Resta in contatto

News

Qualificazioni europeo Under 21. L’Italia non brilla ma vince 1-0 in Armenia Pellegrini in campo 75’ sfiora il gol

La squadra di Nicolato crea tanto ma manca spesso la conclusione  vincente davanti alla porta avversaria. Nel finale padroni di casa due volte vicini al pareggio

ARMENIA (4-2-3-1): Aslanyan; Mkrtchyan A., Khachumyan, Daniielian, Grigoryan E.; Harutyunyan (35’ st Movsesyan), Mkrtchyan R.; Melkonyan, Bichakhchyan, Nahapetyan (27’ st Misakyan); Hovhannisyan A. A disp.: Grigoryan M., Nazaryan, Vardanyan, Ghubasaryan, Sadoyan, Khamoyan, Asilyan. All.: Flores

ITALIA (4-3-3): Carnesecchi; Adjapong, Bastoni, Ranieri, Pellegrini (30’ st Sala); Frattesi (18’ st Maggiore), Locatelli, Zanellato (40’ st Carraro); Sottil (40’ st Bettella), Cutrone, Scamacca (30’ st Pinamonti). A disp.: Plizzari, Gabbia, Maistro, Delprato. All.: Nicolato

ARBITRO: Farkas (UNG)

RETI: 20’ pt Scamacca

AMMONITI: Daniielian, Pellegrini,

Seconda vittoria in tre gare per l’Italia nella corsa alla fase finale di Euro2021. Dopo il netto 5-0 al’esordio sul Lussemburgo arriva l’1-0 di stasera alla FFA Academy Stadium di Yerevan. Pellegrini (buona gara la sua con gol sfiorato ma anche un’ammonizione per proteste evitabile) e compagni ritornano a conquistare i tre punti  dopo il pareggio di giovedì scorso, 0-0 in Irlanda. Per questa importante gara del Gruppo 1, ben cinque i cambi attuati rispetto alla gara in Irlanda da Nicolato. In avvio di partita ci prova al 3’ Sottil, il cui tiro però termina di poco fuori alla sinistra della porta difesa da Aslanyan. 7’: Harutyunyan tenta di anticipare Cutrone e quasi crea un’autorete. Sugli sviluppi cross in area di Locatelli per Zanellato, provvidenziale l’intervento del portiere armeno, che evita lo 0-1.  Potente, ma con mira sbagliata al 10’ la conclusione dalla distanza di Bichakhchyan. Quando attaccata la retroguardia di casa va in sofferenza, come al 18’ sulla girata improvvisa col destro di Cutrone, che impegna l’estremo difensore avversario.

SCAMACCA. Il pressing dell’Italia frutta il gol al 20’: grande apertura di Zanellato per Sottil, il quale scarica la sfera in area  per Scamacca che spizza e insacca il meritato vantaggio. Armeni che protestano al 24’ su un contatto in area Bastoni-Hovhannisyan, per l’arbitro è però tutto regolare. L’Italia si abbassa, favorendo le folate dell’undici di Flores, che si crea un’opportunità per fallo di Locatelli, con una punizione dal limite dell’area in posizione centrale. Pellegrini (36’) ammonito per proteste, prima del tiro Nahapetyan. Bella palla in area da parte del terzino del Cagliari al 39’, ma sia Cutrone che Scamacca mancano la deviazione vincente davanti alla porta. Squadre al riposo senza recupero.

Al 3’ della ripresa Cutrone cerca il raddoppio calciando a rete col destro, ma Aslanyan si distende alla sulla sua destra e salva il risultato. Si chiude l’Armenia, che si affida alle ripartenze per cercare il gol del pareggio. In una di queste (13’) Harutyunyan fa partire una botta rasoterra da posizione centrale col destro, respinta di Ranieri e pericolo allontanato. Tre minuti dopo è Adjapong ad allontanare il pallone, stavolta sulla conclusione a mezz’altezza col sinistro di Bichakhchyan. Al 21’ Italia vicinissima al 2-0 con Cutrone che, spalle alla porta riceve la sfera fatta partire dalle retrovie da parte di Bastoni, controlla e calcia a rete un mancino rasoterra ad incrociare del numero, respinto col piede destro ancora dall’estremo difensore armeno, Aslanyan, posizionato sul primo palo. Prima della sostituzione (30’) Pellegrini sfiora il 2-0, da posizione favorevole. Nel finale, per tenere il risultato, Nicolato si copre inserendo Bettella, con una difesa che diventa a cinque. Dopo 5’ di recupero, nel primo dei quali Melkonyan (lasciato colpevolmente solo dalla difesa) sfiora il pareggio, così come Mkrtchyan che centra la traversa, è festa Italia: tre punti fondamentali nella corsa a Euro2021 in cassaforte.

1 Commento
Subscribe
Notificami
guest
1 Commento
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement
Advertisement

I Miti rossoblu

16 campionati in rossoblu per la bandiera del Cagliari

Daniele Conti

Il portiere del leggendario scudetto del 1969-70

Enrico Albertosi

Magic Box è stato il calciatore sardo più forte in assoluto

Gianfranco Zola

Il giocatore più importante di tutta la storia del Cagliari

Gigi Riva

"BONIMBA", UNO DEI PIÙ FORTI ATTACCANTI ROSSOBLU

Roberto Boninsegna

Altro da News