Resta in contatto

Rubriche

Una partita, un ricordo – Al Sant’Elia si consuma un dramma

A cura di Fabio Ornano e Giancarlo Cornacchia 

È il 16 giugno 1985, davanti ad un Sant’Elia gremito da quaranta mila spettatori va in scena una delle partite più epiche della storia rossoblù.

Davanti, in uno scontro fratricida, ci sono Cagliari e Catania: è l’ultima giornata del campionato cadetto e la classifica recita che gli etnei godono di un punto di vantaggio sui sardi, con a disposizione 2 risultati su 3 per evitare la retrocessione in serie C1.

Per gli uomini di Renzo Ulivieri, autori di una splendida rimonta dopo la sciagurata gestione di Fernando Veneranda, l’imperativo è vincere per superare in classifica proprio il Catania.

La partita è un susseguirsi di tensione ed emozioni, con il Catania che ha la possibilità di giocare con maggiore tranquillità: i rossoblù, che spingono sull’acceleratore fin da subito, non riescono a trovare la via della rete.

Nel secondo tempo anche i siciliani iniziano ad avvertire a paura: due difensori si immolano per salvare sulla linea una conclusione di De Rosa a botta sicura, ma la beffa giunge all’89’ ed il protagonista si chiama Vittorio Pusceddu.

Il giovane terzino di Buggerru, lanciato nella mischia dal tecnico toscano, conquista palla sulla trequarti e lascia partire il suo sinistro. La palla rimbalza proprio davanti al portiere in caduta che riesce, non si sa come, a toccarla con l’avambraccio destro facendole assumere uno stranissimo effetto. I tifosi gridano al goal, ma la sfera si adagia lentamente, e mestamente, sopra la traversa.

Quella palla fu l’emblema di una stagione nata male e terminata peggio. Il Cagliari non solo è retrocesso in serie C1, ma la società guidata da Fausto Moi ha accumulato un passivo di svariati miliardi di lire.

La disperazione durò ben poco poiché qualche tempo dopo venne riconosciuto dalla CAF un illecito che portò alla retrocessione d’ufficio del Padova ed al conseguente ripescaggio dei sardi.

 

5 Commenti
Subscribe
Notificami
guest
5 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement
Advertisement

I Miti rossoblu

Magic Box è stato il calciatore sardo più forte in assoluto

Gianfranco Zola

Il giocatore più importante di tutta la storia del Cagliari

Gigi Riva

Altro da Rubriche