Resta in contatto

News

Atalanta micidiale in avvio di ripresa e Napoli battuto a Bergamo 2-0. Si ferma la rincorsa di Gattuso

Nel primo tempo meglio gli ospiti che perdono Ospina per infortunio. Al rientro in campo i ragazzi di Gasperini con Pasalic e Gosens conquistano altri 3 punti

Il big-match dello Stadio Atleti Azzurri d’Italia, valido per il primo dei due posticipi della ventinovesima giornata, è dell’Atalanta. Napoli battuto 2-0, grazie ad un super inizio ripresa. La contesa si infiamma al 15’ con il colpo di testa di Koulibaly che termina di poco fuori. Strepitosa risposta, un minuto dopo, di Ospina su Gomez ad un passo dal gol, sul tiro destinato all’angolino basso alla sinistra del portiere. Che al 25’, in un uscita subisce un taglio sulla fronte in uno scontro di gioco fortuito e deve essere sostituito (tra gli applausi di giocatori e presenti) da Meret, dopo le cure mediche. 33’. conclusione di Mario Rui, i bergamaschi si rifugiano in angolo evitando guai seri da parte dei campani, che stanno giocando davvero bene, creando occasioni davanti alla porta difesa da Gollini comunque attento. Squadre all’intervallo dopo 4’ di recupero, concessi da Doveri.

PASALIC E GOSENS. Al rientro in campo sblocca la partita l’undici di Gasperini al 2’: cross di Gomez per il compagno di squadra il quale supera Meret con un colpo di testa che manda il pallone a morire all’angolino. La squadra di Gattuso accusa il colpo e al 10’ va sotto ancora per il gol di Gosens. controllo sull’assist fortunoso di Toloi, quindi tiro e palla in rete. Tutta un’altra Atalanta in campo a inizio ripresa. 14’: il neo entrato Lozano si presenta davanti a Gollini che copre gli spazi e vanifica il tiro dell’avversario. 24’. Zielinski libera col tacco Fabian Ruiz che, da posizione favorevole, grazia il portiere nerazzurro e non riapre la gara. Intanto Ospina segue la gara da bordo campo: bella notizia dopo la paura nel primo tempo. al 35’ Zapata sfiora l’autogol. Nel finale 847’) Gollini dice no a Zielinski. Vince l’Atalanta. Si ferma il Napoli, che non perdeva dal 9 febbraio.

3 Commenti
Subscribe
Notificami
guest
3 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement
Advertisement

I Miti rossoblu

16 campionati in rossoblu per la bandiera del Cagliari

Daniele Conti

Il portiere del leggendario scudetto del 1969-70

Enrico Albertosi

Magic Box è stato il calciatore sardo più forte in assoluto

Gianfranco Zola

Il giocatore più importante di tutta la storia del Cagliari

Gigi Riva

"BONIMBA", UNO DEI PIÙ FORTI ATTACCANTI ROSSOBLU

Roberto Boninsegna

Altro da News