cropped-cropped-CC-11.png
Sito appartenente al Network
Cerca
Close this search box.

Pordenone, un miracolo sportivo nato dalla programmazione

Quattordici anni fa il fallimento. Oggi la gloria a San Siro. La Gazzetta dello Sport ripercorre la storia degli ultimi quindici anni del Pordenone, la squadra che martedì ha sconfitto il Cagliari alla Sardegna Arena, eliminandolo dai sedicesimi di Coppa Italia e regalandosi un biglietto per Milano, dove sfiderà l’Inter alla Scala del Calcio di San Siro.

Una fideiussione non presentata e il Pordenone viene escluso dal calcio professionistico. È il novembre 2003 quando i neroverdi si calano nella realtà del campionato di Eccellenza friulana. Al Bottecchia si gioca  Pordenone-Vesna, ma in campo non c’è nessuno. I giocatori hanno deciso di scioperare contro una proprietà che ormai non esiste più. Al loro posto nelle settimane seguenti arriveranno a sostituirli in campo anche tre piloti delle Frecce Tricolori. La retrocessione è scontata, nonostante in maglia neroverde ci sia anche l’ex Inter Angelo Orlando.

La stagione seguente il Pordenone è in Promozione: Sergio Bolzonello, ora vicepresidente del Friuli Venezia Giulia, e gli imprenditori locali Giampaolo Zuzzi e Mauro Lovisa cominciano gradualmente a guidare il club. Non chiamatela favola, però. Tutto nasce dalla programmazione. Due semifinali playoff di C perse negli ultimi due anni (nell’ultima sconfitti ai rigori dal Parma promosso in B), un centro sportivo all’avanguardia e una mission umana: prima si scelgono le persone, poi i calciatori. Uomini, non dipendenti. E uomini sono quelli che hanno realizzato l’impresa di battere il Cagliari, che certo ci ha messo del suo.

Ora andranno a San Siro per gli ottavi: il capitano Stefani, il terzino De Agostini, il regista sardo Burrai e il dieci Berrettoni, ex Perugia e Lazio, sono i leader dei friulani. Ma ci sono anche i giovani e giocatori rinati, guidati in modo eccezionale da mister Leonardo Colucci. “Andremo a San Siro per la coppa – ha detto il presidente Mauro Lovisama l’obiettivo è quello di tornarci entro qualche anno in campionato“. Ecco l’obbiettivo della favola, pardon, del miracolo Pordenone.

Subscribe
Notificami
guest

8 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments

Articoli correlati

Fatale all’attuale allenatore, in passato giocatore rossoblù nella stagione 2006/2007 la sconfitta della sua Spal...
Allo stadio Danilo Martelli l'ex giocatore del Cagliari ha messo a segno il cosiddetto 'gol...

Alessio Cragno e Salvatore Burrai, ex giocatori rossoblù, cambiano casacca: per il portiere una nuova...

Dal Network

Altre notizie

Calcio Casteddu