Resta in contatto

News

Sardegna Arena, pugno duro sul razzismo: emesse tre misure interdittive

Il Cagliari comunica attraverso una nota ufficiale sul proprio sito di aver bloccato l’accesso a vita alla stadio a tre persone individuate

SVOLTA. Il Cagliari compie un passo importante contro la lotta al razzismo. Tre persone sono state riconosciute e denunciate per aver rivolto a giocatori avversari parole discriminatorie e offensive di carattere razzista nel corso delle ultime partite alla Sardegna Arena. Per tutti i trasgressori è stato emesso un provvedimento interdittivo a vita per qualsiasi manifestazione allo stadio rossoblù. Di seguito il comunicato del club che rappresenta una svolta storica nella lotta alla discriminazione:

“Il Cagliari Calcio comunica di avere emesso tre misure interdittive rivolte ad altrettante persone riconosciute e denunciate per aver rivolto a giocatori avversari parole discriminatorie e offensive di carattere razzista durante le gare disputate alla Sardegna Arena nel corso degli ultimi mesi.

L’individuazione dei soggetti coinvolti, titolari di biglietto occasionale nei settori Distinti e Tribuna, è stata possibile grazie all’azione coordinata di steward e del personale preposto alla sicurezza interna del club. In ottemperanza al codice regolamentare in vigore, ma soprattutto a tutela dei tifosi del Cagliari, della città di Cagliari e di tutta la Sardegna, che in termini di accoglienza e rispetto non hanno certo bisogno di prendere lezioni, sono state irrogate sospensioni del gradimento perpetuo, che impediranno a chi si è macchiato di queste azioni deprecabili di entrare alla Sardegna Arena, per qualsiasi manifestazione, per sempre.

Il livello di attenzione e sensibilità atto ad impedire che nessuno possa compromettere i valori nei quali la Società e i suoi tifosi credono è e sarà sempre la priorità del Cagliari”.

33 Commenti
Subscribe
Notificami
guest
33 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Matteo68
Matteo68
1 anno fa

Assurdo….allora i 2 tifosi romanisti che hanno quasi ucciso Sean cox meritavano l ergastolo? Ma quale razzismo,è un grosso bluff,come lo stadio nuovo…che società ridicola che vuole dare una bella immagine di sé,a discapito dei suoi tifosi. Al posto di difenderli,gli da contro.???

Marco
Marco
1 anno fa

Ho sentito un lunedì mattina su una famosa radio nazionale sportiva, dopo una delle ultime partite del Cagliari in trasferta, forse a San Siro, una chiamata di un ascoltatore che chiedeva un commento di un famoso giornalista in studio sulla vergogna passata sotto silenzio di cori pecorai e pastori rivolti al Cagliari. Il giornalista ha detto che non dobbiamo lamentarci visto che siamo noi a fare i cori razzisti in passato. Questa la posizione a livello nazionale.

Commento da Facebook
Commento da Facebook
1 anno fa
Reply to  Marco

Figurati, è ovvio che quello che chiamano “odio” va condannato solo nel senso che politicamente fa comodo a (((loro))) mentre viene totalmente ignorato e perfino deriso a parti inverse.
E’ evidente che dietro la facciata dei buoni sentimenti c’è una agenda ben chiara.
A sto punto bisogna essere o estremamente ingenui o stupidi per non notarla.

Naufrago
Naufrago
1 anno fa

Pienamente d’accordo con ogni lotta al razzismo. Piaga che reputo grave e pericolosa, da estirpare con sanzioni e deterrenti esemplari.
E tuttavia, l’esclusione a vita mi sembra sproporzionata per degli insulti. La riterrei la sanzione per un’aggressione (oltre ovviamente ai risvolti penali). Per degli insulti, può bastare qualche anno. Severità non significa mancanza di equilibrio.

Marco
Marco
1 anno fa

Stai a vedere che grazie a queste iniziative, più uniche che rare, la tifoserie rossoblu da sempre vittima non piagnucolosa di cori offensivi e discriminatori in tutta italia, ci passa per razzista davvero. Ci metto o molto poco i giornalisti faziosi nazionali a catalogare tutto superficialmente.

Marco
Marco
1 anno fa

Grande segno di giulini, ora i problemi del Cagliari (stadio-tasso tecnico di alcuni ruoli scoperti come difesa) finalmente saranno risolti? Ma cosa mai avranno detto questi 3 tifosi contro giocatori/tifosi avversari?? Li avranno forse apostrofati come pecorai? Gli avranno fatto il verso beee-beee? Avranno forse detto che si fanno le pecore? Mah…, certo che questo grande senso civico sarebbe piuttosto graditissimo anche su temi quali inquinamento ambientale, da fluoro per esempio.

Commento da Facebook
Commento da Facebook
1 anno fa
Reply to  Marco

“certo che questo grande senso civico sarebbe piuttosto graditissimo anche su temi quali inquinamento ambientale, da fluoro per esempio.”
Ben detto.
A quando il daspo verso i CRIMINALI che fanno i finti moralisti radical chic per poi inquinare la Sardegna con le proprie aziende?
Quali sono i “valori della società” in merito, eh signor Giulini!?

Marco
Marco
1 anno fa
Reply to  Marco

Ma allo stadio del Cagliari si sentano cori razzisti?? semmai piuttosto che carnefici, i tifosi del Cagliari mi risulta siano vittime dei tifosi avversari.

Shlomo Shekelstein
Shlomo Shekelstein
1 anno fa

Bravi Goyim.

Mirko
Mirko
1 anno fa

Dubbio: il comunicato parla di daspo a vita precisando “alla Sardegna Arena”.. significa che il divieto cadrà con l’inaugurazione del nuovo stadio?

Matteo68
Matteo68
1 anno fa
Reply to  Mirko

Non ci sarà mai un nuovo stadio,quindi è corretto,a vita.

Ludo
Ludo
1 anno fa

Altrove, con il sussidio delle telecamere, non hanno comunque emesso provvedimenti analoghi. Il Cagliari ha dato un ottimo esempio su come rapportarsi alla tifoseria che altrove detta legge.

Shardancast
Shardancast
1 anno fa

Fermo restando che non tutti quelli che urlano insulti razzisti allo stadio sono razzisti, ma semplicemente gente che cerca di innervosire l’avversario, ma visto e considerato che tali insulti o versi (del c…o) sonó vietati, è giusto che chi viene colto in questo suo slancio, venga punito debitamente. Ne punisci 3 e ne educhi 300.

Fedex
Fedex
1 anno fa

è calcio non è teatro. Mettete i biglietti a 100 euro così andranno allo stadio solo i benestanti tipo scala di milano e curia e poi avrete decretato la fine dello sport del popolo.

Antonio
Antonio
1 anno fa
Reply to  Fedex

Per me non si può discutere un provvedimento giusto e sacrosanto come questo, a meno che non si sia razzisti.
La stupidità e l’intolleranza sono trasversali, il censo non c’entra nulla.
Giulini ha fatto benissimo, creando un precedente virtuoso nel nostro calcio troppo spesso ostaggio di tifoserie violentemente cretine.

Alberto Antonini
Alberto Antonini
1 anno fa
Reply to  Fedex

Fedex, in Inghilterra è già così da un po’, e con gli stadi nuovi lo sarà anche in Italia. Il calcio diventerà un costoso spettacolo.

Bogus
Bogus
1 anno fa

L’Inghilterra è uno stato di polizia.

Granese
Granese
1 anno fa
Reply to  Fedex

Fedex cosa centra i biglietti a 100 euro con il razzismo, si può essere anche non benestanti e non essere razzisti, ma tolleranti, anzi c’è tanta gente che ha poco e quel poco lo divide con gli altri, c’è tanta gente benestante che non divide nulla con nessuno e tra loro c’è anche la fobia del diverso che in qualche modo è razzismo, il tuo è un discorso senza senso, dove sta scritto che chi partecipa come spettatore allo sport del popolo deve essere razzista?

Pepe Mujica
Pepe Mujica
1 anno fa
Reply to  Granese

Granese forse Fedex intendeva dire in modo ineccepibile che il razzismo, quello più becero e violento, si annida nelle classi sociali più deboli e “casualmente” meno scolarizzate. Io penso che i biglietti a prezzi popolari consentano la giusta e democratica amalgama.
Nel nuovo stadio spero che Giulini dia il giusto spazio alla cultura, con biblioteche, cinema e centri di aggregazione imponenti. Al razzismo si deve opporre la cultura, non la polizia.
Scusa l’intervento, SCETTI ROSSOBLU

Granese
Granese
1 anno fa
Reply to  Pepe Mujica

Pepe Mujica, non ti devi scusare di nulla, si è vero al razzismo si deve opporre la cultura, il processo in questo caso è lento e non sempre efficace, invece come società bisogna isolarlo e combatterlo anche con sistemi repressivi che non sono il carcere, ma la non partecipazione a manifestazioni sportive, lo sport nasce per aggregare, confrontarsi, mai per odiare e quelli che arrivano a farlo vanno in qualche modo esclusi, il razzismo è odio e l’odio nello sport non è contemplato.

Pepe Mujica
Pepe Mujica
1 anno fa
Reply to  Granese

Concordo pienamente sull’isolamento di questi trogloditi e in mancanza d’altro con la repressione;concordo proprio su tutto il contenuto del tuo pensiero. Però sarebbe intelligente gettare le basi per un contrasto più sostenibile all’odioso problema, spesso la polizia involontariamente genera divisioni, i tribunali generano disparità. Solo i libri Granese, la cultura, l’educazione civica possono sconfiggere, attenuare queste diverse forme di inciviltà ai tempi di corona e altri virus planetari

tonirossoblù
tonirossoblù
1 anno fa

Poi passeranno a chi dice le parolacce e poi ancora a chi non usa per bene il congiuntivo e allora si svuoterà lo stadio…

Granese
Granese
1 anno fa
Reply to  tonirossoblù

tonirossoblù, non passiamo a niente mettiti in testa che il razzismo è una cosa odiosa, io personalmente non dico neanche le parolacce e in gioventù sono stato in tanti stadi, in contatto anche con tifosi avversari, non mi è mai successo nulla, non ho nascosto la mia fede e non avuto alcun problema, naturalmente bisogna sapersi comportare, con rispetto e qualche volta anche con pazienza, il calcio è passione sentimento confronto e non odio, questo è il presupposto del tifoso.

tonirossoblù
tonirossoblù
1 anno fa
Reply to  Granese

Bisognerebbe conoscere il metro di misura che hanno utilizzato per daspare a vita queste persone, non vorrei fosse lo stesso che si utilizzava nella Germania dell’est non tanto tempo fa

Granese
Granese
1 anno fa
Reply to  tonirossoblù

tonirossoblù, non penso nella maniera assoluta che le nostre Forze dell’Ordine siano paragonabili alla Stasi della Germania dell’Est, pertanto chi è stato sottoposto al Daspo e perché qualcosa ha fatto, in caso contrario i destinatari di tale provvedimento possono fare ricorso alla Magistratura che decide in merito, che anche i Giudici devono avvallare il provvedimento altrimenti possono anche annullarlo. Insomma penso che viviamo in uno stato di diritto e non di polizia.

tonirossoblù
tonirossoblù
1 anno fa
Reply to  Granese

Spero tu abbia ragione

Gigi
Gigi
1 anno fa

Ben fatto!

Granese
Granese
1 anno fa

Bravi finalmente anche le società si stanno muovendo per isolare questi razzisti, ma dovrebbero essere gli stessi tifosi che stanno loro vicino a denunciarli alle Forze dell’Ordine, o eventualmente agli steward che poi devono consegnargli ai primi, anche perché per questi soggetti un bel daspo dovrebbe essere d’obbligo.

uccn
uccn
1 anno fa

Molto molto bene

Corrado
Corrado
1 anno fa

Finalmente si è passati ai fatti contro i soliti cretini

Alberto Antonini
Alberto Antonini
1 anno fa

Benissimo.

rino
rino
1 anno fa

Giusta decisione. Si può anche tifare contro, ma senza offendere nessuno. Notoriamente siamo un pubblico disciplinato, per colpa di pochi non possiamo avere la nomea di razzisti.

Loi giuseppo
Loi giuseppo
1 anno fa

Ottima decisione del Cagliari bisogna isolare ogni tipo di razzismo

Advertisement

Gigi Riva

Ultimo commento: "Ho colorizzato questa foto del mito."
Francescoli

Enzo Francescoli

Ultimo commento: "In questa Foto assomiglia a Milito"
Tiddia

Mario Tiddia

Ultimo commento: "E' proprio vero, mio zio in vita non era considerato molto come allenatore, invece era un grande sia come professionista che come uomo."
zola

Gianfranco Zola

Ultimo commento: "Si G.Z prima di essere un grande calciatore e una persona adorabile e semplice amato da tutti. Avrebbe meritato più chance in quel mondial roviatogli..."

Fabrizio Cammarata

Ultimo commento: "Ma Cammarata chi? E dai, aggiorniamole queste pagine..."
Advertisement

I Miti rossoblu

Magic Box è stato il calciatore sardo più forte in assoluto

Gianfranco Zola

Il giocatore più importante di tutta la storia del Cagliari

Gigi Riva

Altro da News