cropped-cropped-CC-11.png
Sito appartenente al Network
Cerca
Close this search box.

Penna in trasferta – Elena Rossin: “Belotti? Un azzardo schierarlo da subito”

Per la nostra rubrica Penna in trasferta abbiamo sentito per voi una delle giornaliste di punta del panorama granata, Elena Rossin di TorinoGranata.it.

Alla luce di una classifica deludente e della contestazione di questo pomeriggio, com’è la situazione in casa Torino?
“La situazione non è semplice, la squadra in cinque giornate è precipitata dal quinto al dodicesimo posto con due soli punti conquistati con squadre che stanno in fondo alla classifica come Verona e Crotone. In più ci sono difficoltà dovute un po’ agli infortuni e un po’ a un mercato che non ha portato equilibrio nei vari ruoli. Deleterie anche le sconfitte che sono giunte prima nel derby per 4-0, poi contro la Roma senza quasi mai tirare in porta e infine con la Fiorentina, dove il Torino era stato capace di reagire ma ha colpito due traverse e preso tre gol”.

Col Cagliari che partita ti aspetti?
“Bisogna capire chi sta seguendo l’allenatore e quanto lo stanno seguendo. Le parole di Mihajlovic subito dopo la partita con la Fiorentina destano preoccupazione. Quando un allenatore va in conferenza stampa e dichiara che la sua situazione è molto in bilico e che i primi a rimetterci sono sempre gli allenatori, oppure che la squadra sembrava matura e invece non lo è, allora questo la dice lunga sul fatto che ci siano difficoltà all’interno dello spogliatoio. Se quello che sta succedendo in queste ore nello spogliatoio ha portato a un chiarimento tra allenatore, dirigenza e giocatori, allora forse la panchina di Mihajlovic si salva. Se però il Torino anche solo pareggiasse, con tutto il rispetto per il Cagliari, l’esonero di Mihajlovic sarebbe inevitabile”.

Quindi partita da dentro o fuori per Mihajlovic?
“Se una squadra ha come obiettivo l’Europa League e l’altra ha come obiettivo dichiarato una salvezza tranquilla, è chiaro che giocando all’Olimpico Grande Torino i granata devono vincere per forza”.

Belotti ci sarà?
“Oggi si è allenato parzialmente con la squadra, sta meglio, però su di lui c’è sempre la spada di Damocle. Affrettare troppo il rientro rischia di lesionare ancora di più il legamento e a quel punto si rischierebbe di non averlo per quasi tutto il campionato, quindi sarebbe un danno gravissimo per il Torino e per la Nazionale. Conoscendo “il gallo” penso che lui voglia giocare, però sta a lui la responsabilità di fermarsi qualora dovesse sentire un dolore che va al di la del semplice legamento cicatrizzato. Quindi potrebbe giocare contro il Cagliari ma penso che sia più probabile un inserimento nella seconda parte della ripresa, sarebbe un azzardo schierarlo da subito e poi bisogna vedere anche come interverrà la società visto che si parla di un patrimonio da 100 milioni di euro”.

Subscribe
Notificami
guest

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments

Articoli correlati

Sfida importante per entrambe le squadre: il Cagliari cerca conferme...
Bilancio nettamente a favore dei nerazzurri: la vittoria rossoblù manca dal 2016, grazie al blitz...
I vostri voti a Augello e compagni dopo la prestazione di ieri nel match della...

Dal Network

La società giallorossa ha messo in vendita i biglietti dei posti “a ridotta visibilità” di...
I bianconeri hanno perso ben diciannove punti dopo essere passati in vantaggio, ma non è...

Altre notizie

Calcio Casteddu