Resta in contatto

Approfondimenti

Primo mese di trattative per il Cagliari: il bilancio

Mancano ancora pochi giorni all’apertura ufficiale del calciomercato, ma tutte le trattative, come da consuetudine, sono partite da tempo. Dal 3 luglio al 31 agosto si potranno depositare i nuovi contratti, ma dopo il primo vero mese di trattative si può fare un piccolo bilancio.

Per quanto riguarda il Cagliari, tutto procede ancora a rilento: come più volte ha sottolineato il presidente della società, Tommaso Giulini, gli sforzi maggiori saranno dedicati alla conclusione dei lavori della Sardegna Arena. E non potrebbe essere altrimenti: i rossoblù hanno urgente bisogno di una casa stabile, prima di poter puntare alla demolizione e ricostruzione del nuovo Sant’Elia.

In questo mese di giugno, il Cagliari ha messo a segno essenzialmente due “colpi” in entrata, e uno in uscita: l’addio di Bruno Alves era da mettere sul conto, sia per l’età piuttosto avanzata del portoghese, che per la sua indole nomade. Per quanto riguarda Senna Miangue, invece, si tratta di una sorta di ritorno solo sulla carta: sostanzialmente, infatti, il giocatore continuerà a vestire la maglia con i quattro mori, dopo le poche e fugaci apparizioni della scorsa stagione. Il Cagliari ha deciso di puntare su di lui visto anche l’esborso non trascurabile di 3,5 milioni di euro per l’acquisizione dell’intero cartellino. L’Inter però ha deciso di non mollare completamente la presa sul giocatore belga: ha infatti un diritto di “recompra” per i prossimi tre anni, fissato in 10 milioni. Ciò significa che se la società nerazzurra volesse far rientrare il giocatore a Milano, dovrebbe versare una non trascurabile cifra nelle casse rossoblù. Insomma, probabilmente un affare per entrambe le società.

Il secondo colpo è Luca Cigarini: a Cagliari, il ruolo di regista basso negli ultimi anni non ha più trovato un vero padrone, soprattutto dopo l’addio di una bandiera come Daniele Conti. L’ormai ex blucerchiato probabilmente non sostituirà l’ex capitano del Cagliari nel cuore dei tifosi rossoblù, ma potrebbe rivelarsi una scelta azzeccata.

Cigarini rientra nella trattativa per la cessione di Nicola Murru, il cosiddetto colpo in uscita. Il terzino sardo lascia la Sardegna dopo una vita in rossoblù, con qualche rimpianto ma con la consapevolezza di non aver mai convinto completamente la piazza cagliaritana.

Importante anche il ritorno di Alessio Cragno, che si riprenderà quella porta lasciata troppo presto, in una stagione non proprio fortunata.

2 Commenti
Subscribe
Notificami
guest
2 Commenti
più nuovi
più vecchi più votati
Inline Feedbacks
View all comments
Commento da Facebook
Commento da Facebook
2 anni fa

Difesa ….per me due centrali di difesa è un terzino sinistro ,non so se miangue possa giocare titolare e capuano ha sempre problemi fisici

Commento da Facebook
Commento da Facebook
2 anni fa

Manca ancora un centrale d’esperienza

I Miti rossoblu

Magic Box è stato il calciatore sardo più forte in assoluto

Gianfranco Zola

Il giocatore più importante di tutta la storia del Cagliari

Gigi Riva

Advertisement
Advertisement

Josè Oscar Herrera

Ultimo commento: "Grande Pepe..."

Mario Brugnera

Ultimo commento: "Ricordo quel grande Cagliari seppur 12enne...È stato la colonna sonora della mia crescita e della mia vita. Ancora oggi ripenso alla immensa fortuna..."
Tiddia

Mario Tiddia

Ultimo commento: "Un 6 posto grandioso che purtroppo non fruttò la qualificazione Uefa perché all'epoca avevamo solo 2 squadre qualificate se non sbaglio..."

Massimiliano Cappioli

Ultimo commento: "Non dimenticherò mai le sue lacrime durante il suo ultimo giro di campo. Grande Cappio"

Carmine Longo

Ultimo commento: "È vero, Arrica è stato il più grande ma venne favorito da Angelo Moratti che foraggiava il Cagliari affinché Riva non andasse alla Juve. Gran..."

Cerca con Pagine Sì!

Powered by Pagine Sì!

Altro da Approfondimenti