Resta in contatto

News

Liverani: “Difesa a quattro e centrocampo a tre saranno le basi”

Il neo allenatore del Cagliari Fabio Liverani si presenta: parte oggi, con la conferenza stampa all’Unipol Domus, un nuovo capitolo rossoblù. Le sue prime parole

Lo spirito è positivo. Credo sia un’opportunità importante per me. Veniamo tutti e due da un momento negativo. Il Cagliari è già una squadra competitiva e a fine mercato sarà completa“.

Ho visto il Cagliari parecchie volte, difficile spiegare cosa sia successo l’anno scorso. La rosa era molto adatta alla A, c’erano giocatori di qualità. Dopo un’annata così ci sono strascichi mentali e verranno valutati“.

Andiamo ad affrontare un campionato impegnativo. Ci sono le retrocesse che tenteranno di risalire e le neopromosse come Bari e Palermo. Ci sono 7-8 squadre con i nostri stessi obiettivi. Il nostro è essere competitivi dal primo giorno“.

L’entusiasmo arriverà con i risultati, dobbiamo avere una nostra identità. Serve fame di vincere e non dimenticare da dove veniamo. Chi arriva dovrà portare entusiasmo e chi resta deve averlo perché sceglie il Cagliari. Non sarà la gente a trascinare noi ma il contrario“.

Ero convinto che il Cagliari ce la facesse col Venezia. Purtroppo non è andata così. Quando si accetta un progetto come questo non esiste il veto, con la società abbiamo delineato la partenza. Ci sono giocatori che hanno delle volontà e dividersi può far bene a tutti“.

Il modulo sarà una difesa a 4 e un centrocampo a 3. Poi a fine mercato vedremo le caratteristiche dei giocatori per formare l’attacco. Garantisco che sarà una squadra che lotterà per vincere tutte le partite“.

Il Cagliari è entrato nell’Olimpo della Primavera e credo ci siano elementi interessanti delle giovanili. Credo ci siano giocatori che possono restare in pianta stabile, 4-5 giocatori. Chi viene a Cagliari deve venire perché è un punto di arrivo non di partenza“.

Leggo nomi su richieste dell’allenatore, ma chi arriverà saranno nomi condivisi con la società. Chi arriverà sarà voluto da tutti“.

Non parlo dei problemi avuti dai miei predecessori. La responsabilità dello spogliatoio sarà mia, il giocatore sarà al centro, ma sulle regole comportamentali ho già espresso la mia volontà e qual è il mio modo di gestire“.

Ognuno di noi ha la propria idea. La mia è avere una squadra che ha il controllo del gioco. Avere un’unica soluzione, che sia costruzione dal basso o passaggio diretto, diventa più controllabile. Se riusciamo a prendere giocatori adatti per il mio gioco è più facile“.

Dal 3 luglio arriverà un gruppo che deve diventare squadra, sarà compito mio farlo il più velocemente possibile“.

182 Commenti
Subscribe
Notificami
guest
182 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

Difesa ballerina, serve tempo a Liverani o è necessario andare sul mercato?

Ultimo commento: "Di Pardo acquisto inutile.. Ha giocato nel Cosenza e Vicenza, squadre che han disputato i play out, zappa lo conosciamo... Carboni al primo anno serio..."

(SONDAGGIO) Quale modulo per il nuovo Cagliari?

Ultimo commento: "Il tridente con luvumbu a destra lapadula al centro e desogus o contini a sinistra ..... contini è un ragazzo che ha corsa e molto generoso ci..."

Il modulo del nuovo Cagliari, i lettori di CalcioCasteddu promuovono il 4-3-3

Ultimo commento: "GIULINI DAI UNA SPERANZA ALLA SQUADRA ED AI TIFOSI, LASCIA LA PROPRIETA'"

Fascia da capitano, Deiola non convince i lettori di CalcioCasteddu

Ultimo commento: "I rigori li sbaglia chi li tira. Di sicuro non li tira un cacasotto che ha trascorso il suo tempo in campo nascosto dietro l'avversario, sbagliando un..."

(SONDAGGIO) Lapadula la spalla giusta per Pavoletti?

Ultimo commento: "Se avevi Caceres e Godin non saresti retrocesso."
Advertisement

I Miti rossoblu

16 campionati in rossoblu per la bandiera del Cagliari

Daniele Conti

Il portiere del leggendario scudetto del 1969-70

Enrico Albertosi

Magic Box è stato il calciatore sardo più forte in assoluto

Gianfranco Zola

Il giocatore più importante di tutta la storia del Cagliari

Gigi Riva

"BONIMBA", UNO DEI PIÙ FORTI ATTACCANTI ROSSOBLU

Roberto Boninsegna

Altro da News