Resta in contatto

Approfondimenti

Il Cagliari è uscito dal lockdown

Non certo una bella partita, ma i ragazzi di Zenga per lo meno portano a casa i tre punti scaccia crisi

Tre punti per tornare alla vittoria. Tre punti per scacciare una crisi che sembrava senza fine. Tre punti d’oro.
Il Cagliari vince anche senza convincere, superando la Spal in una sfida dai ritmi a dir poco lenti e giocata da entrambe le squadre senza un briciolo di fantasia. Ma lo sappiamo, è il calcio della ripartenza, delle partite ogni tre giorni a temperature proibitive dopo tre mesi di blocco totale. Ecco perché il risultato prevale sul gioco ancora più che mai. C’era bisogno di vincere e questo è stato fatto, il resto lascia il tempo che trova, purtroppo.

Partita iniziata con un’escalation di interventi insensati e per tutto il primo tempo si sono visti più cartellini gialli che occasioni da gol. Nandez picchiato al limite del bullismo, ma l’uruguaiano ha la pelle durissima e non si è messo i guanti per rispondere. Prova da incorniciare per il leoncino che è tornato a ruggire. Bene anche Rog, che proprio con Nahitan si è alternato nel ruolo di regista e la soluzione pensata da Zenga ha sicuramente evitato i danni dell’assenza di un purista del ruolo. A proposito del croato: ha una bella sassata, ma per battere i corner serve il piedino delicato, non fanno per lui.

La nota più positiva della ripartenza è senza dubbio il Cholito Simeone. Il primo merito di Zenga è sicuramente quello di aver ricordato all’argentino di essere un attaccante e non un incontrista a tutto campo. Troppa “vita da mediano” con Maran. Ora invece si sta rivelando un rapace degno del Pippo Inzaghi dei tempi migliori e il gol sta iniziando a innamorarsi di lui. Lo vogliamo così.

A differenza del match con il Verona l’Uomo Ragno azzecca tutti i cambi. Ragatzu è stata la mossa che più di tutte ha cambiato le carte in tavola e il ritorno alla difesa a quattro ha consentito di alzare il baricentro nei confronti di una Spal fiaccata. Bella e coraggiosa anche l’idea di buttare in mischia Carboni nel finale, perché il risultato non era certo al sicuro e a Zenga serviva un difensore vero. Il mister ha dimostrato fantasia nelle scelte e capacità di leggere bene la partita, anche se manca una vera e propria identità di gioco. Ma questo adesso non conta. L’importante è venire fuori da un lockdown nella mediocrità durato sei mesi.

11 Commenti
Subscribe
Notificami
guest
11 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

Capozucca, i lettori di CalcioCasteddu si dividono. La maggioranza però cambierebbe ds

Ultimo commento: "ha solo seguito gli ordini del presidente: RETROCEDERE"

I lettori di CalcioCasteddu a maggioranza: Cerri merita un’altra chance

Ultimo commento: "Ci siamo dimenticati di Cerri, secondo me le darei un'altra chance, ricordiamo il bel gol di testa nel finale di partita, alcune cose buone le ha..."

Fascia da capitano, Deiola non convince i lettori di CalcioCasteddu

Ultimo commento: "QUI VA TUTTO MALE.....BENEDIRE PURE I TIFOSI....."

I lettori di CalcioCasteddu divisi: Liverani non è l’uomo giusto per il nuovo Cagliari

Ultimo commento: "Brunori mi sarebbe piaciuto ma come al solito giocatori buoni rifiutano il cagliari,facciamo affari sbagliati,prendiamo giocatori oltre i trenta senza..."

SONDAGGIO – Cerri sulla via del ritorno a Cagliari: giusto dargli un’altra possibilità?

Ultimo commento: "E migliorato molto con i piedi...sa far salire la squadra..meglio cerri con lapadula..affianco"
Advertisement

I Miti rossoblu

16 campionati in rossoblu per la bandiera del Cagliari

Daniele Conti

Il portiere del leggendario scudetto del 1969-70

Enrico Albertosi

Magic Box è stato il calciatore sardo più forte in assoluto

Gianfranco Zola

Il giocatore più importante di tutta la storia del Cagliari

Gigi Riva

"BONIMBA", UNO DEI PIÙ FORTI ATTACCANTI ROSSOBLU

Roberto Boninsegna

Altro da Approfondimenti