Resta in contatto

Approfondimenti

Niccolai, campione non per caso. La difesa meno battuta della storia era anche sua

La memoria collettiva associa il suo nome agli autogol, ma il leggendario stopper del Cagliari ha avuto un ruolo determinante nell’impresa tricolore

PREGIUDIZIO STORICO. Sembra un ossimoro ma anche la storia può macchiarsi di pregiudizio. Il caso di Comunardo Niccolai è emblematico. Può un giocatore con 232 presenze nel massimo campionato essere ricordato solo per 6 autogol? Ebbene nella giornata in cui si celebra lo storico Scudetto del 1970 vogliamo raccontare la storia di questo eroe rossoblù da un’altra angolazione, in un’ottica diversa da quella comico-irriverente che ancora accompagna il nome di Niccolai nei ricordi dell’Italia calcistica.

GLI INIZI. Nasce il 15 dicembre 1946 in Toscana, nella Valdinievole, più precisamente nel piccolo borgo medievale di Uzzano. Inizia a farsi notare nelle giovanili del Montecatini, squadra che aveva allevato diversi professionisti tra cui grandi nomi quali Carlo Galli e Amos Mariani. Nel 1962 vince il titolo giovanile toscano più prestigioso: la Coppa Menti. Lo fa sotto la guida del tecnico Silvano Innocenti, colui che lo porta in Sardegna alla Torres dove esordisce nei professionisti a 17 anni. Qui gioca al fianco di Umberto Serradimigni, ex rossoblù a fine carriera con un nome che a molti oggi suonerà familiare. Per la cronaca è il padre di due leggende dello sport sardo: Nunzia e Roberta. Alla seconda è intitolato il palazzetto dove gioca la Dinamo Sassari.

CAGLIARI PER SEMPRE. Nel 1964 Niccolai si trasferisce al Cagliari, per la prima volta neopromosso in Serie A. Qui diventa un’autentica bandiera e con la maglia rossoblù calca il campo per 225 volte segnando 4 reti in dodici anni di militanza. Le prime stagioni sono da comprimario con poche presenze, una matricola che deve giustamente farsi le ossa. Ma per l’appuntamento del 1970 si fa trovare pronto. Infatti è lui lo stopper della difesa meno battuta della storia. Appena 11 gol subiti dalla sua squadra nella stagione dello storico Scudetto, record forse imbattibile. Le prestazioni di quella splendida annata gli valgono la convocazione al Mondiale di Messico ’70 dove la spedizione azzurra parte con 6 giocatori del Cagliari. Ci vorrà il Brasile di Pelé per fermarli. Niccolai gioca la prima, ma si fa subito male e così è costretto a saltare tutta la kermesse.

ONORE A LUI. Comunardo Niccolai è quindi molto di più del re degli autogol come viene dipinto dall’immaginario collettivo. Niccolai è un campione vero: lo è stato con il Cagliari e poteva esserlo con la Nazionale. Eroe per sempre di una squadra irripetibile.

11 Commenti
Subscribe
Notificami
guest
11 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

(SONDAGGIO) Ripartire da Agostini o cambiare ancora?

Ultimo commento: "Salvezza o no io sono convinta che Agostini ama il cagliari, chi più di lui può fare meglio? Cambierei tutta la società il presidente x..."

Salvezza o meno i lettori di CalcioCasteddu vogliono una nuova guida tecnica

Ultimo commento: "iO ripartirei con un nuovo allenatore che sappia e avere coraggio a lanciare qualche giovane e smaltire lì attuali senatori che anno deluso"

(SONDAGGIO) Pereiro, fuoco di paglia o serve fiducia?

Ultimo commento: "Bravo, ma senza "garra"!"

(SONDAGGIO) Cagliari-Sassuolo, ultima spiaggia per Mazzarri?

Ultimo commento: "Non credo che Mazzarri abbia molte colpe, visto che ha trovato una squadra inadeguata e anche impreparata, gli innesti di dicembre hanno portato..."

(SONDAGGIO) Cambio in panchina, giusto esonerare ora Mazzarri?

Ultimo commento: "decisione tardiva ma indispensabile. con Mazzarri la B era sicura , forse adesso c è qualche stimolo in più. Purtroppo è l epilogo di una serie di..."
Advertisement

I Miti rossoblu

16 campionati in rossoblu per la bandiera del Cagliari

Daniele Conti

Il portiere del leggendario scudetto del 1969-70

Enrico Albertosi

Magic Box è stato il calciatore sardo più forte in assoluto

Gianfranco Zola

Il giocatore più importante di tutta la storia del Cagliari

Gigi Riva

"BONIMBA", UNO DEI PIÙ FORTI ATTACCANTI ROSSOBLU

Roberto Boninsegna

Altro da Approfondimenti