Resta in contatto

Approfondimenti

Quali sono i motivi di tanta insofferenza?

Joao Pedro continua ad inanellare prestazini negative. Ieri sera è stato addirittura espulso in un momento importante della gara

La piazza ha atteso con ansia il suo ritorno dalla squalifica dello scorso anno. La convinzione era che la sua tecnica, la sua grinta sarebbero risultate determinanti per la squadra di Rolando Maran.

L’eosrdio contro il Milan è sembrato confermare queste impressioni: tre minuti, tanti sono bastati a Gerladino Do Santos Galvao Joao Pedro per trovare addirittura la via del gol ed una convincente prestazione carica di rabba e furore agonistico.

Dopo qualche settimana il tecnico trentino si accorge della necessità di un sostegno più corposo per Leonardo Pavoletti: Sau e Farias non ingranano a dovere e l’intuizione di spostare proprio Joao al fianco del centravanti livornese sembra cascare a fagiolo.

Detto, fatto: nella gara interna contro il Bologna è proprio Joao Pedro a sbloccare il risultato con un bel colpo di testa su geniale imbeccata di Castro.

Da oltre un mese, però, qualcosa sembra essersi spezzato. Prestazioni deciamente al di sotto delle sue poenzialità quasi al limite dell’irritabilità, lento e molle nei contrasti con gli avversari, scarsa propensione alla collaborazione con la squadra e, soprattutto, scarso feeling con lo stesso Pavoletti.

Ieri sera il clou con il doppio cartellino giallo che gli è logicamente costata un’ingenua espulsione. Non solo ha lasciato la squadra in dieci uomini in un momento topico dell’incontro, vale a dire quando la lotta per portare a casa i tre punti era ancora aperta, ma sarà assente il prossimo turno. Davvero inopportuno considerata la penuria di elementi nel settore avanzato.

Il Cagliari di Maran ha bisogno anche di lui. Il campionato è ancora lungo, ma è necessario che Joao Pedro analizzi la sua situazione, scopra cosa effettivamente gli impedisca di rendere al meglio delle sue possibilità e riprenda ad essere quel gocatore determinante per le sorti dell’attacco rossoblù.

75 Commenti
Subscribe
Notificami
guest
75 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

(SONDAGGIO) Ripartire da Agostini o cambiare ancora?

Ultimo commento: "Non credo possa essere Agostini il nuovo ct. Non mi sembra all'altezza."

Salvezza o meno i lettori di CalcioCasteddu vogliono una nuova guida tecnica

Ultimo commento: "A me piacerebbe Zanetti e in d.s. in gamba e Giuliani che li facesse lavorare in pace"

(SONDAGGIO) Pereiro, fuoco di paglia o serve fiducia?

Ultimo commento: "È un giocatore che ogni tanto si sveglia del letargo e regala qualche prodezza, ma sono sicuro che un giocatore come Ragatzu avrebbe dato di più al..."

(SONDAGGIO) Cagliari-Sassuolo, ultima spiaggia per Mazzarri?

Ultimo commento: "Non credo che Mazzarri abbia molte colpe, visto che ha trovato una squadra inadeguata e anche impreparata, gli innesti di dicembre hanno portato..."

(SONDAGGIO) Cambio in panchina, giusto esonerare ora Mazzarri?

Ultimo commento: "decisione tardiva ma indispensabile. con Mazzarri la B era sicura , forse adesso c è qualche stimolo in più. Purtroppo è l epilogo di una serie di..."
Advertisement

I Miti rossoblu

16 campionati in rossoblu per la bandiera del Cagliari

Daniele Conti

Il portiere del leggendario scudetto del 1969-70

Enrico Albertosi

Magic Box è stato il calciatore sardo più forte in assoluto

Gianfranco Zola

Il giocatore più importante di tutta la storia del Cagliari

Gigi Riva

"BONIMBA", UNO DEI PIÙ FORTI ATTACCANTI ROSSOBLU

Roberto Boninsegna

Altro da Approfondimenti