Resta in contatto

News

Il nuovo Napoli di Ancelotti risponde alla Juve vincendo 2-1 a Roma sulla Lazio

I partenopei ribaltano una sfida che si era messa male con il vantaggio di Immobile impattando con Milik e segnando con Insigne. Nel finale palo di Acerbi

Napoli corsaro 2-1 all’Olimpico sulla Lazio. Parte col botto dunque il nuovo corso di Carlo Ancelotti in panchina al posto di Maurizio Sarri che sta facendo benissimo in Premier League con il Chelsea.

Come al Bentegodi ovviamente anche all’Olimpico di Roma il minuto in memoria delle 43 vittime della tragedia accaduta a Genova, è stato commovente. L’undici di Simone Inzaghi è subito aggressivo verso la porta ospite, anche se col passare dei minuti il match è abbastanza equilibrato. Al 18’ chance per Zielinski, ma il destro a giro termina al lato della porta di Strakosha. Cinque minuti dopo, dall’altra parte, imbeccata di Immobile per Luis Alberto, sfera di poco fuori.

LA SBLOCCA IMMOBILE. Hysai (24’) non sfrutta una palla gol che poteva regalare al Napoli il vantaggio, che invece ottiene la Lazio al minuto 25. Azione che parte dallo splendido passaggio poco dopo oltre metà campo di Acerbi per l’attaccante biancoceleste, il quale aggancia in modo splendido quindi effettua una finta che mette fuori causa tre avversari e poi con il mancino batte Karnezis.

La reazione della squadra di Ancelotti è immediata, ma il portiere di casa non è praticamente impegnato e controlla che la sfera termina fuori da posizione defilata di Insigne, servito al 36’ da Zielinski e favorito da un rimpallo su Luiz Felipe. Insistono gli azzurri, che tre minuti dopo si ripongono in area avversaria con la più bella azione del match con la traversa colpita da Zielinski.

GOL ANNULLATO POI IL PAREGGIO DEL NAPOLI. L’arbitro Banti dopo aver concesso il gol a Milik, lo annulla (41’) – grazie al supporto del VAR – per fallo di Koulibaly su Radu. Ma l’1-1 è solo rimandato di poco. Prima lo sfiora lo stesso attaccante polacco al 45’ e poi lo insacca al 47’dopo l’assist di Callejon per il destro di prima intenzione di Milik, che stavolta può giustamente festeggiare.  Dopo tre minuti di recupero, squadre negli spogliatoi.

Al rientro in campo Inzaghi non può disporre di Luiz Felipe (alle prese con problemi fisici) e lo sostituisce con Bastos. Al 3’ Napoli subito pericoloso ancora con Milik, il cui sinistro finisce di poco fuori alla destra di Strakosha.  La Lazio risponde al 10’ con Immobile che manda fuori da due passi con tutto lo specchio della porta a disposizione.

GARA RIBALTATA. Gara viva  che il Napoli gira dalla propria parte al 14’ con il tocco di Allan per Insigne, il quale fa partire un gran destro che si insacca nell’angolo alto  alla sinistra di Strakosha, che non può evitare la seconda rete subita.  Il 2-1 regala fiducia agli azzurri, anche perché la squadra biancoceleste sembra aver accusato il colpo. Inzaghi inserisce Correa per Badelj al 23’Ancelotti due minuti dopo risponde mandando in campo Diawara al posto di Hamsik. Al 29’ la Lazio ad un passo dal pareggio con Luis Alberto che conclude col destro verso  l’angolo alto della porta di Karnezis, il quale è strepitoso nel deviare il pallone evitando il gol. Al 43’ dentro Cataldi per cercare il pareggio al posto di Parolo, che quasi arriva al 45’ : Angolo di Luis Alberto sul primo palo dove c’è Acerbi che di testa manda il pallone a stamparsi sulla traversa.

Nel finale (47’)  Bastos dice no deviando la sfera sul tiro di Callejon ad un passo dal 3-1, Buona la prima per i partenopei di Ancelotti.

Lascia un commento
Subscribe
Notificami
guest
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

Salvezza o meno i lettori di CalcioCasteddu vogliono una nuova guida tecnica

Ultimo commento: "Si vergogni sindaco e amministrazione di cagliari che fanno giocare la squadra ds 17 anni in uno stadio prefabbricato"

(SONDAGGIO) Ripartire da Agostini o cambiare ancora?

Ultimo commento: "Agostini ha preso una squadra praticamente condannata alla retrocessione. Ci voleva coraggio. Occorre un drastico cambiamento a partire dal presidente..."

(SONDAGGIO) Pereiro, fuoco di paglia o serve fiducia?

Ultimo commento: "È un giocatore che ogni tanto si sveglia del letargo e regala qualche prodezza, ma sono sicuro che un giocatore come Ragatzu avrebbe dato di più al..."

(SONDAGGIO) Cagliari-Sassuolo, ultima spiaggia per Mazzarri?

Ultimo commento: "Non credo che Mazzarri abbia molte colpe, visto che ha trovato una squadra inadeguata e anche impreparata, gli innesti di dicembre hanno portato..."

(SONDAGGIO) Cambio in panchina, giusto esonerare ora Mazzarri?

Ultimo commento: "decisione tardiva ma indispensabile. con Mazzarri la B era sicura , forse adesso c è qualche stimolo in più. Purtroppo è l epilogo di una serie di..."
Advertisement

I Miti rossoblu

16 campionati in rossoblu per la bandiera del Cagliari

Daniele Conti

Il portiere del leggendario scudetto del 1969-70

Enrico Albertosi

Magic Box è stato il calciatore sardo più forte in assoluto

Gianfranco Zola

Il giocatore più importante di tutta la storia del Cagliari

Gigi Riva

"BONIMBA", UNO DEI PIÙ FORTI ATTACCANTI ROSSOBLU

Roberto Boninsegna

Altro da News