Resta in contatto

News

Coronavirus, il governo chiarisce la definizione congiunti in vista del 4 maggio

L’ambito cui può riferirsi la dizione può indirettamente ricavarsi, dalle norme sulla parentela e affinità fino al quarto grado di parentela

La domanda aveva cominciato a rimbalzare non appena il 26 aprile era stato approvato il Dpcm per avviare la Fase 2 dell’emergenza Covid-19. Ovvero: cosa si deve intendere per congiunto, la cui visita sarà tra quelle consentite a partire da lunedì, giorno di entrata in vigore del decreto. La risposta arriva dalla pubblicazione sul sito di Palazzo Chigi per chiarire i punti più controversi. Cade il divieto di muoversi nell’ambito delle singole Regioni per raggiungere le seconde case. Spostamenti interregionali possibili solo per comprovate ragioni di lavoro, assoluta urgenza e salute. Ecco le risposte fornite dal governo alle “domande più frequenti”.

FARE VISITA SI PUO’ E A CHI?  Nel documento c’è scritto che: Sono consentiti gli spostamenti per incontrare esclusivamente i propri congiunti, che devono considerarsi tra gli spostamenti giustificati per necessità”. È comunque fortemente raccomandato limitare al massimo gli incontri con persone non conviventi, poiché questo aumenta il rischio di contagio. In occasione di questi incontri devono essere rispettati: il divieto di assembramento, il distanziamento interpersonale di almeno un metro e l’obbligo di usare le mascherine per la protezione delle vie respiratorie.  L’ambito cui può riferirsi la dizione congiunti, può indirettamente ricavarsi, sistematicamente, dalle norme sulla parentela e affinità, nonché dalla giurisprudenza in tema di responsabilità civile.

Alla luce di questi riferimenti, deve ritenere che, i congiunti cui fa riferimento il DPCM ricomprendano i coniugi, i partner conviventi, i partner delle unioni civili, le persone che sono legate da uno stabile legame affettivo, nonché i parenti fino al sesto grado (come, per esempio, i figli dei cugini tra loro) e gli affini fino al quarto grado (come, per esempio, i cugini del coniuge).

Lascia un commento
Subscribe
Notificami
guest
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement
Advertisement

I Miti rossoblu

16 campionati in rossoblu per la bandiera del Cagliari

Daniele Conti

Il portiere del leggendario scudetto del 1969-70

Enrico Albertosi

Magic Box è stato il calciatore sardo più forte in assoluto

Gianfranco Zola

Il giocatore più importante di tutta la storia del Cagliari

Gigi Riva

"BONIMBA", UNO DEI PIÙ FORTI ATTACCANTI ROSSOBLU

Roberto Boninsegna

Altro da News