Resta in contatto

News

Serie C Girone B. L’Olbia sciupa le occasioni, la Vis Pesaro no: i bianchi si arrendono 1-0

Primo tempo con rare emozioni, mentre nella ripresa non siglano prima la Rosa e poi Udoh, cosa che invece fa in contropiede Cannavò

Al fischio finale dell’arbitro Vergaro di Bari l’Olbia si ritrova sconfitta 1-0 dalla Vis Pesaro. Non è stata una partita eccelsa, ma se c’era una squadra che meritava di far punti, erano i galluresi.

LA SFIDA. Primo tempo a ritmi bassi, con praticamente portieri inoperosi. In evidenza però La Rosa, primo ammonito del match per un fallo ai danni di Astrologo) al 32’, fondamentale intervento di Farroni ad evitare guai ai marchigiani e Biancu due minuti dopo. Al ritorno in campo ci si aspetta molto di più da entrambe se vogliono vincere la partita. Più propositivi gli uomini di Canzi rispetto a quelli di Banchini, ma serve ben altro per creare grattacapi al portiere di casa, che comunque si salva al 10’ quando vede il tiro calciato da La Rosa sfiorare il palo alla sua sinistra.

Dall’altra parte (16’) brivido sulla conclusione di Maracandella, quindi un minuto dopo botta di Gucci fuori. Da notare che entrambi, sono entrati in campo pochi minuti prima per aumentare il ritmo dei marchigiani in avanti. Alla mezz’ora siluro di Udoh e Farroni con una super risposta nega lo 0-1 ai bianchi. Un errore che costa caro, perché a siglare è la Vis Pesaro in contropiede (37’) per l’imbeccata di Marcandella per Cannavò, che al primo pallone toccato non sbaglia e mette lo stesso alle spalle di Van Der Want. La reazione, nei restanti minuti arriva, ma il pareggio di Udoh è annullato al 48’ per fuorigioco e così l’Olbia cade beffardamente al Benelli.

LE PAROLE DI CANZI. “Il rammarico è grande perché oggi avremmo dovuto fare risultato. Se avessimo capitalizzato almeno una delle occasioni create, staremmo parlando di un’altra partita, ma con i se con i ma non si fa la storia, quindi complimenti alla Vis Pesaro che ha saputo rendere efficaci i cambi della panchina. L’assenza di Ragatzu? Sappiamo quanto è importante per noi, ma è inutile parlare di chi non c’era. Siamo in un limbo, in questo campionato regna l’equilibrio e senza continuità di risultati saremo costretti a guardarci anche alle spalle“.

4 Commenti
Subscribe
Notificami
guest
4 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

(SONDAGGIO) Ripartire da Agostini o cambiare ancora?

Ultimo commento: "ma lassa perdi Agostini.... per chiudere il cerchio Zeman, Zeman il primo anno di gestione e disgrazie, Zeman per l'ultimo anno ( si spera..."

(SONDAGGIO) Pereiro, fuoco di paglia o serve fiducia?

Ultimo commento: "Bravo, ma senza "garra"!"

(SONDAGGIO) Cagliari-Sassuolo, ultima spiaggia per Mazzarri?

Ultimo commento: "Non credo che Mazzarri abbia molte colpe, visto che ha trovato una squadra inadeguata e anche impreparata, gli innesti di dicembre hanno portato..."

(SONDAGGIO) Cambio in panchina, giusto esonerare ora Mazzarri?

Ultimo commento: "decisione tardiva ma indispensabile. con Mazzarri la B era sicura , forse adesso c è qualche stimolo in più. Purtroppo è l epilogo di una serie di..."

Mazzarri, i lettori di CalcioCasteddu vogliono finire la stagione con il tecnico

Ultimo commento: "In ogni caso,ce la siamo scappati lo scorso anno, per il rotto della cuffia. La Salernitana, grazie a Nicola, provvidenziale il cambio,Colantuono è..."
Advertisement

I Miti rossoblu

16 campionati in rossoblu per la bandiera del Cagliari

Daniele Conti

Il portiere del leggendario scudetto del 1969-70

Enrico Albertosi

Magic Box è stato il calciatore sardo più forte in assoluto

Gianfranco Zola

Il giocatore più importante di tutta la storia del Cagliari

Gigi Riva

"BONIMBA", UNO DEI PIÙ FORTI ATTACCANTI ROSSOBLU

Roberto Boninsegna

Altro da News