cropped-cropped-CC-11.png
Sito appartenente al Network
Cerca
Close this search box.

Ambiente compatto, dirigenza presente. E la nota lieta Kingstone

L'allenamento di questo pomeriggio, analizzato più in profondità: gli aspetti ambientali e "di campo", verso il Sassuolo.

Dal nostro inviato all’Unipol Domus

DETTAGLI. Va bene l’allenamento aperto ai tifosi, probabilmente l’ultima occasione della stagione per appuntamenti del genere; va bene anche la partitella tra bianchi e rossi. Ma cos’ha veramente espresso il pomeriggio all’Unipol Domus, che può essere utile per capire le condizioni del Cagliari verso il Sassuolo? Entriamo maggiormente nel dettaglio, grazie alle sensazioni e ai dettagli notati da chi ha assistito in prima persona.

AMBIENTE. Poco spazio a cali di concentrazione durante la seduta rossoblù, da parte di tutti. La sensazione è stata quella di una squadra tesa, ma non nervosa: bensì sul pezzo. Durante la partitella, quasi non è volata una mosca, se si esclude qualche urlo dei portieri Scuffet e Radunovic. La pattuglia Ranieri sa bene che la posta in palio, nella prossima gara, è altissima. Dirigenza al gran completo, tra tribuna e bordo campo, a cominciare dal presidente Giulini e l’ad Catte. Il ds Bonato ha scrutato la seduta in piedi, appoggiato a una delle due panchine. La tifoseria ha incitato il gruppo: al termine dell’allenamento, la rosa – insieme a Ranieri – si è recata davanti alla Curva Nord e c’è stato un lungo dialogo, suggellato dal grido: “Dobbiamo vincere!“, in vista di domenica. All’uscita dal campo, il Mister è parso sereno e sorridente. L’ambiente Cagliari, in questo pomeriggio allo stadio, è parso coeso in tutte le sue componenti. 

SUL CAMPO. Ranieri, a prescindere dagli interpreti, ha provato la difesa a 4. Se si dovesse ipotizzare ora una probabile retroguardia per Reggio Emilia, Zappa a destra e Augello a sinistra, con Dossena al centro sicuro del posto: Mina non ha preso parte alla partitella, evidentemente per salvaguardare ogni piccola energia. Perché è impossibile non vedere il colombiano al Mapei Stadium, per il suo peso specifico e il desiderio ardente di esserci. In mediana è lecito attendersi Prati come play, affiancato da Sulemana e Deiola. Dalla mediana in su: Gaetano ha giostrato sul centrosinistra, così come Luvumbo. Ma entrambi non hanno brillato. Dall’altra parte si può dire lo stesso per Nández e Oristanio. Sulla trequarti, a intermittenza, hanno provato ad accendersi Mancosu e Viola. Punte non brillanti: tranne una, la meno accreditata.

VERVE. E se i vari Lapadula, Pavoletti, Petagna e Shomurodov hanno fatto fatica, c’è invece da segnalare la verve del giovane Kingstone. Entrato a partitella in corso, ha messo in difficoltà i compagni/avversari con buoni spunti in velocità, concludendo infine uno di questi inserimenti in gol. Ranieri, in una fase immediatamente successiva, ne ha approfittato per dare allo zambiano alcuni consigli sui movimenti da compiere. Può darsi che il ragazzo alla fine non giochi con il Sassuolo, potrebbe pure non essere convocato: però è stato l’unico a mostrare un po’ di spensieratezza e spirito d’iniziativa, a costo di strafare.

 

Subscribe
Notificami
guest

31 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments

Articoli correlati

Impressionante il tifo dei tifosi rossoblù, con oltre 3.000 presenti allo stadio che hanno spinto...
Primo tempo non bello, poi i rossoblù accelerano e trovano i gol di Prati e...

Game over al Mapei Stadium: i rossoblù battono 0-2 la squadra di Davide Ballardini ottenendo...

Dal Network

Ultima gara casalinga per i neo campioni d’Italia. A inizio partita, sullo 0-0, gol annullato...
Le parole del tecnico, ex di turno, alla vigilia della delicata gara in programma domani...
Al San Nicola, davanti a oltre 33.000 spettatori, gli umbri falliscono un rigore con Casazola....

Altre notizie

Calcio Casteddu