Resta in contatto

Approfondimenti

Paloschi, l’eterno ragazzino e quell’ultimo treno chiamato Cagliari

L’attaccante è arrivato in prestito a gennaio ma l’esonero di Maran e lo stop del campionato rischiano di trasformare la sua avventura in un passaggio a vuoto

SFORTUNA. Da quel gol dopo 18 secondi dal suo debutto in Serie A sono passati già 12 anni. Era il 10 febbraio del 2008 e Carlo Ancelotti decise di mandare in campo il giovanissimo Alberto Paloschi che a San Siro consentì al Milan di superare 1-0 il Siena. Sembrava l’inizio di una favola e invece la carriera del classe ’90 è stata caratterizzata dalla sorte avversa. Una serie di infortuni hanno costellato i suoi primi anni, poi la rinascita al Chievo e l’incontro con Rolando Maran. Dopo l’addio ai gialloblù però di nuovo il vuoto e quell’etichetta di eterna promessa sempre incollata.

IN SARDEGNA. Proprio il tecnico trentino lo aveva accolto in rossoblù a braccia aperte tre mesi fa, conquistando l’ennesima pedina importante di quella sua ex squadra dopo Castro, Birsa e Cacciatore. Poteva essere un suo uomo e poteva essere il rilancio per una carriera che tra Swansea, Atalanta e Spal non era riuscita a decollare. Invece dopo appena due presenze ecco l’esonero di Maran e successivamente il blocco ai campionati per l’emergenza Coronavirus.

FUTURO. A trent’anni e con le ultime opache stagioni alle spalle, per Paloschi quello del Cagliari può davvero essere l’ultimo treno importante della carriera. Una cosa che però lo accomuna al neo tecnico Walter Zenga, anche lui alla ricerca del riscatto definitivo dopo anni deludenti a livello di risultati. Due uomini che hanno saputo affrontare i periodi bui  ora remano sulla stessa barca. E chissà che proprio da questo non possa nascere un’intesa a beneficio della squadra.

6 Commenti
Subscribe
Notificami
guest
6 Commenti
più nuovi
più vecchi più votati
Inline Feedbacks
View all comments
Commento da Facebook
Commento da Facebook
3 mesi fa

E’ sempre stato un bidone sopravalutato, Maran lo ha chiamato per lo stesso motivo di tutti gli altri bidoni ex Chievo, cioè per tenersi lo spogliatoio dalla sua nella speranza di mantenere la panchina per anni.

Commento da Facebook
Commento da Facebook
3 mesi fa

Ajo.. Ora siete carichi di adrenalina!!!
E dovete spaccare tutto Cribbio!!! 😂

Fabrizio
Fabrizio
3 mesi fa

Gli auguro ogni bene, ma il suo futuro calcistico non può essere a Cagliari, Zenga o non Zenga .
Forza Cagliari Sempre !

Danilo BG
Danilo BG
3 mesi fa

Eterna promessa mancata, giocatore sopravalutato che vive di rendita per quello che fece parecchi anni fa’.
Non ho capito l’avvicendamento con Cerri. NO COMMENT !!!

Giambattista Lampis
3 mesi fa
Reply to  Danilo BG

Danilo BG, concordo con te al 100×100, ormai è un giocatore di B, dove potrà allungare la carriera di qualche anno e togliersi ancora qualche soddisfazione, ho scritto numerose volte che la serie A non è la sua categoria già da alcuni anni, quando arriva per primo sul pallone, cosa non scontata perché il più delle volte viene anticipato, arriva spesso scoordinato e gli è difficile anche controllarlo più che mai scambiarlo con il compagno. Assurdo senza senso il cambio con Cerri operato da Carli.

Danilo BG
Danilo BG
3 mesi fa
Reply to  Granese

👍👍

I Miti rossoblu

Magic Box è stato il calciatore sardo più forte in assoluto

Gianfranco Zola

Il giocatore più importante di tutta la storia del Cagliari

Gigi Riva

Advertisement
Advertisement

Josè Oscar Herrera

Ultimo commento: "Un grande...lo vidi giocare dal vivo e rimasi impressionato..che grinta e senso della posizione aveva!"

Gigi Riva

Ultimo commento: "Ho avuto un poster solo nella mia camera di ragazzo e quel poster era di Gigi Riva. È il mio mito. È il Cagliari. Un uomo semplice e serio che non..."

Giampietro Piovani

Ultimo commento: "Cosa de maccusu, anche io volevo parlare di Piovani."

Mario Brugnera

Ultimo commento: "

Ops dal Carbonia😉

"

Carmine Longo

Ultimo commento: "Fu un grande Ds. Onore a Carmine Longo."

Cerca con Pagine Sì!

Powered by Pagine Sì!

Altro da Approfondimenti