Resta in contatto

News

Posticipo Serie A: gol e emozioni all’Olimpico nel 2-2 tra Torino e Juventus

Dopo il gol di Chiesa e la doppietta di Sanabria, Ronaldo evita la seconda sconfitta di fila ai bianconeri che non vincono più

Arriva un punto a testa nel deby.2-2 tra Torino e Juventus, al termine di un match che fa allungare i granata di un punto in classifica sul Cagliari terzultimo, mentre per i bianconeri è un altro risultato negativo.

LA STRACITTADINA. Con la rabbia di una squadra ferita dal ko interno col Benevento, la squadra di Pirlo si presenta al tiro con Morata (su passaggio di Chiesa) al 2’ impegnando Sirigu, il quale al 4’ respinge il tiro violento ma centrale di Chiesa. Due minuti dopo Ansaldi appoggia per Mandragora, che calcia di prima intenzione con la sfera di poco a lato. I bianconeri sbloccano la sfida al 13’. Lo fanno con l’ex Fiorentina Chiesa, che riceve palla da Morata e penetra in area e palla nel sacco con un rasoterra che passa tra le gambe di Sirigu e si insacca in rete. La reazione dei granata è nel tiro (22’) dell’ex Rincon a botta sicura: Szczesny è battuto, ma l’opposizione di Alex Sandro che salva il pareggio. Che al 26’, sulla respinta non perfetta del portiere, per la botta di Mandragora trova Sanabria di testa ad insaccare. Nella parte finale del tempo, meglio gli uomini di Nicola che vanno al riposo di 15’ dopo 1’ di recupero, sull’1-1 col brivido sul colpo di testa di Morata di testa sul passaggio di Cuadrado, che trova la respinta in tuffo del portiere sardo del Toro, attento anche nella presa a terra al 44’ su Alex Sandro e Chiesa che sfiora il gol 46’ con una tiro di puro istinto.

Incredibile avvio dei padroni di casa, che siglano il 2-1 con Sanabria dopo 17” complici due errori dei bianconeri, il primo di Kulusevski, il secondo (decisivo) da parte di Szczesny. 8’: Ronaldo si alza su un cross di Kulusevski e di testa trova la super risposta del portiere, che evita il 2-2. Col tempo che scorre si ha l’impressione che il Torino possa controllare la contesa contro una Juventus che ha qualità maggiore, ma è abbastanza confusionaria fatica ad essere pericolosa.  Lampo di Ronaldo (25′) zuccata alta sopra la traversa non di molto. Spingono i bianconeri, anche se il cronometro scorre inesorabile. Ronaldo sigla al 34′, su sponda di Chiellini. Fabbri fischia il fuorigioco, ma dal Var Mazzoleni parla all’auricolare del direttore di gara e assegna la rete. 35′: suntuoso intervento di Sirigu su Bentancur, quindi al 38′ zuccata di Ronaldo negato anche al portoghese il 3-2, che per un soffio non realizza Sanabria al 45′. Ammonito per simulazione (47′) BernardeschiBaselli sfiora la vittoria su punizione al 47′. Il derby finisce 2-2.

 

12 Commenti
Subscribe
Notificami
guest
12 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement
Advertisement

I Miti rossoblu

16 campionati in rossoblu per la bandiera del Cagliari

Daniele Conti

Il portiere del leggendario scudetto del 1969-70

Enrico Albertosi

Magic Box è stato il calciatore sardo più forte in assoluto

Gianfranco Zola

Il giocatore più importante di tutta la storia del Cagliari

Gigi Riva

"BONIMBA", UNO DEI PIÙ FORTI ATTACCANTI ROSSOBLU

Roberto Boninsegna

Altro da News