Resta in contatto

Approfondimenti

Cagliari, l’importanza di un centravanti

La partita contro il Napoli è stata per il Cagliari la prima stagionale senza un centravanti . E sono emersi sia i limiti sia le possibilità di una formazione senza l’ariete.

ATTACCO A SORPRESA. Alzi la mano chi non è rimasto perplesso – almeno per qualche secondo – nel leggere la formazione rossoblù domenica, a pochi minuti dalla sfida contro il Napoli. Coppia fantasia in avanti, con Joao Pedro e Farias in tandem offensivo, per cercare di scardinare la difesa azzurra. E, inaspettatamente – e complice l’assenza per infortunio di Pavoletti e il rodaggio ancora in corso per Cerri – senza un vero centravanti di ruolo.

PICCOLETTI IN AVANTI. Superato l’iniziale shock, in realtà, ai tifosi più attenti si sarà rivelata in tutta la sua intelligenza la scelta di Rolando Maran. La difesa azzurra, comandata dai giganti Koulibaly e Maksimovic, è rocciosa. Meglio due piccoletti, agili, tecnici e scattanti, per provare a scardinarla.

LA TENDENZA. Falso nueve: si diceva così una volta. Prima che la guardiolana tendenza di giocare senza una boa, ma con un “centravanti” agile che non desse punti di riferimento, diventasse anch’essa mainstream, con l’aiuto – nell’esportazione italiana della strategia – proprio del Napoli, pur quello degli anni scorsi ancora in versione Sarri. Eppure, se un attacco senza centravanti ha ineccepibilmente i suoi punti di forza, si tratta di una mossa che – come tutte – ha qualche contro. E non da poco.

SENZA UN RIFERIMENTO. Perché è la solita coperta troppo corta: hai imprevedibilità davanti ma i punti di riferimento che togli sono anche per la tua squadra. Ed ecco che, sin dal primo minuto, al Cagliari è mancata la boa che tenesse palla lì davanti, andasse a spizzare o ad appoggiare di testa nei rinvii di Cragno o nelle spazzate del difensore in difficoltà di turno. Con la necessaria conseguenza di provare un gioco palla a terra sin dalla difesa, in cui il Cagliari si è anche ben disimpegnato, nonostante l’avversario con cui sperimentarlo non fosse proprio il meno tecnico del campionato.

NEL FINALE. È mancato, insomma, il lavoro oscuro di un Pavoletti o di un Cerri, che sarebbe stato fondamentale soprattutto nel finale, quando i palloni lanciati alla cieca in avanti da Klavan e compagni si sono inevitabilmente moltiplicati, pressata com’era la difesa davanti al tridente Insigne-Mertens-Milik.

CAMBIO MANCATO. Forse Maran lo sapeva e uno dei cambi – se non si fossero fatti male Romagna e Pisacane – sarebbe stato proprio Cerri per uno dei brasiliani d’attacco. Ma, se così non è stato, non è chiaramente solo per questo che il Cagliari ha perso. Un segnale importante, comunque per il proseguo della stagione. Il Cagliari può di certo giocare anche senza centravanti. Ma l’importanza di un’ariete è davvero assoluta per il gioco di Maran.

3 Commenti

3
Lascia un commento

avatar
500
  Subscribe  
più nuovi più vecchi più votati
Notificami
Mauro
Ospite
Mauro

Va bene tutto e a gennaio va rafforzata la squadra e se la societa deve spendere deve spendere bene…..non tanto per far vedere di aver preso qualcuno…..e su Cerri io ci punterei….con Pavoletti infortunato e lui il nostro ariete…uno che di certo non ha paura a fare a sportellate con i giocatori avversari….e sono convinto che sara utile alla causa del Cagliari…..

Carlo
Ospite
Carlo

Intendevo chissà se vi sentiranno a quell’orecchio, però anche l’occhio servirà per vedere bene di non sbagliare acquisto!!!

Carlo
Ospite
Carlo

Bisogna comprarlo un attaccante, non sperare nella Divina provvidenza,anche quando gioca pavoletti non basta,cerri non è pronto, ammesso che lo sia in futuro, ci vuole uno subito che la butti dentro, chissà se ci sentiranno a quell’occhio…..

Advertisement

Daniele Conti

Ultimo commento: "Incrocio"

Enzo Francescoli

Ultimo commento: "Più che d'adattamento al campionato italiano, si trattava di microfrattura al perone(se non ricordo male)che lo perseguitò per gran parte del..."
zola

Gianfranco Zola

Ultimo commento: "Cosa c’entra ONNIS con la Sardegna? Nascita: 24 marzo 1948 (età 71 anni), Giuliano di Roma, Italia Naturalizzato Argentino"

David Suazo

Ultimo commento: "Oltretutto diventò pure tecnico e ha fatto parecchi bei gol"

Enrico Albertosi

Ultimo commento: "È stato il primo portiere a non usare il completo nero, usava la maglia rossa o blu...mitico"
Advertisement

Altre notizie dalla città

Powered by Good Morning News

Cerca con Pagine Sì!

Powered by Pagine Sì!

Altro da Approfondimenti