Resta in contatto

Approfondimenti

“Sparagli Piero, sparagli ora…”

“…e dopo un colpo sparagli ancora, fino a che tu non non lo vedrai esangue”.

Fabrizio De Andrè cantava così nella sua celeberrima La guerra di Piero. Il soldato Piero veniva “incoraggiato” a sparare all’omologo nemico una volta e due volte in modo tale da non rischiarne la risposta. Ed invece Piero indugiò fornendo al suo nemico la possibilità di “…imbracciare l’artiglieria e non ricambiare la cortesia”. Il risultato? Piero morì sotto i colpi del nemico per aver, lo ripetiamo, indugiato e non aver prontamente utilizzato la sua artiglieria per anticipare la mossa avversaria.

Il Cagliari visto a Udine ha ottenuto tre punti fondamentali e questa, per usare la frase di un certo Giampiero Boniperti, è l’unica cosa che effettivamente conta. Non solo: le note positive sono state diverse come la porta rimasta inviolata, le buone prestazioni di Andreolli e Cigarini, le conferme di Faragò e Barella.

D’altro canto, però, è d’obbligo segnalare un neo sulla quale Diego López farebbe bene a prestare attenzione: dopo il goal di Joao Pedro i rossoblù si sono in maniera incomprensibile rinchiusi nella propria metà campo rinunciando totalmente, o quasi, ad attaccare. Soprattutto Pavoletti è stato lasciato solo a cercare di contrastare la, seppur mediocre, difesa friulana.

Un atteggiamento già visto nel secondo tempo di Torino e che i rossoblù hanno pagato a caro prezzo, mentre oggi l’eccessiva modestia dell’Udinese ha consentito di ottenere tre punti d’oro. Il rischio di non chiudere le partite come queste per rinuncia o per indugio potrebbe, proprio come al Piero di De Andrè, portare ad essere colpiti da un avversario che pur dimostra di essere più debole.

Presi i tre punti che hanno portato a 6 la distanza dalla terz’ultima in classifica, da domani si può lavorare anche per chiudere anzitempo le partite, perché una cosa fatta bene può essere di certo fatta meglio.

 

15 Commenti
Subscribe
Notificami
guest
15 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

Difesa ballerina, serve tempo a Liverani o è necessario andare sul mercato?

Ultimo commento: "È da anni che la difesa è imbarazzante ma pare che nessuno della dirigenza se ne sia mai accorto"

(SONDAGGIO) Quale modulo per il nuovo Cagliari?

Ultimo commento: "Chi sceglie 'è' Liverani. Questo nostro è un gioco."

Fascia da capitano, Deiola non convince i lettori di CalcioCasteddu

Ultimo commento: "per me Deiola è prezioso non sarà un fuoriclasse ma dà l'anima per la squadra e tiri da lontano che sono belli da vedere"

Il modulo del nuovo Cagliari, i lettori di CalcioCasteddu promuovono il 4-3-3

Ultimo commento: "GIULINI DAI UNA SPERANZA ALLA SQUADRA ED AI TIFOSI, LASCIA LA PROPRIETA'"

(SONDAGGIO) Lapadula la spalla giusta per Pavoletti?

Ultimo commento: "Se avevi Caceres e Godin non saresti retrocesso."
Advertisement

I Miti rossoblu

16 campionati in rossoblu per la bandiera del Cagliari

Daniele Conti

Il portiere del leggendario scudetto del 1969-70

Enrico Albertosi

Magic Box è stato il calciatore sardo più forte in assoluto

Gianfranco Zola

Il giocatore più importante di tutta la storia del Cagliari

Gigi Riva

"BONIMBA", UNO DEI PIÙ FORTI ATTACCANTI ROSSOBLU

Roberto Boninsegna

Altro da Approfondimenti