Resta in contatto

Il muro del Tifoso

Il 4-3-3 non è più un dogma: fa bene Di Francesco o è meglio insistere col suo modulo di riferimento?

Il 4-3-3 non è più un dogma: fa bene Di Francesco o è meglio insistere col suo modulo di riferimento?

Il tecnico rossoblù lo aveva detto qualche settimana fa: nessun modulo fisso. Giusto così o è meglio continuare sulla strada del vecchio sistema di gioco?

Un Cagliari che ha iniziato a far vedere di che pasta è fatto. Eusebio Di Francesco ha forse trovato il modo di far esprimere i suoi giocatori nel modo più consono alle loro caratteristiche. Nella gara di ieri pomeriggio a Torino, rossoblù come Joao Pedro, Simeone e il solito Nandez hanno reso secondo quello che ci si aspetta da loro.

Bene il gioco di squadra, col nuovo sistema del 4-2-3-1, così come le singole prestazioni. Qualcosa ovviamente non è andato per il verso giusto, ma sembra che la strada intrapresa dal tecnico possa essere percorribile fino in fondo.

La domanda ora è: giusto proseguire su questa traccia, o sarebbe forse meglio che Di Francesco insistesse col suo 4-3-3 di riferimento?

Lascia il tuo commento a margine di questo articolo nella discussione tra tifosi rossoblù.

41 Commenti
Subscribe
Notificami
guest
41 Commenti
più nuovi
più vecchi più votati
Inline Feedbacks
View all comments
Mauro Cadeddu
1 mese fa

Ma ci mancherebbe… Solo gli stolti non cambiano mai idea.
Un allenatore bravo lo è anche perché sa far giocare bene i suoi uomini, a prescindere dal modulo.

Stefy
Stefy
1 mese fa

A prescindere dal modulo continuiamo a prendere reti in maniera imbarazzante, passi il rigore causato da Cragno, ma quante volte ancora regaleremo agli avversari reti come quella del 2 a 2 di Belotti? bisogna assolutamente correggere questa tendenza.

Walter
Walter
1 mese fa

4-3-3 si fa se hai i giocatori forti ad hoc per farlo. Adesso ci sono una serie di prerogative. 1) Joao Pedro è un centrocampista e siccome è il calciatore più forte e più completo e duttile che abbiamo appare sensato e logico che giochi li, dove si esprime meglio. Al centro. 2) quando Pavoletti sarà in forma si potrà passare al 4-3-1-2 oggi allo stato attuale il 4-2-3-1 appare il modulo migliore. 3) inserire Pajac e Bradaric perfetti per tutti e due questi moduli.

Giacomo
Giacomo
1 mese fa

qualsiasi pietanza è buona se metti gli ingredienti giusti…per cui se non metti i giocatori giusti al posto giusto per fare quel determinato tipo di gioco è meglio cambiar gioco!

Atlantis
Atlantis
1 mese fa

Ritengo che il problema non si ponga. Da bravo tecnico e da uomo intelligente quale è, EDF ha scelto il modulo più adatto alle caratteristiche dei giocatori. La rosa è di qualità ed è arrivata la prima vittoria con un avversario dal valore globale nettamente inferiore. Interessante la trasformazione del modulo in un 4-4-1-1 nella fase di non possesso. Avanti così, domenica occorre aggredire il Crotone e far valere la legge del più forte

massimo
massimo
1 mese fa

I ” numeretti” non significano nulla.l’allenatore ,che è OTTIMO, deve arrivare attraverso la conoscenza dei singoli la loro migliore collocazione.occorre pazienza e fiducia:la squadra è buona e può diventare ottima.il campionato è lungo e ,come insegna l’anno scorso, i conti si fanno alla fine

Sergio
Sergio
1 mese fa

Sono del parere che un bravo allenatore e colui che dimostra di saper cambiare modulo a seconda delle caratteristiche dei giocatori a disposizione……

Massimiliano
Massimiliano
1 mese fa

Credo che ogni allenatore prima di tutto debba valorizzare le caratteristiche dei giocatori a disposizione per poi esprimerlo in modulo, un Po come sta facendo il mister Di Francesco. Forza casteddu

Barrosu
Barrosu
1 mese fa

Per il fratello Fogu:
Disamina ineccepibile. Ma non mi abbatto per le sconfitte e non mi esalto per la vittoria. D.F. dimostra però (qualora ce fosse bisogno) di essere umile ed intelligente, perché sta cercando una quadra con quello che ha. La squadra migliora di giorno in giorno ed i ragazzi hanno bisogno di crescere accanto ai big. Come tu ben sai dai tempi CUYS, quando in campo si dà tutto, a prescindere dal risultato: tutti in piedi ad applaudire la squadra.
un abbraccio frarisce’ ❤💙❤💙

Bruno Dessì alias Fogusabbruxidi
Bruno Dessì alias Fogusabbruxidi
1 mese fa
Reply to  Barrosu

Ciao frari miu, solo a leggere la sigla CUYS per chi non lo sapesse, significa COMMANDO ULTRÀ YOUNG SUPPORTERS, mi viene un groppo in gola, se sudi la maglia, se la onori sempre e la rispetti e dai l’anima per lei, noi che in quella curva nord eravamo fratelli CUYS, ci alziamo in piedi sempre ad applaudire chi indossa quella nostra amata maglia. Il tempo è passato frari miu, ma per noi vecchi CUYS nulla è cambiato.
CUYS per sempre nel mio cuore.
❤💙❤💙❤💙❤💙❤💙❤💙❤💙❤💙

Marcello Murenu
Marcello Murenu
1 mese fa

Chi ha l’intelligenza e la flessibilita’ del camaleonte e’ padrone del mondo. E bene avere un idea di base,in questo caso da allenatore, ma’ adeguarsi alle circostanze del momento puo’ risultare piu’ saggio e prolifico delle stesse aspettative. Sempre nella mia opinione personale nel rispetto di tutti. F.Casteddu 🟥🟦👍

Sergio
Sergio
1 mese fa

Parole sante……

sisol
sisol
1 mese fa

Bene .. è giusto che un allenatore abbia la giusta duttilità di pensiero .

Mauro muscas
Mauro muscas
1 mese fa

Credo che ieri il Cagliari abbia giocato molto bene! Poi nei cambi deve lavorare ancora molto,perché interviene in ritardo,poi a me non piace caligara,a mio parere ogni volta che entra la squadra avversaria si trova molto a suo agio….non so,sarà perché è molto giovane,ma anche zappa e molto giovane e ha fatto un partitone….comunque squadra che vince non si cambia…forza Cagliari sempre❤💙❤💙❤💙

Andrea
Andrea
1 mese fa

Un allenatore che non si incaponisce con un modulo ma si adatta anche agli uomini che ha, è un uomo intelligente.
Lasciamo che lavori e vedremo.

bibbo
bibbo
1 mese fa

la bravura di un allenatore sta anche nel non fossilizzarsi con lo schema da lui preferito, ma adottarne un altro più adatto alle caratteristiche dei giocatori in rosa. Bravo DiFra

Martino
Martino
1 mese fa

Secondo me si può fare il 433 quando non c’è JP. Con tre attaccanti veloci e giovani, meglio avere più moduli.

Giovanni Porceddu
1 mese fa

4231 è più adatto ai giocatori in rosa.

Alex
Alex
1 mese fa

Il modulo va scelto in base alle caratteristiche dei giocatori e il 4-3-3 non è adatto alla nostra rosa; molto meglio il 4-2-3-1

Bruno Dessì alias Fogusabbruxidi
Bruno Dessì alias Fogusabbruxidi
1 mese fa

L’adeguamento era d’obbligo, poco intelligente non farlo. Detto questo, il 4/2/3/1 prevede un gioco molto veloce con passaggi diretti e con un continuo sfruttamento delle corsie laterali.
Questa tattica ha l’obbligo di una sovrapposizione fra terzini e ali offensive, un gioco molto largo rivolto a sfruttare tutto il campo. E quà arrivano le noti dolenti, una fascia, quella Zappa/Nandez ha funzionato bene.

Bruno Dessì alias Fogusabbruxidi
Bruno Dessì alias Fogusabbruxidi
1 mese fa

segue:
l’altra fascia, Sottil ahimè si trovava spesso solo contro due avversari, perché Liko non portava la sovrapposizione per portare via l’avversario, non ha la gamba e neanche i polmoni per farlo. Oltretutto, i giocatori in fase di possesso devono cercare sempre di giocare la palla negli spazi, alcuni dei nostri hanno la tecnica per farlo altri no, in fase di non possesso abbiamo mostrato un buon pressing a tutto campo e non appena recuperata la palla siamo ripartiti in contropiede.

Angelorossoblu
Angelorossoblu
1 mese fa

Commento condiviso totalmente

Bruno Dessì alias Fogusabbruxidi
Bruno Dessì alias Fogusabbruxidi
1 mese fa
Reply to  Angelorossoblu

❤💙👍

Bruno Dessì alias Fogusabbruxidi
Bruno Dessì alias Fogusabbruxidi
1 mese fa

segue:
ma non sempre l’abbiamo fatto nel modo giusto, si deve portare poco la palla e verticalizzare il prima possibile, per fare questo bisogna dare immediatamente uno/due punti di riferimento a chi porta la palla, cosa che ho visto in alcuni casi e in altri no.
Si deve lavorare, ma si sono viste buone cose.
Bravo mister e bravi ragazzi nel volere apprendere un modulo difficilissimo e dispendioso come pochi a livello fisico/atletico, nonché enormemente complesso a livello tecnico.

CASTEDDAIU
CASTEDDAIU
1 mese fa

Disamina esauriente e puntuale come sempre, appena si riuscirà a sistemare anche la fascia sinistra vedremmo un calcio spettacolare del nostro grande Casteddu ! Ciao Fogu F.C.

Bruno Dessì alias Fogusabbruxidi
Bruno Dessì alias Fogusabbruxidi
1 mese fa
Reply to  CASTEDDAIU

❤💙👍

Giambattista Lampis
1 mese fa

logicamente proseguirà con il modulo già proposto contro la Dea e il Torino, diciamo che in queste 2partite si è visto un netto miglioramento nel gioco e nel riuscire ad andare in gol, nei confronti dei precedenti incontri con il Sassuolo e la Lazio, detto questo però questo modulo impone a Rog e Nandez di consumare dosi importanti di energie sia per rincorrere gli avversari ed effettuare chiusure che per ribaltare le azioni e dare supporto alle punte, il rischio e che si faccia la fine dello

Giambattista Lampis
1 mese fa
Reply to  Granese

scorso anno, quando inizia a mancare la lucidità e velocità dei predetti gli avversari prendono il sopravento. O si pretende che tutti i componenti della squadra partecipino alle 2 fasi cosa che ora non avviene o avviene ad intermittenza, oppure questo modulo non potrà durare fino alla fine del campionato. Ho notato anche che ieri nel I° tempo abbiamo tenuto la difesa alta e la squadra corta, non permettendo agli avversari di andare al tiro, oltre quello che sono i numeri stiamo crescendo.

Angelorossoblu
Angelorossoblu
1 mese fa
Reply to  Granese

Sono fiducioso, anche perché alternative a centrocampo per far rifiatare quando occorre i titolari ne abbiamo.

Giambattista Lampis
1 mese fa
Reply to  Angelorossoblu

Chi? perchè centrocampisti in rosa ne abbiamo diversi, ma nessuno paragonabile a Rog ed a Nandez che sono unici, entrambi nelle loro corsie fanno un gran lavoro in tutte e 2 le fasi, gli altri quando va bene ne fanno una sola scordandosi di fare la seconda. Questo è il problema, basta l’assenza di uno di loro che il gioco ne risente e molti meccanismi saltano.

Leonardo
Leonardo
1 mese fa

Il 4-2-3-1,con la rosa a disposizione è la soluzione migliore.Inutile forzare giocatori al 4-3-3.Marin a suo agio nella mediana a 2,a disagio da play nel terzetto di centrocampo.Joao Pedro senza dubbio meglio in posizione centrale molto più vicino alla porta che invece forzato sulla sinistra del tridente.Squadra molto più ordinata e propositiva col nuovo modulo.Il mister ieri ha detto “ho rinunciato a qualcosa di mio per dare di più a loro(giocatori). Avanti così!!!!!

Andrea
Andrea
1 mese fa

il 4-3-3 magari l’anno prossimo…

carlo
carlo
1 mese fa

Essre elastici è una qualità

Fabrizio
Fabrizio
1 mese fa

Il 4-2-3-1 necessita di una mentalità offensiva, diversamente si finisce schiacciati, anche se è vero che nella linea dei trequartisti è stato inserito Nandez, che indubbiamente ha anche notevoli capacità di interdizione ed è in via primaria un interditore .
Il 4-2-3-1 ha l’indubbio ulteriore pregio di poter portare all’utilizzo del nostro JP in una posizione centrale, l’unica a lui consona, quindi avanti con questo modulo .
Forza Cagliari Sempre !

CASTEDDAIU
CASTEDDAIU
1 mese fa

D.F è troppo intelligente per non capire che al momento il suo modulo preferito non è praticabile, probabilmente ci arriverà in modo graduale quando ci saranno altri inserimenti, non è che adesso col 4-2-3-1 vinciamo tutte le partite (almeno fosse!) Credo che dipenderà di volta in volta da chi avrà a disposizione e dall’ avversario di turno, in ogni caso ha una rosa ampia che si presta a varie soluzioni e sicuramente cercherà di farla rendere sempre al meglio. F.C.

maury-c
maury-c
1 mese fa

ha fatto bene a cambiare perche’ e’ un allenatore intelligente: trovandosi di fronte a inevitabili difficolta’ le ha affrontate con adeguata e benevola disposizione d’animo!

Commento da .Facebook
Commento da .Facebook
1 mese fa

Per il 4 3 3 non abbiamo i giocatori giusti

Enzofrancescoli
Enzofrancescoli
1 mese fa

Ora che abbiamo un minimo di certezze non cambierei!

Roar
Roar
1 mese fa

Dai tempi di Maran dicevo che per le caratteristiche dei giocatori in rosa già l’anno scorso si poteva provare questo schema

ADOLFO GOZZI
ADOLFO GOZZI
1 mese fa

Squadra che vince non si cambia !!

vongsa
vongsa
1 mese fa

Meglio proseguire….

Altro da Il muro del Tifoso