Resta in contatto

News

López: “Combattere dal 1° minuto e cattiveria: così cresceremo”

Il tecnico del Cagliari Diego López ha presentato il match di domani nella sala stampa del centro sportivo di Asseminello, prima della partenza per Bergamo.

“Una partita importante. Dobbiamo cercare la grande prestazione, abbiamo lavorato bene. Sappiamo che servono i punti, dobbiamo cercarli ovunque. L’Atalanta è una squadra che gioca bene e ha le idee chiare”.

“Restano a casa Dessena e João Pedro, quest’ultimo per i noti motivi. Le prestazioni sono state ottime, ma non quella contro la Fiorentina. Nelle gare precedenti siamo stati all’altezza. Contro la Roma, ad esempio, avremmo dovuto portare punti a casa. Dobbiamo analizzare quali sono stati i momenti decisivi dal punto di vista negativo per migliorare. La cosa che mi interessa maggiormente è che la prestazione salti fuori sempre”.

“In fase di possesso l’Atalanta sviluppa bene la manovra, davanti sono attrezzati più di noi. Andare in campo agguerriti: questo è il modo per ottenere la salvezza. Siamo padroni del nostro destino. Sappiamo però che anche a Bergamo possiamo fare bene”.

“Il ritorno di Cigarini mi fa piacere, come fa piacere che si parli spesso di lui. Conoscevamo le sue qualità, un giocatore intelligente che merita la Serie A. Per il bene suo e della squadra. I titolari sicuri: Ceppitelli, Romagna e Ionita“.

“Nell’ultima gara abbiamo fatto molto meno rispetto alle gare precedenti. Dobbiamo migliorare nell’ultimo passaggio, sapevamo contro la Fiorentina che ci sarebbero stati spazi da sfruttare: non siamo stati bravi e sufficientemente coraggiosi per trarne vantaggio. Mancano ancora tante partite e la squadra può migliorare, deve combattere dal primo minuto ogni partita“.

“L’assenza di João Pedro si rivelerà pesante. Un giocatore che ha dimostrato di saper far bene in campo, ma dobbiamo guardare chi ci sarà a disposizione. Cragno sta cercando di uscire definitivamente dal suo infortunio, soggetto a ricadute pericolose: massima attenzione anche in allenamento. Per sostituire Joao Pedro utilizzerò Farias o Sau. Melchiorri è ancora un pochino indietro rispetto ai compagni, sebbene stia migliorando“.

Barella è un ragazzo che va su tutti i palloni, la sua irruenza la migliorerà con il tempo. Anche l’aiuto dei compagni migliorerà questo suo lato”.

1 Commento
Subscribe
Notificami
guest
1 Commento
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

(SONDAGGIO) Quale modulo per il nuovo Cagliari?

Ultimo commento: "Il tridente con luvumbu a destra lapadula al centro e desogus o contini a sinistra ..... contini è un ragazzo che ha corsa e molto generoso ci..."

Il modulo del nuovo Cagliari, i lettori di CalcioCasteddu promuovono il 4-3-3

Ultimo commento: "GIULINI DAI UNA SPERANZA ALLA SQUADRA ED AI TIFOSI, LASCIA LA PROPRIETA'"

Fascia da capitano, Deiola non convince i lettori di CalcioCasteddu

Ultimo commento: "I rigori li sbaglia chi li tira. Di sicuro non li tira un cacasotto che ha trascorso il suo tempo in campo nascosto dietro l'avversario, sbagliando un..."

(SONDAGGIO) Lapadula la spalla giusta per Pavoletti?

Ultimo commento: "Se avevi Caceres e Godin non saresti retrocesso."

I lettori di CalcioCasteddu a maggioranza: Joao Pedro deve restare

Ultimo commento: "IN TURCHIA RESTERÀ FERMO UN MESE PER STIRAMENTO, GRANDE FORTUNA DEL CAGLIARI PER LA SUA FUORIUSCITA."
Advertisement

I Miti rossoblu

16 campionati in rossoblu per la bandiera del Cagliari

Daniele Conti

Il portiere del leggendario scudetto del 1969-70

Enrico Albertosi

Magic Box è stato il calciatore sardo più forte in assoluto

Gianfranco Zola

Il giocatore più importante di tutta la storia del Cagliari

Gigi Riva

"BONIMBA", UNO DEI PIÙ FORTI ATTACCANTI ROSSOBLU

Roberto Boninsegna

Altro da News