Resta in contatto

Rubriche

Milan, la macchina del tempo: storia e protagonisti

La compagine rossonera è la più titolata del nostro calcio a livello internazionale: un’avventura ricca di successi e fuoriclasse

1899. Il Milan Football and Cricket Club nacque il 18 dicembre 1899, per iniziativa di un gruppo misto di appassionati italiani ed inglesi. Uno dei cofondatori, Herbert Kilpin, viene considerato il primo mito del club di cui fu giocatore e contemporaneamente allenatore. Già nel 1901 il primo titolo di campione d’Italia, interrompendo l’infinita striscia vincente del Genoa, affermazione ripetuta nel 1906 e 1907. Nel 1926 venne costruito quello che è tuttora lo stadio rossonero, San Siro, che dal 1947 condivide con i “cugini” dell’Inter. Il Milan deve aspettare il 1951 per tornare alla vittoria del massimo campionato, trascinato dalle imprese del celebre trio svedese Gre-No-Li (Gren-Nordahl-Liedholm). Proprio Gunnar Nordahl, formidabile cannoniere fisicamente straripante, è il bomber di sempre con 221 reti ufficiali in appena 7 stagioni e mezza.

GOLDEN BOY. All’alba degli anni Sessanta arriva in maglia rossonera un giovanissimo talento alessandrino, destinato a scrivere la storia del calcio italiano: Gianni Rivera (primo italiano Pallone d’Oro nel 1969). Il numero 10 guiderà la squadra a tanti successi, in Italia e all’estero, fino allo scudetto della stella ’79. Arrivano gli anni più bui della storia rossonera, dovuti a due retrocessioni tra il 1980 e il 1982 prima per il Totonero e poi per un campionato fallimentare.

BERLUSCONI. La grande rivoluzione al Milan arriva con l’avvento di Silvio Berlusconi nel 1986: il magnate della televisione privata conduce la squadra all’epoca dorata della storia rossonera, grazie a protagonisti come Sacchi, Baresi, Maldini, gli olandesi Gullit-Rijkaard-van Basten (foto) e tanti altri campioni. Dopo Sacchi spetta a Capello proseguire la tradizione vincente in Italia e in Europa, poi via via fino a Carlo Ancelotti. Berlusconi e il braccio destro Galliani lasciano il timone nel 2017, chiudendo una lunghissima epoca. Non a caso, il passaggio a nuova proprietà – non italiana – coincide con una mancata ripresa del Milan ai vertici del calcio nostrano. Investimenti e ingaggi che non portano i risultati attesi, delusioni in campo e in panchina. In questa stagione è naufragato il progetto Giampaolo, sostituito da Pioli a ottobre.

1 Commento
Subscribe
Notificami
guest
1 Commento
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

Salvezza o meno i lettori di CalcioCasteddu vogliono una nuova guida tecnica

Ultimo commento: "A me piacerebbe Zanetti e in d.s. in gamba e Giuliani che li facesse lavorare in pace"

(SONDAGGIO) Pereiro, fuoco di paglia o serve fiducia?

Ultimo commento: "È un giocatore che ogni tanto si sveglia del letargo e regala qualche prodezza, ma sono sicuro che un giocatore come Ragatzu avrebbe dato di più al..."

(SONDAGGIO) Cagliari-Sassuolo, ultima spiaggia per Mazzarri?

Ultimo commento: "Non credo che Mazzarri abbia molte colpe, visto che ha trovato una squadra inadeguata e anche impreparata, gli innesti di dicembre hanno portato..."

(SONDAGGIO) Cambio in panchina, giusto esonerare ora Mazzarri?

Ultimo commento: "decisione tardiva ma indispensabile. con Mazzarri la B era sicura , forse adesso c è qualche stimolo in più. Purtroppo è l epilogo di una serie di..."
Advertisement

I Miti rossoblu

16 campionati in rossoblu per la bandiera del Cagliari

Daniele Conti

Il portiere del leggendario scudetto del 1969-70

Enrico Albertosi

Magic Box è stato il calciatore sardo più forte in assoluto

Gianfranco Zola

Il giocatore più importante di tutta la storia del Cagliari

Gigi Riva

"BONIMBA", UNO DEI PIÙ FORTI ATTACCANTI ROSSOBLU

Roberto Boninsegna

Altro da Rubriche