cropped-cropped-CC-11.png
Sito appartenente al Network
Cerca
Close this search box.

Passetti: “Tifosi, venite allo stadio!”

È un cagliaritano doc Mario Passetti, anche se il cognome non tradisce le origini sardissime: “Nato a San Michele, elementari in via Podgora“. Le evidenziano invece i riferimenti al Cagliari, squadra del cuore e di cui da qualche mese è direttore generale: cover, tazzina del caffè, orologio. Tutto in tinta rossoblù. Pensa al Cagliari ventiquattro ore al giorno, con l’obbiettivo di “migliorarsi sempre!”.

La prima al Sant’Elia – spiega Passetti in una lunga e bella intervista ai microfoni de L’Unione Sardafu Cagliari-Catanzaro, nella primavera del 1981. Ricordo nitidamente il nome di Palanca sul tabellone. Il ruolo di dg nella mia squadra del cuore è un onore ma anche un enorme responsabilità“.

Master alla Bocconi, direzioni commerciali di Tiscali e Vodafone e poi la collaborazione con Tommaso Giulini, alla guida del Cagliari: “È un presidente sul pezzo, attentissimo alla gestione del club. Quest’estate lui e tutti noi siamo stati scossi dalle vicende Fluorsid, che speriamo si risolvano positivamente. Ma la sua guida è ferma: altrimenti non si spiegherebbe uno stadio in 127 giorni“.

E sulla Sardegna Arena: “Da un mese nessuno mi chiede più dove giocheremo. La Sardegna Arena è un concetto chiaro a tutti e ringrazio chi ha contribuito a questo traguardo. Stadio nuovo? I lavori non si fermano, stiamo cominciando la selezione dei progettisti per arrivare alla scelta. Poi ci sarà l’analisi del progetto, il bando di gara e poi il via alla costruzione. Serviranno tre o quattro stagioni, non bisogna avere fretta. Di certo nel nuovo stadio ospiteremo le statue di Riva e dei campioni dello scudetto. Domani invece c’è l’inaugurazione del museo alla Sardegna Arena: il giusto tributo alla nostra storia“.

Sull’immagine del club: “I nostri followers sono quasi un milione, questa squadra ha un patrimonio affettivo che deve essere ulteriormente valorizzato. Oggi vedo molte più magliette del Cagliari in giro tra i bambini, per esempio“.

Sugli obiettivi: “La nostra è una società ambiziosa. L’obbiettivo è mantenerla solida e sana sotto il profilo finanziario. Siamo sicuri che un lavoro serio, sia incrementando il numero di tifosi lontani dalla Sardegna che investendo sul settore giovanile, ci porterà a risultati importanti. Tutto il Cagliari sta crescendo e questo può avvenire grazie alla competenza di chi ci lavora, come Carlo Catte, amministratore delegato che da quindici anni tiene i conti della società“.

Subscribe
Notificami
guest

13 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments

Articoli correlati

Le scelte dei due tecnici per la sfida di questa sera all'Unipol Domus...
Un turno tutt’altro che banale dopo l’ufficializzazione di cinque italiane nella nuova Super Champions League...
Nonostante la stagione regolare si avvii verso la conclusione, come detto dal mister Pisacane, la...

Dal Network

Il tecnico, prossimo avversario, è profilo gradito per la nuova stagione. Intanto il club...
La Roma ha spiegato le motivazioni per le quali bisognerebbe spostare il recupero della sfida...
L'argentino può essere la carta a sorpresa in vista della gara di stasera in Sardegna:...

Altre notizie

Calcio Casteddu