Resta in contatto

News

Vicario: “L’esordio con l’Inter un’emozione, lì è scattato qualcosa in noi”

Il portiere del Cagliari ha parlato ai microfoni di Radiolina del suo ottimo periodo d’ambientamento in Serie A fatto di vittorie e interventi decisivi

L’ESORDIO. “Per me è stata una grande emozione esordire con il Cagliari ed è stata una fortuna farlo contro l’Inter, la prima della classe, a San Siro. Sicuramente è stato gratificante fare nove punti in una settimana, adesso arriva il difficile. Sta a noi continuare a spingere sull’acceleratore per questo finale”. Così il portiere rossoblù Guglielmo Vicario ha raccontato il suo primo impatto con la Serie A ai microfoni di Radiolina. “Le parole di Conte? Mi hanno fatto piacere, ma sicuramente quello che mi ha fatto più piacere è che in quella partita qualcosa in noi è scattato“.

IL GRUPPO. “Quella che ha preceduto la partita di San Siro è stata una settimana importante, il gruppo portieri è molto affiatato, per me è una grande fortuna e opportunità, ne vado fiero. C’è stato grande sostegno da parte di tutti e li ringrazio. La parata su Eriksen mi ha dato una grossa mano, mi ha fatto entrare subito pronto in gara, è stata una situazione importante. Cragno è un talento innato, ha grande esplosività e senso della posizione. Sono le due cose che cerco di rubargli e farle mie. Con Aresti ho un bel rapporto allo stesso modo, lo vedo come un fratello maggiore”.

LA SUA TERRA. “Per me è stato bello vincere a Udine, è la mia terra e sono molto legato. Un’emozione veramente grande. Ho fatto un anno di Primavera con l’Udinese. Io Scuffet e Meret siamo della stessa nidiata. Ci sentiamo spesso e siamo molto legati, ho un bel rapporto con loro. La passione per giocare in porta è scattata quasi subito, a 8-9 anni. Mio papà mi voleva vedere giocare fuori, ma a me piaceva giocare lì. Diciamo che sono riuscito a vincere questa sfida con lui. Sono cresciuto col mito di Handanovic, credo sia uno dei migliori interpreti del ruolo”.

VERSO LA SALVEZZA. “Il clima ad Asseminello è cambiato con questi risultati, condizionano la testa e le gambe. Ma ce li siamo meritati e dobbiamo continuare ad andare dritti per la nostra strada. Siamo obbligati a pensare gara per gara. Il Napoli sta bene, noi anche. Dobbiamo cercare di fare punti, sappiamo la loro forza, ma sappiamo di essere un gruppo unito e forte. La partita col Parma è stata la più bella, ci ha dato la spinta”.

24 Commenti
Subscribe
Notificami
guest
24 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

(SONDAGGIO) Quale modulo per il nuovo Cagliari?

Ultimo commento: "Il tridente con luvumbu a destra lapadula al centro e desogus o contini a sinistra ..... contini è un ragazzo che ha corsa e molto generoso ci..."

Il modulo del nuovo Cagliari, i lettori di CalcioCasteddu promuovono il 4-3-3

Ultimo commento: "GIULINI DAI UNA SPERANZA ALLA SQUADRA ED AI TIFOSI, LASCIA LA PROPRIETA'"

Fascia da capitano, Deiola non convince i lettori di CalcioCasteddu

Ultimo commento: "I rigori li sbaglia chi li tira. Di sicuro non li tira un cacasotto che ha trascorso il suo tempo in campo nascosto dietro l'avversario, sbagliando un..."

(SONDAGGIO) Lapadula la spalla giusta per Pavoletti?

Ultimo commento: "Se avevi Caceres e Godin non saresti retrocesso."

I lettori di CalcioCasteddu a maggioranza: Joao Pedro deve restare

Ultimo commento: "IN TURCHIA RESTERÀ FERMO UN MESE PER STIRAMENTO, GRANDE FORTUNA DEL CAGLIARI PER LA SUA FUORIUSCITA."
Advertisement

I Miti rossoblu

16 campionati in rossoblu per la bandiera del Cagliari

Daniele Conti

Il portiere del leggendario scudetto del 1969-70

Enrico Albertosi

Magic Box è stato il calciatore sardo più forte in assoluto

Gianfranco Zola

Il giocatore più importante di tutta la storia del Cagliari

Gigi Riva

"BONIMBA", UNO DEI PIÙ FORTI ATTACCANTI ROSSOBLU

Roberto Boninsegna

Altro da News