Resta in contatto

News

Anticipo Serie A: l’Atalanta vince 2-1 con affanno a Crotone e riprende la corsa dopo due ko di fila

Fondamentali le reti di Muriel nel primo tempo. Simy accorcia ma non evita la quinta sconfitta in sei gare per la sua squadra

L’Atalanta ritrova la vittoria, dimenticando le precedenti due sconfitte in campionato, contro Napoli e Sampdoria. Lo fa battendo in trasferta 2-1 il Crotone (alla quinta sconfitta in sei gare giocate al ritorno in Serie A)  con una doppietta di Muriel, ma specie nella ripresa soffrendo nella ripresa.

RITORNO AL SUCCESSO. La sfida dello Scida si accende al 5’ con l’occasione vantaggio sfiorata da Muriel. I calabresi senza Molina (alle prese con il Covid-19) rispondono con Reca due minuti dopo, che mette i brividi a Sportiello. Dall’altra parte il suo collega Cordaz è decisivo a negare lo 0-1 (8’) su uno scatenato Muriel, Il colombiano ci riprova senza successo al 21’, mentre non fallisce la chance al 26’ quando, servito al limite si gira e batte al volo la palla, che si infila nell’angolino. Gli orobici spingono, sfiorano il raddoppio (28’) con Malinovski, con Gomez al 31’ e al 36’ ancora con Muriel (sui cui si salva di piede Cordaz) ma lo siglano al 38’ proprio con l’ex Udinese e Fiorentina. Gli uomini di Stroppa riaprono alla sfida, fino a quel momento in mano alla squadra di Gasperini (ex di turno dal 2003 al 2006) con Simy al 40’ che batte Sportiello con un tiro in diagonale. L’arbitro Dionisi di L’Aquila, manda le due squadre al riposo dopo 1’ di recupero.

Nella seconda parte della contesa  problemi per la squadra bergamasca arrivano dalle uscite per problemi muscolari, rimediati da Hateboer e Romero (non bene in vista della gara di   Champions col il Liverpool martedì). Al 19’ Freuler provvidenziale su Messias a negare il 2-2 dopo che l’attaccante del Crotone aveva scartato Sportiello. Al 26 è invece Cordaz ad evitare la terza rete atalantina, su Malinovskyi. La partita è ancora aperta e gli ospiti vanno ancora due volte ad un passo dalla marcatura, prima col destro e poi di testa al 37’ e al 38’, entrambe le volte con Zapata. Poi più nulla.

 

Lascia un commento
Subscribe
Notificami
guest
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

Larghissima maggioranza tra i lettori di CalcioCasteddu: Giulini dovrebbe passare la mano

Ultimo commento: "Ma smettetela tutti, dovrebbe passare la mano, ma a chi??? Non vedo la fila. Cacciateli voi i soldi. Tutti bravi a criticare. Avete la memoria..."

(SONDAGGIO) Capozucca confermato, pro o contro?

Ultimo commento: "Se gli viene data carta bianca può ricostruire una squadra degna della serie B, non mi sento di dargli troppe colpe per quanto successo quest'anno,..."

Salvezza o meno i lettori di CalcioCasteddu vogliono una nuova guida tecnica

Ultimo commento: "Qui permettimi di rispondere; ma non ti sembra un po da miserabili disperati mettere 3 attaccanti contro una squadra di poveracci che meritano di..."

(SONDAGGIO) Ripartire da Agostini o cambiare ancora?

Ultimo commento: "Agostini ha preso una squadra praticamente condannata alla retrocessione. Ci voleva coraggio. Occorre un drastico cambiamento a partire dal presidente..."
Advertisement

I Miti rossoblu

16 campionati in rossoblu per la bandiera del Cagliari

Daniele Conti

Il portiere del leggendario scudetto del 1969-70

Enrico Albertosi

Magic Box è stato il calciatore sardo più forte in assoluto

Gianfranco Zola

Il giocatore più importante di tutta la storia del Cagliari

Gigi Riva

"BONIMBA", UNO DEI PIÙ FORTI ATTACCANTI ROSSOBLU

Roberto Boninsegna

Altro da News