Resta in contatto

Approfondimenti

Fenerbahçe-Cagliari 1-0, i PIÙ e MENO di CalcioCasteddu.it

Chi pensava in una scorpacciata di reti da parte della compagine turca è rimasto profondamente deluso. Di fronte ad una splendida cornice di pubblico i rossoblù di Rastelli sono stati sconfitti di misura e, tra l’altro, da una punizione deviata da Cigarini che ha letteralmente messo fuori causa il portiere Cragno, stavolta incolpevole.

Il copione, insomma, è stato rispettato solo parzialmente: turchi che hanno fatto la partita per almeno 75 minuti mettendo a tratti alle corde il Cagliari che, dal canto suo, ha saputo reggere molto bene la forza d’urto di un avversario di caratura internazionale.

Ecco a voi i PIÙ e i MENO secondo la Redazione di CalcoCasteddu.it:

I PIÙ

LUCA CEPPITELLI: un giocatore ritrovato. L’infortunio sembra definitivamente smaltito, e la forma già discreta. Strepitosi due interventi su Stoch e Uçan che hanno impedito agli avversari di passare in vantaggio già nella prima frazione di gioco. E che intesa con Romagna!

FILIPPO ROMAGNA: aveva davanti un mostro sacro del calibro di Robin Van Persie, ma nonostante ciò ha dimostrato forza e personalità, nonché la freddezza necessaria per mettere la museruola al ben più quotato avversario. Sicuri che abbia solo 20 anni?

ALESSIO CRAGNO: gli errori di Crotone sono già alle spalle ed il buon Alessio ne ha subito fatto tesoro. Sicuro nelle uscite e reattivo negli interventi come al 43′ quando in maniera prodigiosa devìa in corner una conclusione a botta sicura del solito Stoch. Incolpevole sul goal, o meglio, sull’autogoal di Cigarini.

 

I MENO

NICOLÒ BARELLA: schierato da play maker in luogo di Cigarini, non convince in questa zona del campo. La sua determinazione e la sua grinta sarebbero decisamente più utili nel ruolo di mezz’ala. Al momento non possiede ne il passo, ne la giusta sagacia tattica per un ruolo così delicato. Perché ostinarsi a volerlo adattare in un ruolo non suo quando in rosa si aveva a disposizione un valido elemento come Santiago Colombatto?

NICCOLÒ GIANNETTI: un pesce fuor d’acqua anche se, ad onor del vero, i rossoblù hanno prodotto poco in attacco con Cossu che sovente ha dovuto allargare il proprio raggio d’azione sulla sinistra per coadiuvare Miangue. L’attaccante senese è comunque risultato abulico ed avulso dal gioco, probabilmente sintomatico di un pò di stanchezza dovuta ai carichi di lavoro.

Lascia un commento
Subscribe
Notificami
guest
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

Difesa ballerina, serve tempo a Liverani o è necessario andare sul mercato?

Ultimo commento: "Speriamo che si svegli in fretta la nostra dirigenza se non la finiamo in serie c con la difesa che abbiamo sempre gli stessi errori non si coprano i..."

(SONDAGGIO) Quale modulo per il nuovo Cagliari?

Ultimo commento: "Il tridente con luvumbu a destra lapadula al centro e desogus o contini a sinistra ..... contini è un ragazzo che ha corsa e molto generoso ci..."

Il modulo del nuovo Cagliari, i lettori di CalcioCasteddu promuovono il 4-3-3

Ultimo commento: "GIULINI DAI UNA SPERANZA ALLA SQUADRA ED AI TIFOSI, LASCIA LA PROPRIETA'"

Fascia da capitano, Deiola non convince i lettori di CalcioCasteddu

Ultimo commento: "I rigori li sbaglia chi li tira. Di sicuro non li tira un cacasotto che ha trascorso il suo tempo in campo nascosto dietro l'avversario, sbagliando un..."

(SONDAGGIO) Lapadula la spalla giusta per Pavoletti?

Ultimo commento: "Se avevi Caceres e Godin non saresti retrocesso."
Advertisement

I Miti rossoblu

16 campionati in rossoblu per la bandiera del Cagliari

Daniele Conti

Il portiere del leggendario scudetto del 1969-70

Enrico Albertosi

Magic Box è stato il calciatore sardo più forte in assoluto

Gianfranco Zola

Il giocatore più importante di tutta la storia del Cagliari

Gigi Riva

"BONIMBA", UNO DEI PIÙ FORTI ATTACCANTI ROSSOBLU

Roberto Boninsegna

Altro da Approfondimenti