Resta in contatto

News

Posticipo Serie A. Il Bologna vince 2-1 in rimonta al San Paolo su un Napoli sommerso dai fischi

La squadra di Mihajlovic assente in panchina si porta via con merito i tre punti al termine di una gara ben interpretata dal primo all’ultimo minuto

Ko tra i fischi potenti al San Paolo. Il Napoli, capace di portare via 4 dei 6 punti nel doppio confronto di Champions al Liverpool campione d’Europa, cade in casa nel posticipo del quattordicesimo turno, contro il Bologna e ora certifica la sua brutta stagione in Serie A.  Eppure l’avvio era stato promettente, visto che al 3’ Lozano dribbla Denswil, ma manda fuori la sfera. Al 17’ annullato per fuorigioco, il gol allo stesso giocatore. Poco pericolose le due contendenti, anche se al 32’ l’ex Dzemaili fa partire un tiro in girata, aiutato da un rimpallo, che sfiora il gol. Che al 41’, dopo una gran giocata di Insigne, sigla Llorente con un facile piatto col destro sulla respinta di Skorupski in controtempo. Un minuto dopo miracolo del portiere degli emiliani,  sullo spagnolo, ottimamente servito da Koulibaly. Prima dell’intervallo (44’) sfiora il gol anche Lozano.

SANSONE FA MALE AL NAPOLI. Ad inizio della seconda parte dell’incontro prima (4’) Skorupski si salva in angolo sulla conclusione da fuori di Insigne, quindi al 12’ per poco il numero 24 non segna fortuitamente sul tiro di Llorente. Ma, al 14’ arriva il pareggio del mancino che stavolta insacca col destro sulla ribattuta di Koulibaly sulla prima conclusione effettuata da Sansone. Bologna vicino al 21: fondamentale nell’occasione l’intervento a terra in tuffo sulla battuta di Sansone, da parte di Ospina. Dall’altra parte (23’) l’appena entrato Mertens regala ai tifosi, l’illusione della rete. Al 26’ Skov Olsen serve Sansone, che controlla e poi cerca di sorprendere il portiere di casa senza successo. Mertens si divora il 2-1 al 33, cosa che Sansone a 8’ dalla fine non fa, siglando il raddoppio felsineo, su assist di Dzemaili. Il Napoli si getta in avanti alla disperata ricerca del pareggio, che al ’94 non trova Llorente. Un attimo dopo, sulla palla della disperazione mandata in area da Koulibaly lo spagnolo insacca. Pasqua prima indica il centrocampo, ma dal Var viene avvisato della posizione di fuorigioco da parte dell’ex Juventus.

9 Commenti
Subscribe
Notificami
guest
9 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

(SONDAGGIO) Ripartire da Agostini o cambiare ancora?

Ultimo commento: "Bisognerebbe azzerate tutta la dirigenza, e con un bravo direttore sportivo scegliere un allenatore giovane, che faccia piazza pulita dei vecchi e..."

(SONDAGGIO) Pereiro, fuoco di paglia o serve fiducia?

Ultimo commento: "Bravo, ma senza "garra"!"

(SONDAGGIO) Cagliari-Sassuolo, ultima spiaggia per Mazzarri?

Ultimo commento: "Non credo che Mazzarri abbia molte colpe, visto che ha trovato una squadra inadeguata e anche impreparata, gli innesti di dicembre hanno portato..."

(SONDAGGIO) Cambio in panchina, giusto esonerare ora Mazzarri?

Ultimo commento: "decisione tardiva ma indispensabile. con Mazzarri la B era sicura , forse adesso c è qualche stimolo in più. Purtroppo è l epilogo di una serie di..."

Mazzarri, i lettori di CalcioCasteddu vogliono finire la stagione con il tecnico

Ultimo commento: "In ogni caso,ce la siamo scappati lo scorso anno, per il rotto della cuffia. La Salernitana, grazie a Nicola, provvidenziale il cambio,Colantuono è..."
Advertisement

I Miti rossoblu

16 campionati in rossoblu per la bandiera del Cagliari

Daniele Conti

Il portiere del leggendario scudetto del 1969-70

Enrico Albertosi

Magic Box è stato il calciatore sardo più forte in assoluto

Gianfranco Zola

Il giocatore più importante di tutta la storia del Cagliari

Gigi Riva

"Bonimba", uno dei più forti attaccanti rossoblu

Roberto Boninsegna

Altro da News