Resta in contatto

Approfondimenti

Ceppitelli, l’inamovibile perno al centro della difesa

L’ultima assenza contro la Fiorentina, datata 22 dicembre, 18^ giornata. Luca Ceppitelli, che contro la Viola era appena tornato da un infortunio muscolare, da allora non è mai più uscito dal campo.

Sei gare da titolare, 540 minuti. Tutti in campo, al centro della difesa. Un record, visto il turnover difensivo imposto da mister López. Cambiano i compagni, dall’ex intoccabile Romagna a Marco Andreolli a destra, da quest’ultimo a Pisacane e poi al neoacquisto Castán a sinistra. Lui rimane lì, un punto fermo. Il perno al centro della retroguardia rossoblù. E, a dirla tutta, con pieno merito.

Anche nelle sconfitte più pesanti infatti, come quella di sabato a Verona contro il Chievo, l’ex Bari è stato uno dei pochi a meritare la sufficienza. Non una prestazione d’eccellenza, ma senza sbavature. Emblema delle ultime sei partite di Ceppitelli. Senza gol e senza interventi da fantascienza. Ma prestazioni costanti e pressoché senza errori, se si toglie quello evidente contro il Milan, che ha causato il rigore poi realizzato da Kessie.

Ceppitelli aveva conosciuto Cagliari nel peggiore dei modi: centrale nella difesa a quattro di Zeman e via con recuperi di decine e decine di metri. Troppe volte vittima dei contropiede avversari, specie per le sue caratteristiche fisiche. Qualche partita da dimenticare e via in panchina. Meglio nel campionato in B, di nuovo riserva nella scorsa stagione al ritorno in A. Ma ora il Cepp ha trovato la sua collocazione tattica perfetta. Centrale nella difesa a tre di López. È il primo a difendere e il primo a impostare. Insomma, è diventato perno inamovibile, al centro della difesa.

18 Commenti
Subscribe
Notificami
guest
18 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

(SONDAGGIO) Pereiro, fuoco di paglia o serve fiducia?

Ultimo commento: "Bravo, ma senza "garra"!"

(SONDAGGIO) Cagliari-Sassuolo, ultima spiaggia per Mazzarri?

Ultimo commento: "Non credo che Mazzarri abbia molte colpe, visto che ha trovato una squadra inadeguata e anche impreparata, gli innesti di dicembre hanno portato..."

(SONDAGGIO) Cambio in panchina, giusto esonerare ora Mazzarri?

Ultimo commento: "decisione tardiva ma indispensabile. con Mazzarri la B era sicura , forse adesso c è qualche stimolo in più. Purtroppo è l epilogo di una serie di..."

Mazzarri, i lettori di CalcioCasteddu vogliono finire la stagione con il tecnico

Ultimo commento: "In ogni caso,ce la siamo scappati lo scorso anno, per il rotto della cuffia. La Salernitana, grazie a Nicola, provvidenziale il cambio,Colantuono è..."

(SONDAGGIO) Keita, merita una chance dall’inizio a Udine?

Ultimo commento: "Sii,Keita e Pereiro...un po di panchina per Joao la papera"
Advertisement

I Miti rossoblu

16 campionati in rossoblu per la bandiera del Cagliari

Daniele Conti

Il portiere del leggendario scudetto del 1969-70

Enrico Albertosi

Magic Box è stato il calciatore sardo più forte in assoluto

Gianfranco Zola

Il giocatore più importante di tutta la storia del Cagliari

Gigi Riva

"Bonimba", uno dei più forti attaccanti rossoblu

Roberto Boninsegna

Altro da Approfondimenti