohiohia. L’anno prossimo lavorare sodo. Ajo’

beppe
beppe
1 mese fa
Reply to  Adriano

scarsi i singoli, scarso il gruppo …. qualcosa non torna nel tuo ragionamento perchè è stato fatto un campionato di media classifica dove anche con le più forti se la sono giocata

Lorenzo
Lorenzo
1 mese fa
Reply to  Adriano

Il solito personaggio che sa solo criticare e non vede oltre il suo naso. Oltre ai citati Contini e Boccia nella Primavera si sono messi in evidenza altri ragazzi: gli ottimi Michelotti e Kourfalidis che secondo me sono da aggregare alla prima squadra, per finire con i bravi Masala, Palomba, Boccia, Tramoni, Delpupo, Desogus, Kouda e Cavuoti. Quasi tutti diciottenni. Bisogna incoraggiarli a fare di più non criticarli senza motivo ??

Pierluigi
Pierluigi
1 mese fa
Reply to  Lorenzo

A ME TRANNE CHE DELPUPO CHE NON E CHE MI HA MAI ENTUSIASMATO CONTI CHE NON E CHE HA FATTO QUELLO CHE CI SI ASPETTAVA IL RESTO E UNA BELLA SQUADRA

Advertisement
Tiddia

Mario Tiddia

Ultimo commento: "Era un ottimo terzino. Un marcatore duro e irriducibile. Come allenatore, parlano i risultati. Amava l'essenziale e nello stesso tempo curava..."
zola

Gianfranco Zola

Ultimo commento: "Conosciuto personalmente quando studiava a Nuoro, oltre ad essere stato un grande professionista è una bella persona nella vita di tutti i giorni...."

Gigi Riva

Ultimo commento: "Ho colorizzato questa foto del mito."
Francescoli

Enzo Francescoli

Ultimo commento: "In questa Foto assomiglia a Milito"

Fabrizio Cammarata

Ultimo commento: "Ma Cammarata chi? E dai, aggiorniamole queste pagine..."
Advertisement

I Miti rossoblu

Magic Box è stato il calciatore sardo più forte in assoluto

Gianfranco Zola

Il giocatore più importante di tutta la storia del Cagliari

Gigi Riva

Altro da Settore Giovanile