Resta in contatto

News

Higuain e Matuidi stendono una bella Atalanta nel recupero

Missione compiuta allo Stadium per i bianconeri che allungano in vetta sul Napoli a +4 a dieci giornate dalla fine del campionato

Ventiquattresima vittoria in campionato su ventotto gare per la Juventus. Allo Stadium anche una bella Atalanta (che chiude in dieci per l’espulsione di Mancini nella ripresa) si arrende 2-0. Decisive le reti, una per tempo, di Higuain e Matuidi per il +4 sul Napoli a dieci gare dalla fine. Una dote importante, ma non certa per portare a casa il settimo suggello consecutivo per i bianconeri.

INIZIO GARA. Prima azione (3’) di marca bergamasca con il tiro di Gomez di prima intenzione col destro sopra la traversa, su appoggio di Cristante. Al 10’ riposta bianconera con Asamoah che mette un pallone rasoterra per  Douglas Costa, sinistro respinto in modo ottimo di Haas, che respinge la sfera. 18’: Palomino salva i suoi dal un gol praticamente certo di Matuidi con un sinistro a botta sicura, su innescata dalla destra di Lichsteiner, mandando in corner.

HIGUAIN. La gara è piacevole. Sia la Juventus che l’Atalanta puntano alla vittoria per i rispettivi obiettivi. Si gioca a ritmi alti in tutto il campo, con gli orobici che marcano a tutto campo e non stanno a guardare, ribattendo colpo su colpo, guadagnando anche degli angoli, che però non bastano per sbloccare il punteggio.

Cosa che invece, dall’altra parte (29’) , fa il miglior giocatore della stagione, ovvero Gonzalo Higuain, al quindicesimo centro in stagione. Il gol arriva nell’unico modo possibile: prendendo in velocità gli avversari. L’argentino viene servito da Douglas Costa che lascia sul posto Palomino, ingresso in area , incrocio col destro e palla alle spalle di Berisha.

Reazione ospite immediata. E’ infatti il 31’ quando Ilicic si porta palla sul destro e calcia da fuori area: Matuidi respinge il pallone in angolo. Infine, prima dell’intervallo (43’)  Higuain salta Mancini e fa partire un destro a giro da fuori area, che finisce di un soffio a lato graziando Berisha.

AVVIO DI RIPRESA ATALANTINA. Al rientro dagli spogliatoi c’è in campo una squadra di Gasperini certamente più convinta. La prova arriva al 5’ con il pareggio sfiorato di un nulla da Mancini. Angolo di Ilicic e stacco di testa del numero 28 nerazzurro che termina fuori con Buffon che non avrebbe potuto far nulla. Un minuto prima Berisha aveva deviato in angolo la conclusione di Dybala col destro.

Higuain si inventa difensore al 9’, quando devia in angolo la battuta di Ilicic che poteva fare molto male alla capolista. Che quando attacca, dimostra perché fa grandi cose in campionato e Champions League. Al 19’infatti Higuain regala un cioccolatino a Douglas Costa sul filo del fuorigioco: l’esterno in area, calcia in diagonale col destro, Berisha si supera e devia la palla quel tanto che basta per scheggiare  il palo e tornare in campo, quindi (22’) Pjanic con un destro da limite non ha fortuna. L’Atalanta però è ancora molto attiva e fa la sua partita mettendo in difficoltà la Juventus, con Gasperini che passa ad un 4-2-4 con Ilicic e Gomez esterni con l’ingresso di Corneluis che va in mezzo con Petagna.

MATUIDI CHIUDE I CONTI. La gara si complica con due ammonizioni per Mancini nel giro di pochi minuti dopo i falli su Higuain e Chiellini. Impossibile non rimediare il rosso al 34’. A nulla è servito l’aver alzato il baricentro in casa nerazzurra, che in dieci i bianconeri raddoppiano al 36’ con Matuidi, servito da Higuain che calcia e insacca col piatto sinistro. A nulla serve il tocco del portiere ospite per evitare la rete del francese. Contesa terminata dopo 3’ di recupero dall’arbitro Mariani e Juventus che festeggia.

Lascia un commento
Subscribe
Notificami
guest
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement
Advertisement

I Miti rossoblu

16 campionati in rossoblu per la bandiera del Cagliari

Daniele Conti

Il portiere del leggendario scudetto del 1969-70

Enrico Albertosi

Magic Box è stato il calciatore sardo più forte in assoluto

Gianfranco Zola

Il giocatore più importante di tutta la storia del Cagliari

Gigi Riva

"BONIMBA", UNO DEI PIÙ FORTI ATTACCANTI ROSSOBLU

Roberto Boninsegna

Altro da News