Resta in contatto

Approfondimenti

Han, titoli di coda/1: quella tenera conferenza stampa

Il giovane attaccante nordcoreano esce definitivamente dall’orbita rossoblù: la Juventus lo ha riscattato e ceduto. Sembra passato un secolo da quel pomeriggio al Sant’Elia in cui cercò di parlare ai media cagliaritani

GOL. Era il 9 aprile 2017. Il Cagliari di Rastelli aveva appena perso al Sant’Elia contro il Torino (2-3). Ma, nella sconfitta, l’ambiente rossoblù aveva avuto modo di festeggiare comunque: il giovane attaccante nordcoreano Han Kwang-Song, appena diciottenne, aveva realizzato di testa il suo primo gol in Serie A al debutto al Sant’Elia. Una deviazione aerea su traversone da sinistra e palla in rete. Sarebbe rimasta l’unica segnatura nel massimo campionato italiano. Ma quel giorno nessuno poteva immaginare cosa avrebbe riservato il futuro al ragazzo, il quale suscitò grande entusiasmo e simpatia.

TENEREZZA. Poi, in sala stampa, la sorpresa. Han si presentò davanti ai cronisti: timido, impacciato, forse un po’ impaurito. E ti credo… se non parli italiano né inglese, come interagire con i giornalisti? Si trovò una modalità alternativa, in cui il giovane cercò di farsi capire quasi a monosillabi rispondendo a un paio di semplici domande. Il risultato fu questo: “Sono molto felice per il mio gol. Ho abbracciato subito Bruno Alves? Nessun motivo particolare, è stato solo il primo che ho incontrato. Ringrazio Mister Rastelli

11 Commenti
Subscribe
Notificami
guest
11 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

Salvezza o meno i lettori di CalcioCasteddu vogliono una nuova guida tecnica

Ultimo commento: "Qui permettimi di rispondere; ma non ti sembra un po da miserabili disperati mettere 3 attaccanti contro una squadra di poveracci che meritano di..."

(SONDAGGIO) Ripartire da Agostini o cambiare ancora?

Ultimo commento: "Agostini ha preso una squadra praticamente condannata alla retrocessione. Ci voleva coraggio. Occorre un drastico cambiamento a partire dal presidente..."

(SONDAGGIO) Pereiro, fuoco di paglia o serve fiducia?

Ultimo commento: "È un giocatore che ogni tanto si sveglia del letargo e regala qualche prodezza, ma sono sicuro che un giocatore come Ragatzu avrebbe dato di più al..."

(SONDAGGIO) Cagliari-Sassuolo, ultima spiaggia per Mazzarri?

Ultimo commento: "Non credo che Mazzarri abbia molte colpe, visto che ha trovato una squadra inadeguata e anche impreparata, gli innesti di dicembre hanno portato..."
Advertisement

I Miti rossoblu

16 campionati in rossoblu per la bandiera del Cagliari

Daniele Conti

Il portiere del leggendario scudetto del 1969-70

Enrico Albertosi

Magic Box è stato il calciatore sardo più forte in assoluto

Gianfranco Zola

Il giocatore più importante di tutta la storia del Cagliari

Gigi Riva

"BONIMBA", UNO DEI PIÙ FORTI ATTACCANTI ROSSOBLU

Roberto Boninsegna

Altro da Approfondimenti