Resta in contatto

News

Joao Pedro risponde ai tifosi: “Io cagliaritano d’adozione? Sicuramente sì”

Il fantasista brasiliano ha parlato con i suoi sostenitori durante una sessione di questions and answers nei canali ufficiali del club rossoblù

L’UOMO DEL MOMENTO. Non c’è dubbio che dal momento del suo rientro Joao Pedro sia stato da subito l’uomo chiave del Cagliari di quest’anno. Il brasiliano si è presentato ai nastri di partenza in condizioni stratosferiche e con una voglia matta di sfondare la porta. Oggi il numero 10 della squadra sarda si è concesso ai canali social del club per un botta e risposta con i tifosi. Ecco le sue parole:

I GOL IN ROSSOBLU’. “Difficile spiegare cosa si prova quando si segna. Sicuramente è una sensazione unica, segnare davanti ai nostri tifosi è una delle cose più belle del mondo. Solo chi prova la sensazione di giocare con il nostro stadio pieno sa quanto questo faccia la differenza. Il mio gol preferito? Ogni gol ha la sua importanza ma a me piace sempre l’ultimo”.

IL GRUPPO. “Il compagno più simpatico? Siamo un bel gruppo, difficile sceglierne uno. C’è sempre una giornata in cui qualcuno è più sveglio degli altri. Sono stato fortunato nell’aver fatto parte di gruppi importanti, ogni stagione ho fatto tante amicizie. Io cagliaritano d’adozione? Qui ho vissuto dei momenti particolari: ho vinto un campionato e ho passato anche momenti brutti, quindi sicuramente sì“.

IDOLI. “Quello che più vedevo giocare quando iniziavo a capire il calcio era Ronaldinho. Secondo me ha fatto delle cose incredibili. La maglia numero dieci è il sogno di ogni bambino, quando sono arrivato era libera e per me è stato un onore. Per il Pallone d’Oro voterei sempre Messi e Ronaldo“.

IL RIENTRO. “Per me è stato veramente come una rinascita. In tutto quel periodo non mi sono mai fermato perché sapevo che prima o poi sarei rientrato. Io non sono mai ansioso prima delle partite, ma in quegli ultimi giorni prima del rientro non ho dormito, ritornare è stata una soddisfazione unica”.

Lascia un commento
Subscribe
Notificami
guest
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

(SONDAGGIO) Ripartire da Agostini o cambiare ancora?

Ultimo commento: "Lui merita la conferma perché ha le palle rosso blu ❤️💙ha sposato quei colori ama la Sardegna e merita, guardare la primavera"

(SONDAGGIO) Pereiro, fuoco di paglia o serve fiducia?

Ultimo commento: "Bravo, ma senza "garra"!"

(SONDAGGIO) Cagliari-Sassuolo, ultima spiaggia per Mazzarri?

Ultimo commento: "Non credo che Mazzarri abbia molte colpe, visto che ha trovato una squadra inadeguata e anche impreparata, gli innesti di dicembre hanno portato..."

(SONDAGGIO) Cambio in panchina, giusto esonerare ora Mazzarri?

Ultimo commento: "decisione tardiva ma indispensabile. con Mazzarri la B era sicura , forse adesso c è qualche stimolo in più. Purtroppo è l epilogo di una serie di..."

Mazzarri, i lettori di CalcioCasteddu vogliono finire la stagione con il tecnico

Ultimo commento: "In ogni caso,ce la siamo scappati lo scorso anno, per il rotto della cuffia. La Salernitana, grazie a Nicola, provvidenziale il cambio,Colantuono è..."
Advertisement

I Miti rossoblu

16 campionati in rossoblu per la bandiera del Cagliari

Daniele Conti

Il portiere del leggendario scudetto del 1969-70

Enrico Albertosi

Magic Box è stato il calciatore sardo più forte in assoluto

Gianfranco Zola

Il giocatore più importante di tutta la storia del Cagliari

Gigi Riva

"BONIMBA", UNO DEI PIÙ FORTI ATTACCANTI ROSSOBLU

Roberto Boninsegna

Altro da News