Resta in contatto

Approfondimenti

Filippo Romagna, l’elegante scudiero di López

Non sono simili, anzi. Sono prototipi diversi, opposti, di difensore centrale. Diego López era un lottatore, una bandiera. Leader carismatico di un Cagliari d’altri tempi: uno che in campo dava tutto fino al novantesimo. Badando più alla sostanza che alla forma. Filippo Romagna invece è il classico difensore elegante, nato come centrocampista centrale. Ama avere la palla tra i piedi e impostare. Ma sa anche come farsi valere in copertura e come fronteggiare attaccanti anche più esperti.

Sono opposti Diego López e Filippo Romagna. Ma, come nel più classico dei casi, gli opposti si attraggono. È per questo che l’allenatore rossoblù sembra non voglia rinunciare al difensore dell’Under 21: finora lo ha schierato quattro volte su quattro da quando si è seduto, a metà ottobre, sulla panchina del Cagliari.

Del suo talento si era già accorto Massimo Rastelli che, dopo un minutino a Ferrara contro la Spal, lo aveva schierato per l’intera gara a Napoli (esordio da titolare discreto, pur con fallo da rigore) e in casa col Genoa. L’arrivo del mister uruguaiano, insieme ai forfait di Pisacane, Ceppitelli, Andreolli e Capuano, vittime di acciacchi a gare alterne nelle ultime settimane, ne hanno permesso l’esplosione definitiva. Tanto che ora che tutti sono tornati disponibili è probabile che mantenga la maglia da titolare, acquisita e onorata con sudore e impegno.

Certo, si può sempre migliorare. Le uscite eleganti palla al piede talvolta risultano un po’ rischiose, pur belle da vedere e fondamentali viste le qualità uniche nella rosa rossoblù. Così come qualche momento di black out o qualche ingenuità che il numero 13 potrà sicuramente limare col tempo. Facendo esperienza e acquisendo quella furbizia che ancora un po’ gli manca, ma che risulta fondamentale per il ruolo. Una cosa è certa: il talento Romagna ce l’ha e si nota ogni volta che scende in campo. Il mestiere lo acquisirà col tempo.

40 Commenti
Subscribe
Notificami
guest
40 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

Salvezza o meno i lettori di CalcioCasteddu vogliono una nuova guida tecnica

Ultimo commento: "A me piacerebbe Zanetti e in d.s. in gamba e Giuliani che li facesse lavorare in pace"

(SONDAGGIO) Pereiro, fuoco di paglia o serve fiducia?

Ultimo commento: "È un giocatore che ogni tanto si sveglia del letargo e regala qualche prodezza, ma sono sicuro che un giocatore come Ragatzu avrebbe dato di più al..."

(SONDAGGIO) Cagliari-Sassuolo, ultima spiaggia per Mazzarri?

Ultimo commento: "Non credo che Mazzarri abbia molte colpe, visto che ha trovato una squadra inadeguata e anche impreparata, gli innesti di dicembre hanno portato..."

(SONDAGGIO) Cambio in panchina, giusto esonerare ora Mazzarri?

Ultimo commento: "decisione tardiva ma indispensabile. con Mazzarri la B era sicura , forse adesso c è qualche stimolo in più. Purtroppo è l epilogo di una serie di..."
Advertisement

I Miti rossoblu

16 campionati in rossoblu per la bandiera del Cagliari

Daniele Conti

Il portiere del leggendario scudetto del 1969-70

Enrico Albertosi

Magic Box è stato il calciatore sardo più forte in assoluto

Gianfranco Zola

Il giocatore più importante di tutta la storia del Cagliari

Gigi Riva

"BONIMBA", UNO DEI PIÙ FORTI ATTACCANTI ROSSOBLU

Roberto Boninsegna

Altro da Approfondimenti