Resta in contatto

L'angolo dell'avversario

Penna in Trasferta – Pucciarelli: “Cagliari all’attacco, via i freni psicologici”

Il giornalista della testata SoloSalerno e collaboratore di MondoSportivo, Giuseppe Pucciarelli, presenta per noi il match di domani tra Cagliari e Salernitana

In quali condizioni arriva la Salernitana alla trasferta di Cagliari, che, per la classifica impietosa, parla già di scontro salvezza?

Arriva davvero male. Saranno assenti Ribéry (gastroenterite, volendo dar retta alla versione ufficiale), Strandberg, Kastanos e Schiavone. I quattro si aggiungono ai lungodegenti Mamadou Coulibaly e Ruggeri. Presumo che Colantuono adatterà un 4-4-2 classico con Zortea, Gyömber, Gagliolo e Jaroszynski davanti a Belec. In mediana, Di Tacchio e Lassana Coulibaly saranno i centrali con Kechrida a destra e Ranieri a sinistra. Djuric in avanti con accanto uno tra Simy e Bonazzoli“.

Vicende societarie a parte, come reputi la situazione dal punto di vista tecnico?

Purtroppo le due questioni non si possono scindere. Nonostante Fabiani avesse assicurato che le risorse per allestire la squadra ci sarebbero state, la rosa è stata allestita davvero male. Mancano un centrocampista di qualità, un difensore esperto e due esterni con un minimo di tecnica. Invece, Fabiani ha sbagliato tutto quello che si poteva sbagliare, dimostrando ancora una volta che la competenza calcistica non sia proprio il suo forte. La Salernitana ora deve arrivare al mercato di gennaio sperando di restare aggrappata alla zona salvezza. E sperando che tal mercato di gennaio sia trattato da una nuova società e un nuovo direttore sportivo“.

Il cambio di panchina e l’arrivo di Colantuono: ha portato finora degli effetti apprezzabili?

Purtroppo no. Solo un successo, ottenuto a Venezia grazie a una papera di Romero in pieno recupero e poi solo sconfitte. Ma Colantuono, che non allenava da diversi anni in Serie A, non può far miracoli con una rosa totalmente inadeguata alla categoria. Quindi, le responsabilità sono tutte da attribuire a chi ha allestito la squadra: Fabiani“.

Capitolo Cagliari: come reputi lo stato di salute dei rossoblù, che contro il Sassuolo hanno finalmente spezzato un trend negativo con un pareggio?

Beh, sia con l’Atalanta che con il Sassuolo si è vista una squadra che comunque ha voglia di combattere e di giocarsela. Gli schemi di Mazzarri stanno pian piano prendendo piede nella rosa e quindi la strada per risalire la china sembrerebbe essere stata intrapresa“.

Secondo te quali sono le cause determinanti, anche quest’anno, che mantengono il Cagliari in affanno?

Io penso che il problema sia psicologico. Mi spiego. La rosa del Cagliari non è assolutamente da salvezza sofferta ma, allo stesso tempo, non è da zona Europa. Non vorrei che i calciatori pensino: ‘Possiamo salvarci quando vogliamo, in Europa non possiamo andare, quindi pure se ci distraiamo qualche volta non fa nulla’. Il fatto che le ultime stagioni del Cagliari stiano seguendo un andamento similare, mi fa propendere per questa tesi“.

I punti di forza di entrambe le squadre e la motivazione.

Per il Cagliari la qualità della rosa e il fatto di poter tornare alla vittoria; per la Salernitana, il calendario. Dopo il Cagliari vi saranno Juventus, Milan, Fiorentina e Inter. Un poker di partite che, al 99%, significherà zero punti. Quindi, la vittoria a Cagliari sarebbe una delle ultime occasioni per mettere fieno in cascina prima della fine del girone d’andata. Ma sarà difficile“.

Che partita ti aspetti domani all’Unipol Domus?

Una partita dall’andamento scontato. Cagliari all’attacco, che cercherà di chiudere i giochi il prima possibile. La Salernitana dovrà difendersi e sfruttare le poche occasioni a favore che le capiteranno“.

9 Commenti
Subscribe
Notificami
guest
9 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

(SONDAGGIO) Lapadula e Pavoletti, staffetta o devono giocare insieme?

Ultimo commento: "Pavoletti lasciatelo in panchina e adesso mettiamo Mancosu"

Poca affidabilità dietro, per i lettori di CalcioCasteddu servono rinforzi

Ultimo commento: "MANDIAMOCI TUTTO IL BATTAGLIONE S,MARCO...O I GRANATIERI DI SARDEGNA ARMATI DI TUTTO PUNTO...COSI LE PARTITE LE VINCIAMO...(QUALCUNA)"

(SONDAGGIO) Quale modulo per il nuovo Cagliari?

Ultimo commento: "Allenatore non all'altezza ... come capita sempre del resto nelle scelte di Giulini"

Il modulo del nuovo Cagliari, i lettori di CalcioCasteddu promuovono il 4-3-3

Ultimo commento: "Giulini drogato, Capozucca il suo pusher"

Difesa ballerina, serve tempo a Liverani o è necessario andare sul mercato?

Ultimo commento: "Tu ti sei già abituato al mestolo di Giulio, continua a lucidarglielo per bene, mi raccomando."
Advertisement

I Miti rossoblu

16 campionati in rossoblu per la bandiera del Cagliari

Daniele Conti

Il portiere del leggendario scudetto del 1969-70

Enrico Albertosi

Magic Box è stato il calciatore sardo più forte in assoluto

Gianfranco Zola

Il giocatore più importante di tutta la storia del Cagliari

Gigi Riva

"BONIMBA", UNO DEI PIÙ FORTI ATTACCANTI ROSSOBLU

Roberto Boninsegna

Altro da L'angolo dell'avversario