Resta in contatto

Rubriche

Poco, ma buono – Mauro Nardini

Per molti verrà probabilmente ricordato come poco più di una meteora, ma il centrocampista di Massa fu molto di più in sole due stagioni con la maglia rossoblù

Quando arrivò in Sardegna nell’estate del 1990 furono in parecchi a storcere il naso. Il Cagliari, a detta di questi, aveva bisogno di ben altri rinforzi per affrontare il primo campionato di serie A dopo diversi anni di assenza.

Ed invece bastò il ritiro di Roccaporena per consentire a Claudio Ranieri di apprezzare le qualità di grande combattente, di cursore magari non raffinatissimo, ma inesauribile.

Mauro Nardini di professione centrocampista divenne così una pedina importante, fondamentale nello scacchiere tattico del tecnico romano.

Ma anche con Sor Carletto Mazzone le cose non cambiarono di certo. Il buon Nardo, diventato pure idolo della curva Nord, da il suo grandissimo contributo. Difensore esterno o centrocampista il risultato è il medesimo: corsa, grinta e agonismo.

L’unico cruccio furono i zero goal realizzati in 64 presenze, se non un’autorete provocata da una sua bordata da fuori area in una partita interna contro il Torino.

Dopo due salvezze brillanti arrivò la cessione al Fidelis Andria, in serie cadetta. Possiamo senza dubbio annoverare anche Mauro Nardini tra coloro che con la maglia rossoblù hanno fatto bene, anche se la permanenza in Sardegna non è stata lunga.

11 Commenti
Subscribe
Notificami
guest
11 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement
Advertisement

I Miti rossoblu

16 campionati in rossoblu per la bandiera del Cagliari

Daniele Conti

Il portiere del leggendario scudetto del 1969-70

Enrico Albertosi

Magic Box è stato il calciatore sardo più forte in assoluto

Gianfranco Zola

Il giocatore più importante di tutta la storia del Cagliari

Gigi Riva

"BONIMBA", UNO DEI PIÙ FORTI ATTACCANTI ROSSOBLU

Roberto Boninsegna

Altro da Rubriche