Resta in contatto

Rubriche

Amarcord – Quando Piovani gelò l’Acquedotto

È il 23 ottobre del 1988 e allo stadio Acquedotto di Sassari va in scena il derby tra i padroni di casa della Torres ed il Cagliari di Claudio Ranieri.

La partita è come sempre molto sentita e molto attesa, specie per le tifoserie da sempre acerrime nemiche. Ma l’allenatore romano ha iniziato un grande percorso con la sua Ferrari e ne vuole dimostrare il suo valore ovunque.

Da una parte c’è la stella di Gianfranco Zola che viene preso in consegna da Ivo Pulga, dall’altra un portentoso duo d’attacco composto da Guglielmo Coppola e Giampietro Piovani. Proprio quest’ultimo al 4′ riceve palla sulla filo del fuorigioco dal suo compagno d’attacco e di destro fulmina il portiere Pinna.

Impietriti di fronte all’esultanza dei cagliaritani, i tifosi di casa pensano bene di prendersela con un guardalinee, reo di non aver segnalato la posizione irregolare della punta cagliaritana, e scagliano in sua direzione un oggetto (probabilmente una mela) che lo colpisce alla testa.

Un gesto vile e pessimo, ma che non compromette la prosecuzione dell’incontro: dopo qualche minuto di stordimento, infatti, il guardalinee riesce a riprendere la sua attività.

I padroni di casa non ci stanno allo svantaggio ed abbozzano una reazione: meravigliosa la conclusione di Zola a metà del primo tempo che costringe Jelpo ad una miracolosa deviazione in angolo. Il Cagliari potrebbe agire di rimessa, ma non sfrutta i tanti spazi concessi dagli avversari.

Nella ripresa la Torres protesta in maniera veemente con il direttore di gara per la mancata concessione di due penalty, causa altrettanti presunti falli di Festa su Ennas, colpisce pure un palo con Di Rosa, e quando il Cagliari Inizia a gustare il dolce sapore della vittoria arriva la beffa al 91′ con lo stesso Di Rosa che corregge in rete un corner proveniente dalla destra.

La partita termina in parità con buona pace di tutti e mentre il Cagliari al termine della stagione volerà in serie B, i sassaresi dovranno accontentarsi di un modesto posto di centro-classifica.

6 Commenti
Subscribe
Notificami
guest
6 Commenti
più nuovi
più vecchi più votati
Inline Feedbacks
View all comments
Commento da Facebook
Commento da Facebook
2 anni fa

ero all’acquedotto 1 a 1 al 91′

Commento da Facebook
Commento da Facebook
2 anni fa

la differenza nelle gare con la torres ( amichevoli o meno ) e’ sempre stata la carica agonistica ……….secondo me feroce nei rossoblu’ del capo di sopra e stiracchiata invece nei rossoblu del capo di sotto ………

Commento da Facebook
Commento da Facebook
2 anni fa

Già…

Commento da Facebook
Commento da Facebook
2 anni fa

Mitico Pedro

Commento da Facebook
Commento da Facebook
2 anni fa

Un magico Piovani…

Commento da Facebook
Commento da Facebook
2 anni fa

Chissà un giorno allenatore del Cagliari

I Miti rossoblu

Magic Box è stato il calciatore sardo più forte in assoluto

Gianfranco Zola

Il giocatore più importante di tutta la storia del Cagliari

Gigi Riva

Advertisement
Advertisement

Josè Oscar Herrera

Ultimo commento: "Grande Pepe..."

Mario Brugnera

Ultimo commento: "Ricordo quel grande Cagliari seppur 12enne...È stato la colonna sonora della mia crescita e della mia vita. Ancora oggi ripenso alla immensa fortuna..."
Tiddia

Mario Tiddia

Ultimo commento: "Un 6 posto grandioso che purtroppo non fruttò la qualificazione Uefa perché all'epoca avevamo solo 2 squadre qualificate se non sbaglio..."

Massimiliano Cappioli

Ultimo commento: "Non dimenticherò mai le sue lacrime durante il suo ultimo giro di campo. Grande Cappio"

Carmine Longo

Ultimo commento: "È vero, Arrica è stato il più grande ma venne favorito da Angelo Moratti che foraggiava il Cagliari affinché Riva non andasse alla Juve. Gran..."

Cerca con Pagine Sì!

Powered by Pagine Sì!

Altro da Rubriche