Resta in contatto

Rubriche

Amarcord – Quando Cellino prese Diego Milito, ma…

Estate 2005 ed il Cagliari ha appena ottenuto una brillante salvezza in serie A, ma ha dovuto mandare giù il boccone amaro dell’addio di Gianfranco Zola.

Massimo Cellino vorrebbe un pezzo da novanta per la sostituzione del fantasista di Oliena e posa gli occhi sul pezzo pregiato di casa Genoa.

Il sodalizio di Enrico Preziosi, che sul campo conquistò la promozione in serie A, venne declassato in C1 dalla giustizia sportiva causa “aggiustamento” del risultato di Genoa-Venezia, cosa che portò all’esodo di diversi giocatori, tra cui il bomber autore di ben 21 reti, Diego Milito.

L’amicizia tra i due presidenti portò alla rapida conclusione dell’affare: l’attaccante argentino venne acquistato dal Cagliari a titolo definitivo per la bella cifra di 4,5 milioni di euro, necessari al Genoa per riorganizzare la stagione. Battuta la concorrenza dell’Inter che offriva circa 2 milioni in meno.

Il giocatore, non felicissimo di non poter vestire nerazzurro, ma comunque lieto di trovare la serie A, attese un pò di tempo prima di firmare il contratto.

La sua esitazione venne “premiata” con l’inserimento in volata del Real Saragozza che propose un prestito biennale con diritto di riscatto, soluzione poco gradita dal presidente del grifone che preferiva il cash dell’amico Cellino.

Fermi tutti! Di fronte all’offerta economica molto allettante del club spagnolo (oltre 1,5 milioni di euro di ingaggio), sommata alla presenza del fratello del giocatore, il difensore Gabi, il “Principe” decise di mandare a monte l’accordo con i rossoblù per abbracciare la Liga Spagnola.

In tanti rimasero delusi, da Preziosi a Cellino, fino agli stessi tifosi del Cagliari, che già sognavano di vedere caterve di goal da parte del campione argentino.

Secondo round nel gennaio 2015: Tommaso Giulini, appreso del suo addio all’Inter, provò a convincerlo ad abbracciare i colori rossoblù per “curare” un attacco piuttosto sterile, ma il giocatore aveva già deciso di tornare in Argentina per concludere la sua illustre carriera.

26 Commenti
Subscribe
Notificami
guest
26 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

(SONDAGGIO) Ripartire da Agostini o cambiare ancora?

Ultimo commento: "Non credo possa essere Agostini il nuovo ct. Non mi sembra all'altezza."

Salvezza o meno i lettori di CalcioCasteddu vogliono una nuova guida tecnica

Ultimo commento: "A me piacerebbe Zanetti e in d.s. in gamba e Giuliani che li facesse lavorare in pace"

(SONDAGGIO) Pereiro, fuoco di paglia o serve fiducia?

Ultimo commento: "È un giocatore che ogni tanto si sveglia del letargo e regala qualche prodezza, ma sono sicuro che un giocatore come Ragatzu avrebbe dato di più al..."

(SONDAGGIO) Cagliari-Sassuolo, ultima spiaggia per Mazzarri?

Ultimo commento: "Non credo che Mazzarri abbia molte colpe, visto che ha trovato una squadra inadeguata e anche impreparata, gli innesti di dicembre hanno portato..."

(SONDAGGIO) Cambio in panchina, giusto esonerare ora Mazzarri?

Ultimo commento: "decisione tardiva ma indispensabile. con Mazzarri la B era sicura , forse adesso c è qualche stimolo in più. Purtroppo è l epilogo di una serie di..."
Advertisement

I Miti rossoblu

16 campionati in rossoblu per la bandiera del Cagliari

Daniele Conti

Il portiere del leggendario scudetto del 1969-70

Enrico Albertosi

Magic Box è stato il calciatore sardo più forte in assoluto

Gianfranco Zola

Il giocatore più importante di tutta la storia del Cagliari

Gigi Riva

"BONIMBA", UNO DEI PIÙ FORTI ATTACCANTI ROSSOBLU

Roberto Boninsegna

Altro da Rubriche