Resta in contatto

News

Coronavirus, Lippi: “Questo è un presente vomitevole, il calcio deve ripartire”

L’ex ct della Nazionale Italiana, Marcello Lippi, attacca duramente la situazione di stallo in cui versa la Serie A ai microfoni di Radio Deejay

Un Marcello Lippi assolutamente in disaccordo con la situazione del calcio in Italia. L’ex CT azzurro, intervenuto a Radio Deejay, pretende che l’industria calcio venga trattata come tale e che dunque gli venga data la possibilità di ripartire. Stiamo vivendo un momento vomitevole, sul calcio c’è una demagogia impressionante. Va considerato un’industria importante, perché lo è. E deve ripartire. Non ci hanno detto che col virus dobbiamo convivere? Mi pare che ognuno stia procedendo per i cavoli suoi nonostante gli appelli a stare tutti uniti – ha detto l’ex ct azzurro, ex allenatore tra le altre di Atalanta e Juventus -. Il virus non è come due mesi fa, gli ospedali possono organizzarsi. Perché il calcio non dovrebbe riprendere?”.

CALCIO E VIRUS: IL LIPPI PENSIERO. “Il calcio professionistico, piaccia o no, è un’industria. Politica e scienza: ognuno pensa ai cavoli suoi, non si riesce a trovare un vaccino. Ora il problema si può gestire – ha concluso LippiIl movimento può e deve ripartire. Se dobbiamo conviverci, col Coronavirus, allora può farlo anche il  mondo del pallone. Ha perso potenza”.

4 Commenti
Subscribe
Notificami
guest
4 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement
Advertisement

I Miti rossoblu

16 campionati in rossoblu per la bandiera del Cagliari

Daniele Conti

Il portiere del leggendario scudetto del 1969-70

Enrico Albertosi

Magic Box è stato il calciatore sardo più forte in assoluto

Gianfranco Zola

Il giocatore più importante di tutta la storia del Cagliari

Gigi Riva

"BONIMBA", UNO DEI PIÙ FORTI ATTACCANTI ROSSOBLU

Roberto Boninsegna

Altro da News