Resta in contatto

Esclusive

ESCLUSIVA – Fedele: “Juventus quasi imbattibile. Barella, che giocatore!”

Per la nostra consueta rubrica Penna in trasferta abbiamo contattato in esclusiva il giornalista de Il Corriere dello Sport-Stadio, Furio Fedele.

Argomento portante la partita si sabato sera tra Cagliari e Juventus.

Sulla carta una sfida senza storia.

“In linea puramente teorica direi di sì. La Juventus è quasi imbattibile, ma il Cagliari potrebbe provare a fare la sua partita. Gioca in casa, in uno stadio con un pubblico caldissimo e molto vicino al campo. Ovvio che questi dettagli non bastano per battere la Juventus, ma non si sa mai”.

Esiste la remota possibilità che la Juventus possa sottovalutare l’avversario o patire lo sforzo della partita di Coppa Italia?

Improbabile. Dopo l’ultima sconfitta in casa della Sampdoria, Allegri ha ulteriormente preso per mano la squadra lavorando sotto l’aspetto mentale. È un allenatore molto capace a centellinare gli sforzi, oltre a trasmettere una grinta ed una fame tale da portare i suoi uomini a dare sempre il cento per cento. Inoltre ha una rosa talmente forte e ricca che se le riserve dovessero iscriversi come squadra al campionato di serie A arriverebbero tranquillamente tra le prime cinque”.

Il suo pensiero sul Cagliari.

Indubbiamente è una buona squadra. Quest’anno è successo qualcosa che ha portato all’esonero di Rastelli ed è stato ingaggiato López il cui rendimento non si discosta più di tanto rispetto al predecessore. Sono un fan di Rastelli, del resto è riuscito a riportare la squadra subito in serie A e a salvarla al suo primo anno in massima serie. Considerato che Benevento e Verona sono in una situazione decisamente compromessa, il Cagliari dovrebbe ottenere la salvezza, salvo stravolgimenti”.

Come dovrebbe operare su questa finestra di mercato? 

“Di certo guarderei al futuro, più che all’immediato. Opererei in vista della prossima stagione, dunque un discorso basato sulla programmazione”.

Il suo pensiero su Nicolò Barella.

È oramai una certezza, per il Cagliari e per il calcio italiano. Deve pensare a concludere bene la stagione con il Cagliari. È oramai noto che le squadre più blasonate del nostro campionato gli abbiano posto gli occhi addosso, ma fossi in lui eviterei il passaggio immediato in una ‘grande’ in quanto rischierebbe di perdersi. Sarebbe più appropriato una consacrazione in una squadra intermedia, come ad esempio la Fiorentina o il Torino per poi fare il definitivo salto di qualità “.

6 Commenti
Subscribe
Notificami
guest
6 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

Salvezza o meno i lettori di CalcioCasteddu vogliono una nuova guida tecnica

Ultimo commento: "A me piacerebbe Zanetti e in d.s. in gamba e Giuliani che li facesse lavorare in pace"

(SONDAGGIO) Pereiro, fuoco di paglia o serve fiducia?

Ultimo commento: "È un giocatore che ogni tanto si sveglia del letargo e regala qualche prodezza, ma sono sicuro che un giocatore come Ragatzu avrebbe dato di più al..."

(SONDAGGIO) Cagliari-Sassuolo, ultima spiaggia per Mazzarri?

Ultimo commento: "Non credo che Mazzarri abbia molte colpe, visto che ha trovato una squadra inadeguata e anche impreparata, gli innesti di dicembre hanno portato..."

(SONDAGGIO) Cambio in panchina, giusto esonerare ora Mazzarri?

Ultimo commento: "decisione tardiva ma indispensabile. con Mazzarri la B era sicura , forse adesso c è qualche stimolo in più. Purtroppo è l epilogo di una serie di..."
Advertisement

I Miti rossoblu

16 campionati in rossoblu per la bandiera del Cagliari

Daniele Conti

Il portiere del leggendario scudetto del 1969-70

Enrico Albertosi

Magic Box è stato il calciatore sardo più forte in assoluto

Gianfranco Zola

Il giocatore più importante di tutta la storia del Cagliari

Gigi Riva

"BONIMBA", UNO DEI PIÙ FORTI ATTACCANTI ROSSOBLU

Roberto Boninsegna

Altro da Esclusive