Resta in contatto

News

Zenga: “Un allenatore deve saper scegliere il miglior modulo per i propri calciatori”

Le parole dell’ex tecnico del Cagliari, che parla tra l’altro anche della sua ultima squadra e di come deve essere scelto il sistema di gioco in una squadra

L’entusiasmo non passa mai, fosse per lui sarebbe già seduto su una nuova panchina. Se di Serie A, ancora meglio. Walter Zenga, dalla sua residenza di Dubai, tocca diversi argomenti.

“In questo periodo a Dubai mi limito a vedere le partite in televisione”, spiega Zenga a La Gazzetta dello Sport, “è un momento particolare, ne approfitto per passare del tempo con i miei figli: li vado a prendere a scuola e mi diverto con loro. Insomma, faccio il papà a tempo pieno. La mia esperienza a Cagliari? Onestamente, ammetto che mi sarebbe piaciuto proseguire: avrei potuto costruire un qualcosa di speciale perché, personalmente, si trattava di una tappa importante per la carriera. Non fu semplice, considerando il lockdown e le tante partite giocate in soli 40 giorni: non ci fu il tempo di studiare a fondo la rosa, valutare i nostri talenti e lavorare in un certo modo. Tutto ciò mi ha un po’ penalizzato, ma tant’è: non porto rancore e guardo avanti. Se potessi tornare indietro, forse farei un qualcosa di diverso. Tuttavia, a livello contrattuale, la situazione mi sembrava già delineata. Tornare in Serie A? So che potrei essere ancora protagonista. Ci sono molti colleghi giovani, ma non conta l’età, bensì la mentalità, l’atteggiamento e le capacità. Bisogna sapersi adattare alle rose a disposizione: a Cagliari, per esempio, giocavamo con il 3-4-1-2, a Crotone con il 4-3-3. Un allenatore, prima di tutto, deve scegliere il miglior abito per i propri calciatori. Allenare all’estero? Voglio tornare in A, anche se il mio curriculum ‘parla’ straniero. Purtroppo ho avuto la sfortuna di trovarmi in quattro-cinque situazioni particolari, come alla Sampdoria. Nulla contro Montella, che prese il mio posto, ci mancherebbe, ma i risultati non cambiarono. A Venezia, discorso simile. È andata così, ciò che conta è pensare che ci sarà sempre un domani”. Tanta Inter in Nazionale? Inevitabile parlare di Bastoni e Barella. Volevo Alessandro quando ero al Crotone, purtroppo non se ne fece nulla. Su Nicolò, beh… che dire: ne parlai per la prima volta con Giulini nel 2014, quando era in Primavera e in Prima squadra al Cagliari c’era Zeman. Il presidente, lo ricordo benissimo, mi disse: ‘Walter, questo ragazzo è veramente forte’. Direi che il tempo gli ha dato ragione. Un applauso a Conte, che è riuscito a valorizzare entrambi”.

 

 

 

54 Commenti
Subscribe
Notificami
guest
54 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

(SONDAGGIO) Ripartire da Agostini o cambiare ancora?

Ultimo commento: "IO O PAURA CHE L'ANNO PROSSIMO L'ALLENATORE DEL CAGLIARI SARA INDOVINATE UN PO? GIULINIIIIII CON PASSETTI PROMOSSO DIRETTORE SPORTIVO....VISTO CHE..."

(SONDAGGIO) Pereiro, fuoco di paglia o serve fiducia?

Ultimo commento: "Bravo, ma senza "garra"!"

(SONDAGGIO) Cagliari-Sassuolo, ultima spiaggia per Mazzarri?

Ultimo commento: "Non credo che Mazzarri abbia molte colpe, visto che ha trovato una squadra inadeguata e anche impreparata, gli innesti di dicembre hanno portato..."

(SONDAGGIO) Cambio in panchina, giusto esonerare ora Mazzarri?

Ultimo commento: "decisione tardiva ma indispensabile. con Mazzarri la B era sicura , forse adesso c è qualche stimolo in più. Purtroppo è l epilogo di una serie di..."

Mazzarri, i lettori di CalcioCasteddu vogliono finire la stagione con il tecnico

Ultimo commento: "In ogni caso,ce la siamo scappati lo scorso anno, per il rotto della cuffia. La Salernitana, grazie a Nicola, provvidenziale il cambio,Colantuono è..."
Advertisement

I Miti rossoblu

16 campionati in rossoblu per la bandiera del Cagliari

Daniele Conti

Il portiere del leggendario scudetto del 1969-70

Enrico Albertosi

Magic Box è stato il calciatore sardo più forte in assoluto

Gianfranco Zola

Il giocatore più importante di tutta la storia del Cagliari

Gigi Riva

"Bonimba", uno dei più forti attaccanti rossoblu

Roberto Boninsegna

Altro da News