cropped-cropped-CC-11.png
Sito appartenente al Network
Cerca
Close this search box.

Che attacco ha in mente Mazzarri per il rush finale?

Terminata la Coppa d’Africa, Keita ha ripreso ad allenarsi. Pavoletti scalpita per rientrare, João è insostituibile. E ora c’è anche Pereiro

No, non è uno scherzo. Lo stesso attacco del Cagliari che sino a qualche settimana fa era tra i peggiori del campionato, oggi vive una fase di rilancio. Un po’ la cura Mazzarri, un po’ il momento favorevole. Fattostà che i rossoblú, che nel 2022 hanno totalizzato già dieci punti, sono andati a segno sette volte nelle ultime cinque partite. Un dato molto positivo specialmente se paragonato allo score maturato sino alla diciannovesima giornata quando il Cagliari aveva segnato appena diciassette gol (meno di uno a partita).

PAVOLETTI + PEREIRO: LA SVOLTA. La vera svolta del Cagliari è avvenuta quando João Pedro ha smesso di incrementare il suo bottino per far spazio agli altri attaccanti (per l’oriundo un solo gol nelle ultime sette partite disputate ndr). Un leggero calo di JP10, fisiologico e comprensibile sia chiaro, ha permesso a Pavoletti e Pereiro di emergere. Il primo ha segnato gol pesanti contro Sampdoria e Bologna mentre l’uruguaiano è stato decisivo sia contro i felsinei che contro l’Atalanta.

E ADESSO? Melius abundare quam deficere (meglio abbondare che scarseggiare) dicevano gli antichi Romani. È proprio quello che pensa Walter Mazzarri che ad Empoli (o al più tardi lunedì 21 febbraio contro il Napoli) avrà a disposizione ben cinque attaccanti: Pavoletti, Pereiro, João Pedro, Keita e Gagliano. Tolto Ceter, ancora alle prese con un fastidio al ginocchio sinistro, il tecnico toscano potrà finalmente contare anche su Keita Baldè che di recente è tornato ad Assemini da vincitore della Coppa d’Africa. Il senegalese chiede spazio ma al momento è finito quarto nelle gerarchie davanti solo a Gagliano a cui va dato ancora tempo per ambientarsi in Serie A. Melius abundare, dicevamo. Ma per Mazzarri non sarà così semplice. L’ex allenatore del Watford sta già pensando a due soluzioni: un offensivo 3-4-2-1 con Pereiro e João Pedro a supporto di Pavoletti o un più difensivo 3-5-2 con João in tandem con Pavoletti e Pereiro pronto a subentrare. Delle due l’una. E voi che ne pensate?

Subscribe
Notificami
guest

48 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments

Articoli correlati

Ricordate Valter Birsa? Concluse a Cagliari la carriera: ora vive nel suo Paese e segue...
Cinque punti nelle ultime tre partite, con Atalanta, Inter e Juventus, hanno certificato come i...

Dal Network

Altre notizie

Calcio Casteddu