Resta in contatto

News

Cragno: “Grande soddisfazione smentire chi ci dava per morti”

Il portiere del Cagliari è reduce da un’ottima stagione e in un’intervista su La Nuova Sardegna ha raccontato un anno di crescita in rossoblù

L’IDOLO. “Da bambino era Casillas. Ha più o meno la mia statura, mi sono ispirato molto a lui. Oggi De Gea del Manchester United e Oblak dell’Atletico Madrid sono i colleghi che stimo di più. Parlare di idoli è esagerato”.

IL DEBUTTO DA PROFESSIONISTA. “Ero a Brescia e non lo dimenticherò mai. Una partita giocata sotto i riflettori nel turno infrasettimanale. Abbiamo battuto il Modena 2-1. Il titolare era Arcari, si è fatto male e il mister nella riunione tecnica mi ha detto: “Oggi giochi tu”. Sono rimasto di sale ma è stato solo un attimo per l’emozione”.

LA PARTITA PIU’ BELLA. “In realtà sono due: la finale playoff col Benevento con la festa per la promozione in serie A e quella di domenica scorsa con l’Atalanta che ha sancito la salvezza. E’ stata una grande soddisfazione smentire chi ci dava per morti”.

IL BELLO DI ESSERE UN CALCIATORE. “L’aspetto migliore è poter rendere felici tante persone. Non esiste un lavoro nel quale fai gioire milioni di sostenitori. Ho iniziato a fare il portiere perchè dovevamo fare una partita all’oratorio, il bambino che doveva stare in porta non è venuto e hanno chiesto a me giocare in quel ruolo. Mi è subito piaciuto, non ho più smesso”.

NAZIONALE. “L’azzurro è un sogno che qualsiasi calciatore coltiva sin da bambino. Non è facile indossare quella maglia ma io lavoro tutti i giorni per migliorarmi, sperando che un giorno arrivi la convocazione”.

SALVEZZA CENTRATA. “L’obiettivo principale era questo, anche se siamo partiti per migliorare il piazzamento della stagione precedente. Ci siamo trovati quasi senza rendercene conto in difficoltà, non era facile tirarsi fuori dai guai, ce l’abbiamofatta perchè siamo un gruppo unito. La scintilla è scoccata dopo la sconfitta con la Roma. Eravamo terzultimi ma nonostante questo i tifosi ci hanno incoraggiato. Negli spogliatoi ci siamo guardati negli occhi e senza parlare abbiamo tutti pensato che non potevamo dare un dispiacere così grande a chi ci aveva appena dato una manifestazione d’amore illimitato”.

I COMPAGNI PREFERITI. “Sono due: Romagna e Faragò. Vado d’accordo con tutti ma con Filippo e Paolo c’è un feeling speciale”.

Lascia un commento
Subscribe
Notificami
guest
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I lettori di CalcioCasteddu a maggioranza: Cerri merita un’altra chance

Ultimo commento: "Ci siamo dimenticati di Cerri, secondo me le darei un'altra chance, ricordiamo il bel gol di testa nel finale di partita, alcune cose buone le ha..."

Capozucca, i lettori di CalcioCasteddu si dividono. La maggioranza però cambierebbe ds

Ultimo commento: "sono anni che lo dico, uno capace a prendere morti e strapagarli, e svendere giovani ....vai in pensioneeeee!!"

Fascia da capitano, Deiola non convince i lettori di CalcioCasteddu

Ultimo commento: "QUI VA TUTTO MALE.....BENEDIRE PURE I TIFOSI....."

I lettori di CalcioCasteddu divisi: Liverani non è l’uomo giusto per il nuovo Cagliari

Ultimo commento: "Brunori mi sarebbe piaciuto ma come al solito giocatori buoni rifiutano il cagliari,facciamo affari sbagliati,prendiamo giocatori oltre i trenta senza..."

SONDAGGIO – Cerri sulla via del ritorno a Cagliari: giusto dargli un’altra possibilità?

Ultimo commento: "E migliorato molto con i piedi...sa far salire la squadra..meglio cerri con lapadula..affianco"
Advertisement

I Miti rossoblu

16 campionati in rossoblu per la bandiera del Cagliari

Daniele Conti

Il portiere del leggendario scudetto del 1969-70

Enrico Albertosi

Magic Box è stato il calciatore sardo più forte in assoluto

Gianfranco Zola

Il giocatore più importante di tutta la storia del Cagliari

Gigi Riva

"BONIMBA", UNO DEI PIÙ FORTI ATTACCANTI ROSSOBLU

Roberto Boninsegna

Altro da News